tendenze social media
CategoriesSocial Media

Una delle grandi massime della nostra cultura è che niente rimane lo stesso. Le tendenze fanno parte della vita, che si tratti di moda, comunicazione o persino architettura. Le persone parlano persino di tendenze, soprattutto perché hanno un impatto sulla vita di tutti i giorni. E, negli ultimi due decenni, le tendenze dei social media sono diventate una preoccupazione crescente sia per i consumatori che per gli esperti di marketing. In questo articolo, esamineremo le principali tendenze che stiamo vedendo quest’anno. Si spera che questo ti aiuti a guidare il tuo processo decisionale.

L’economia dei social media si espande

Esempio di marketing per influencer di contenuti generati dagli utenti di acqua frizzante Mineragua

Tra le tendenze dei social media del 2022, riconosciamo uno schema: l’economia dei social media è in espansione. Per i nostri scopi, l’economia dei social media coinvolge le persone che spendono e fanno soldi online. Ciò può includere la monetizzazione di contenuti, acquisti, abbonamenti, pubblicità e altro ancora. Diamo un’occhiata a questa categoria di sviluppi.

1. I social media diventano una piattaforma di acquisto più forte

Dall’inizio della pandemia, i social media si sono evoluti da una piattaforma di shopping relativamente minore a una forza economica significativa. Ad esempio, le persone sono più felici di acquistare cose attraverso le funzioni dei social media come i post di Instagram acquistabili e facendo clic sugli annunci social. Inoltre, Facebook Messenger ha un ruolo più importante che mai nel servizio clienti e negli acquisti.

Inoltre, secondo Forbes Magazine, gli esperti sostengono che le tendenze dei social media verso il social selling aumenteranno rapidamente. Questa è una cosa in cui la Cina era in testa alla curva prima del 2020, ma si prevede che l’America continuerà a colmare il divario. Forse questo non sorprende, tuttavia, data la maggiore importanza degli influencer per l’acquisizione dei clienti.

2. I social media a pagamento continuano ad aumentare

Allo stesso modo, i marchi stanno incontrando le tendenze spendendo di più in pubblicità sui social media. Soprattutto dal momento che reti come Facebook hanno da tempo messo in svantaggio i contenuti di marca organici, questa è una delle tendenze dei social media a più lungo termine. La spesa pubblicitaria è aumentata costantemente per molti anni e gli esperti di marketing si aspettano che la tendenza continui a lungo termine. I marchi che non fanno pubblicità sui social media stanno perdendo molte entrate potenziali.

3. Boom dell’economia dei creatori / Collaborazione del marchio con creatori di contenuti / Nano e micro influencer

Se hai trascorso molto tempo su YouTube, probabilmente avrai notato che molti canali vengono monetizzati. Che si tratti di un abbonamento tramite YouTube, di un sito di sponsorizzazione esterno o anche di collaborazioni di marca.

Parlando di collaborazioni su YouTube, questo concetto non è nuovo. In effetti, è stata l’ascesa dell’influencer marketing che ha contribuito a creare il concetto di sponsorizzazioni a pagamento. Un tempo i creatori di contenuti sui social media pubblicavano contenuti per essere famosi o per tenere traccia della loro rete. Le opzioni di monetizzazione erano nella migliore delle ipotesi minime.

L’ascesa dell’influencer marketing ha cambiato tutto in questo senso. Le aziende hanno scoperto che gli influencer parlavano di prodotti e che i loro follower spesso li acquistavano. Nel tempo, gli influencer hanno iniziato a ricevere sponsorizzazioni a pagamento perché i marchi hanno visto il valore di queste pubblicità. La spesa per l’influencer marketing è cresciuta al punto che alcune aziende ci spendono gran parte del proprio budget di marketing. Inoltre, anche gli influencer con basi di abbonati relativamente piccole fanno ora parte della scena del marketing.

Questa tendenza è continuata: poiché un numero sempre maggiore di marchi ha fame di più contenuti, i creatori di contenuti stanno trovando nuovi modi per monetizzare i propri follower, inclusa la creazione di corsi e NFT. Il contenuto non riguarda più tanto il marketing dei contenuti o l’esposizione. Sempre più spesso, la creazione di contenuti è un lavoro secondario e persino un lavoro a tempo pieno.

Ottieni maggiori informazioni contattando la nostra web agency

 

Tiktok breve video

Sebbene i social media siano nati come mezzo principale basato su testo e grafica, da tempo sono cresciuti oltre questi confini. Al giorno d’oggi, i social media includono video di ogni lunghezza e tipo. Alcuni sono elaborati, mentre altri possono essere presi con uno smartphone e pubblicati subito. Le opzioni sono infinite, quindi non sorprende che i contenuti video costituiscano alcune delle tendenze dei social media per il 2022.

4. Dominazione continua dei contenuti video

Secondo YouTube, gli utenti guardano ogni giorno ben 1 miliardo di ore di contenuti. Considerando la popolazione mondiale totale, ciò significa che in media tutti guardano YouTube ogni giorno. È ancora più impressionante se si considera che una grande percentuale delle ore di YouTube è generata dai consumatori. Anche i contenuti brandizzati realizzati dalle aziende sono prevalenti, ma puoi vedere il potere che YouTube ha in generale.

Tuttavia, YouTube non è l’unico programma in città per i contenuti video. Ci sono Facebook Live, Vimeo, Instagram e molte altre piattaforme. Sommati insieme, il potenziale per persone e marchi di distinguersi attraverso i video è incredibile.

5. Il contenuto video in forma abbreviata è ancora in forte espansione

Le opzioni di contenuto in forma abbreviata includono YouTube Shorts, Instagram Reels, TikTok, Pinterest Idea Pins e Google Web Stories. Molte di queste opzioni, come TikTok e YouTube Shorts, sono emerse negli ultimi anni. E mentre YouTube Shorts è un’espansione di una piattaforma esistente, TikTok è qualcosa di cui non avevamo sentito parlare fino a poco tempo. In un mercato libero, nuove opportunità sono destinate a sorgere ogni volta che c’è da guadagnare. L’esistenza stessa di nuove opzioni di contenuto video mostra che il video rimane una delle grandi tendenze dei social media.

Diamo un’occhiata a questo in un altro modo. TikTok ha preso d’assalto il mondo quando si è ramificato dalla Cina continentale. È giovane e alla moda, con una fascia demografica molto giovane. Sfortunatamente, ha anche portato a molti comportamenti pericolosi per ottenere visualizzazioni. Tuttavia, c’è un numero crescente di creatori di contenuti TikTok che sono influencer pagati. Se un video in formato breve non fosse ancora interessante, gli inserzionisti non avrebbero iniziato a lavorare con gli influencer di TikTok.

Responsabilità del marchio nei social media

responsabilità del marchio nei social media le vite nere contano marzo

La pandemia di COVID ci ha avvicinato tutti gli uni agli altri attraverso i social media, e i social media sono diventati una parte sempre più grande di ogni movimento sociale che è accaduto da allora. A partire da Black Lives Matter, sappiamo come reagiranno le aziende agli eventi mondiali. Più recentemente, le aziende si stanno rivolgendo ai social media per annunciare il loro boicottaggio alla Russia e mostrare il loro sostegno all’Ucraina. Indipendentemente da come la vedi, non c’è dubbio che gli utenti dei social media ritengano i marchi più responsabili nei social media e molti marchi stanno rispondendo positivamente a questa tendenza.

Questo argomento è fondamentale per la realizzazione siti web milano

6. Aumento delle richieste di responsabilità del marchio e consapevolezza sociale

C’era una volta, i marchi potevano fingere di non preoccuparsi di nulla che accadesse nel mondo. Non dovevano prendere posizione sulle questioni sociali e a nessuno importava davvero come trattavano i propri dipendenti. Tuttavia, i tempi sono cambiati. Una delle più grandi tendenze dei social media sta chiamando i marchi per la loro posizione su diverse questioni sociali. Avere la posizione sbagliata su alcune cose può persino far “cancellare” un marchio. Molti eventi negli ultimi due anni hanno dimostrato fino a che punto ciò sia vero.

Tuttavia, non si tratta solo di questioni di giustizia sociale. Piuttosto, le persone vogliono sapere se un’azienda è trasparente riguardo alle sue catene di approvvigionamento. Alcuni grandi marchi hanno avuto molti problemi con i consumatori a causa di cattive pratiche di lavoro. Wal-Mart e Apple sono ottimi esempi: Wal-Mart viene pressurizzato per salari bassi e Apple è spesso accusata di utilizzare fabbriche con condizioni di lavoro precarie. In entrambi i casi, la guerra viene condotta sui social media oltre che su altri forum.

7. Rinnovato focus su inclusività e diversità

In questi giorni, quando le aziende commettono un’ingiustizia percepita nei confronti di un dipendente che appartiene a un gruppo “svantaggiato”, vengono spesso richiamate sui social media. Questo mostra un’altra delle nostre tendenze sui social media: un focus su inclusività e diversità. In risposta a questa tendenza, molti datori di lavoro parlano di quanto bene il loro marchio tratti le minoranze, le donne e le persone LGBTQ, tra gli altri. Le aziende hanno anche comitati che cercano modi per essere più inclusivi e diversificati.

Da tenere sempre in considerazione quando si procede alla realizzazione ecommerce

 

C’è un motivo per cui le aziende sono così concentrate su questi problemi. Un sondaggio del 2018 mostra che il 70% dei millennial preferisce marchi più diversi e inclusivi nella messaggistica del marchio. Questo è uno dei motivi per cui così tanti marchi sono usciti per Black Lives Matter nel 2020 e perché così tanti marchi si stanno ritirando dalla Russia in questo momento. Nel 2020, i marchi cercavano di conquistare i clienti con i loro messaggi. Ora, nel 2022, nessuno vuole alcuna associazione con la Russia, anche se lì possono fare soldi.

“Nuove” Aree di Crescita nei Social Media

il meme marketing come nuova area di crescita nei social media

Sebbene la maggior parte delle tendenze dei social media fossero visibili diversi anni fa, alcune di esse stanno ancora emergendo. Ad esempio, il nostro mondo è diventato più interconnesso che mai, anche sulla scia del blocco del COVID. In particolare, non potersi incontrare di persona ha spinto molte interazioni interpersonali online, sia tramite Zoom che su piattaforme video. Ora, anche i piccoli social network stanno diventando influenti.

8. Il dominio dei social media di TikTok

Solo cinque anni fa, la maggior parte di noi non aveva mai sentito parlare di TikTok. In effetti, questa importazione cinese ha preso d’assalto la scena dei social media statunitensi. Con oltre un miliardo di spettatori, è anche uno con un ampio seguito. Ecco un altro fatto interessante: in un sondaggio tra gli utenti di telefoni Android , le persone trascorrevano più ore alla settimana su TikTok rispetto a YouTube. Questo è impressionante per una rete giovane, ma forse meno sorprendente se si considera che TikTok è pensato per gli smartphone.

Tuttavia, il dominio di TikTok va ben oltre le ore di visualizzazione. Uno studio mostra che la pubblicità su TikTok è vista in modo più favorevole rispetto a quella presentata sulla maggior parte delle altre reti. Questo potrebbe non sorprendere se si considera che TikTok ha una base di utenti giovane e alla moda e un’etica bizzarra. Oppure potrebbe essere perché gli annunci sono più di tendenza. Ad ogni modo, gli inserzionisti su TikTok trovano più facile contrastare l’atteggiamento stanco che le persone hanno nei confronti di gran parte della pubblicità online.

9. Utilizzo dei Contenuti Generati dall’Utente

Tra le tendenze dei social media, il valore dei contenuti generati dagli utenti è consolidato. L’influencer marketing, in generale, è diventato una delle principali forze di mercato, ma in questi giorni è diventato più collaborativo. Ad esempio, i post di Instagram acquistabili messi insieme da un influencer aiutano a vendere molte unità di prodotto. Detto questo, anche altri tipi di UGC aiutano a vendere cose e aumentare la consapevolezza del marchio.

Quanto è efficace questa tecnica? Alcuni marchi stanno persino abbandonando il loro studio di creazione di contenuti o lo stanno ridimensionando in modo significativo. I marchi hanno scoperto che c’è un ROI molto più alto quando pagano un influencer per creare contenuti rispetto a quando acquistano pubblicità tradizionale. Con l’aumento dei costi della pubblicità sociale, il divario del ROI non fa che aumentare.

10. Aumentare la connessione e la personalizzazione del marchio con il loro pubblico

La maggior parte di noi ha visto il messaggio “quale annuncio preferisci” su alcuni servizi di streaming video. Questa è una forma grezza di personalizzazione, che è una delle ultime tendenze dei social media. Nel corso del tempo, i marchi si sono resi conto che è più probabile che le persone acquistino da marchi con cui sentono un legame personale. In altre parole, il vecchio modello “taglia unica” non funziona come una volta.

In che modo i marketer stanno sfruttando queste tendenze dei social media? In poche parole, personalizzano i messaggi per ogni segmento di mercato. In molti casi, gli annunci sono anche personalizzati in base alla cronologia di navigazione. Ad esempio, un’azienda alimentare gourmet potrebbe imparare dai big data che ami il cibo giapponese, quindi pubblicare annunci per l’autentica salsa teriyaki. Questa pratica è stata comune nella maggior parte delle pagine web per anni. La differenza ora è che stai vedendo una maggiore personalizzazione anche sui

Potresti valutare di approfondire l’argomento presso la nostra agenzia seo

11. Abbracciare le piattaforme “più piccole” come Pinterest, LinkedIn e Snapchat

Mentre alcuni si sono concentrati su Facebook, Instagram e TikTok, c’è anche un rinnovato interesse per altri grandi social network come Pinterest, LinkedIn e Snapchat. In altre parole, video e immagini non sono gli unici tipi di contenuto che stanno beneficiando delle recenti tendenze dei social media. Inoltre, le dimensioni del social network non fanno la stessa differenza di una volta.

Pinterest ha visto un’enorme crescita durante il COVID. Infatti, hanno aggiunto oltre 26 milioni di utenti . Considerando che molti proprietari di case hanno scoperto di voler rinnovare le loro case durante questo periodo, probabilmente non è sorprendente. Dopotutto, Pinterest è un social network basato sulle idee in cui le persone vanno a pianificare progetti. E per gli affittuari, l’improvvisa necessità di uno spazio di lavoro da casa o una maggiore organizzazione domestica avrebbe anche spinto le persone a Pinterest.

Anche le reti professionali hanno beneficiato del cambiamento delle tendenze dei social media. Il coinvolgimento organico su LinkedIn sembra essere vivo e vegeto rispetto a Facebook. Con la necessità di spostare molte reti professionali online, non sorprende che le persone trascorrano più tempo su LinkedIn. E, poiché il networking richiede molta interazione, il coinvolgimento organico è salito alle stelle.

Infine, Snapchat sta rapidamente diventando la seconda piattaforma di messaggistica preferita per la Generazione Z e non se ne andrà. Snapchat ha sempre goduto di un seguito più ampio tra le giovani generazioni. Tuttavia, ha avuto problemi per un po’, con altri social network che si avvicinavano. L’utilità di Snapchat per la messaggistica, tuttavia, ha contribuito a invertire le loro sorti.

 

12. Crescente costruzione della comunità sociale B2B

Quando qualcuno menziona le comunità dei social media, la maggior parte di noi pensa al marketing B2C e ai gruppi di affinità speciali. Tuttavia, una delle ultime tendenze sui social media è che i marchi B2B stanno costruendo comunità sui social network come Facebook. Queste comunità di solito condividono suggerimenti e trucchi specifici del settore mentre parlano anche di prodotti. Nel tempo, i responsabili delle decisioni aziendali costruiscono affinità con il marchio e, quando arriva il momento, acquistano ciò di cui hanno bisogno da quell’azienda.

Da considerare per la realizzazione siti web legnano

13. Marketing dei meme

Infine, i meme si stanno unendo alle ultime tendenze dei social media. Sebbene i meme siano in circolazione da molto tempo, il loro uso nel social media marketing è molto più recente. Eppure, in un certo senso, è sorprendente che gli inserzionisti abbiano impiegato così tanto tempo per abbracciare questo artefatto culturale come un modo per vendere cose. Dopotutto, l’umorismo fa parte del marketing da molto tempo.

Perché i meme stanno diventando così popolari come strumento di marketing? In breve, perché sono coinvolgenti e divertenti. I meme spesso commentano realtà culturali, prendono in giro situazioni folli o semplicemente raccontano una barzelletta. E, in un’epoca in cui la maggior parte di noi ha bisogno di una bella risata, i meme funzionano. Usarli per vendere cose è uno sviluppo naturale.

Non c’è dubbio che le tendenze dei social media abbiano incluso alcune continuazioni degli anni precedenti. Tuttavia, dall’inizio della pandemia, sono emerse alcune altre tendenze. In qualità di esperti di marketing, è fondamentale tenere traccia di queste tendenze per continuare a fornire marketing pertinente ed efficace per i nostri clienti o datori di lavoro. In cambio, otterremo un ROI davvero buono che è degno di vantarsi per anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.