17 metriche da considerare con email marketing
CategoriesE-mail Marketing

Una cosa del marketing che probabilmente non cambierà mai è la sua attenzione ai numeri. In particolare, il ritorno sull’investimento sarà sempre al primo posto nelle nostre menti. Sebbene sia più recente dei metodi multimediali tradizionali, l’email marketing non fa eccezione. E tutti sanno che questa modalità ha uno dei migliori ROI. Tuttavia, essere in grado di dimostrare il ROI del tuo email marketing dipenderà dal modo in cui riferisci sulla sua efficacia.

Farlo in modo efficace non è così facile come sembra. Sebbene ogni fornitore di servizi di email marketing abbia le proprie analisi che ti mostrano, a un certo punto dovrai raccogliere quei dati insieme ai tuoi dati di Google Analytics. Ciò significa che non è possibile fare affidamento sui dati esterni come unico report di email marketing. Vediamo quali metriche dovresti considerare da includere nel tuo report di email marketing indipendentemente dall’analisi fornita dal tuo servizio di email marketing.

Questo argomento è molto sfruttato dal consulente seo

Dove ottenere quali metriche per il tuo report di email marketing

Il tuo rapporto di email marketing dovrebbe fornire una visione completa dei tuoi sforzi, insieme all’efficacia di ciascun componente. Indipendentemente dal fatto che utilizzi un software di reporting, un prodotto Microsoft Office o persino un messaggio di posta elettronica, ci sono molti dettagli importanti che dovrebbero far parte del tuo rapporto di marketing tramite posta elettronica.

Sfortunatamente, molti di questi sono trascurati. Secondo un rapporto di Litmus , le prime tre metriche misurate sono Open Rate, Clickthrough Rate e Unsubscribe Rate. Ma meno del 70% dei marketer tiene traccia di altre metriche importanti. Dovresti essere uno dei primi 30% conoscendo le tue metriche di email marketing e perché sono importanti.

Esistono 4 categorie principali di metriche che devono essere incluse nel report di email marketing. Come vedrai, non tutti sono forniti dal tuo provider di email marketing, ed è per questo che dovrai aggregare dati da diverse fonti per creare un rapporto di email marketing che abbia valore aziendale.

Dopo aver esaminato le metriche importanti da considerare per il tuo report di email marketing, ti darò alcuni consigli su come analizzarle.

Da valutare anche per la creazione siti e commerce

Metriche fornite dal provider di posta elettronica: per valutare e migliorare la salute e la convertibilità dell’intero elenco

Questa categoria copre gli indicatori di quanto è buono il tuo elenco e comprenderlo è una parte importante di come creare un rapporto di email marketing. Misura se le persone stanno ricevendo il messaggio del tuo marchio e quanto bene stanno rispondendo ad esso. Puoi anche usare questi numeri per modificare la tua strategia.

  • Abbonati totali : quante persone sono iscritte alle tue e-mail o newsletter promozionali.
  • Crescita degli iscritti : con che rapidità aggiungi iscritti alla tua lista?
  • Tasso di annullamento dell’iscrizione: con quale frequenza, in termini di percentuale di iscritti, le persone annullano l’iscrizione? Se sta finendo, dovrai sapere perché.
  • Totale e-mail inviate : in poche parole, quante e-mail stai inviando per periodo di tempo? Questo accade ogni volta che invii un’e-mail a un indirizzo.
  • Tasso di apertura : quale percentuale delle tue e-mail vengono aperte?
  • Percentuale di clic : con quale frequenza i destinatari fanno clic sulle tue e-mail verso una pagina di destinazione?
  • Frequenza di rimbalzo : percentuale di e-mail che vengono “restituite” o “rifiutate” dal server di ricezione. Il rimbalzo è in genere il risultato della disconnessione di un indirizzo e-mail.
  • Segnalato come tasso di spam : con quale frequenza gli utenti affermano che un’e-mail è spam. Questo è davvero negativo per la tua capacità di ricevere un’e-mail nella posta in arrivo delle persone.
  • Deliverability : l’ opposto della frequenza di rimbalzo . In altre parole, la percentuale di email ricevute dal server di destinazione.

Metriche dei contenuti fornite dal provider di posta elettronica: per migliorare le prestazioni dei tuoi contenuti

Questa categoria esamina l’andamento generale dei tuoi contenuti. Una cosa è ricevere un’e-mail, o addirittura leggerla, e un’altra è che il contenuto arrivi a casa. Anche nel regno del successo, non tutto andrà bene allo stesso modo.

  • Campagne/messaggi con il rendimento migliore/peggiore in termini di percentuale di apertura e/o percentuale di clic . In altre parole, qual è il tuo tono migliore o il tuo tono peggiore.
  • Sequenze con prestazioni migliori/peggiori : qui stai osservando come funziona una serie di e-mail, soprattutto rispetto ad altre nella tua libreria.
  • Automazioni con prestazioni migliori/peggiori : quali e-mail attivate sono i valori anomali sulle prestazioni. C’è margine di miglioramento?

Il bello di questa categoria di metriche è che è oro puro per migliorare la qualità dei tuoi contenuti. Ad esempio, se qualcosa che stai inviando manca il bersaglio, sarai in grado di vederlo abbastanza rapidamente. Quindi, devi solo capire come correggerlo. A volte i tuoi contenuti più performanti ti daranno un indizio.

Metriche degli abbonati fornite dal provider di posta elettronica: per valutare quali abbonati sono molto coinvolti e quelli che devono essere coinvolti nuovamente

La maggior parte delle persone non è sempre coinvolta allo stesso modo con un marchio. Ad esempio, alcune persone aggiornano i loro guardaroba ogni due anni o preferiscono la tua marca di abbigliamento solo per una stagione. Qui, potrebbero esserci alcune opportunità per aumentare il coinvolgimento. Allo stesso modo, un abbonato molto coinvolto potrebbe essere un sostenitore del marchio o un influencer che puoi sfruttare per scopi di marketing di influencer .

  • Abbonati con il punteggio più alto/attività : questi ragazzi adorano i tuoi prodotti e rappresentano una relazione che deve essere coltivata. Assicurati di analizzare il più possibile i dati demografici e i segmenti di mercato.
  • Abbonati che hanno perso il controllo e hanno bisogno di essere coinvolti nuovamente : le persone spesso dimenticano un marchio quando arriva l’ultima novità. Oltre a questo, ci sono consumatori che scoprono di aver bisogno o vogliono qualcosa di meno. Anche se vendi cose di cui molti clienti smettono di aver bisogno, ovviamente, devi tenere traccia del coinvolgimento degli abbonati.

Questo argomento è fondamentale per la realizzazione siti web milano

Metriche di analisi web: misura il ROI e l’analisi della canalizzazione

L’email marketing, se fatto bene, ha un effetto significativo sul traffico del tuo sito web. Ciò include le persone che fanno clic e acquistano cose, così come coloro che seguono in altri modi. Ad esempio, potrebbero scaricare alcuni contenuti gratuiti o iscriversi a una chiamata di vendita. Sapere come creare un report di email marketing implica anche l’utilizzo di queste metriche.

  • Traffico generato dal sito Web : quante persone o quale percentuale di iscritti visitano il tuo sito Web in risposta a campagne e-mail?
  • Lead generati : quanto è efficace il tuo email marketing nel generare lead? Anche in questo caso, questo è in genere espresso come numero grezzo o percentuale.
  • Conversioni generate : quanto spesso le persone acquistano qualcosa come risultato delle tue campagne e-mail?

In ciascuna di queste situazioni, l’analisi del tuo sito Web è combinata con le percentuali di clic delle e-mail e altre forme di coinvolgimento. Ciò significa che stai misurando il ROI utilizzando una varietà di metriche provenienti da fonti diverse. Quindi, puoi perfezionare la tua canalizzazione con molte informazioni di qualità.

Come analizzare il tuo report di email marketing e 7 suggerimenti per migliorare le tue prestazioni

Saper creare un report di email marketing significa che devi eseguire l’analisi dei numeri. Cioè, le analisi valgono molto meno senza pensare a come applicare i risultati. Ecco alcuni suggerimenti per aiutare a interpretare i risultati.

Crescita degli iscritti

La crescita dei tuoi iscritti sta rispettando il tuo piano? In caso contrario, potresti prendere in considerazione l’aggiunta di più/migliori lead magnet o di fare più eventi o offrire più incentivi. Avere un basso tasso di crescita degli abbonati significa che non stai fornendo abbastanza valore ai potenziali abbonati. Studia quale dei tuoi incentivi funziona meglio e fai di più.

Da tenere sempre presente anche per la realizzazione e commerce milano

Tariffe di cancellazione

Secondo Campaign Monitor, le percentuali di annullamento dell’iscrizione dovrebbero essere inferiori al 2%. Questo livello di logoramento rappresenta perdite inevitabili. Le persone passano attraverso cambiamenti di carriera, che influenzeranno l’interesse per un marchio B2B. Oppure, per i marchi di consumo, le esigenze delle persone cambiano. Ciò è particolarmente vero se il tuo marchio si rivolge a una determinata fase della vita, come le forniture per bambini.

Quali sono le tue tariffe aperte?

I tassi di apertura sono un ottimo indicatore della salute generale dell’elenco. Quando si inviano e-mail in blocco, un tasso di apertura ideale è compreso tra il 30 e il 40%. Questo livello indica che il tuo pubblico è coinvolto con il tuo marchio. Se hai questi tassi di apertura, è importante analizzare ciò che stai facendo bene. Parte di come creare un rapporto di email marketing è articolare ciò che stai facendo bene.

Quanto è buona la tua percentuale di clic?

In media, le campagne di email marketing hanno una percentuale di clic del 2,13%. Quindi, se hai un CTR superiore a questo, stai andando davvero bene. Inferiore a circa il 2% e devi capire cosa non va. Una buona percentuale di clic è un ottimo indicatore di un ROI elevato, poiché significa che hai una buona opportunità per vendere prodotti e servizi.

La tua frequenza di rimbalzo è sana?

Il rimbalzo delle e-mail ti costa in diversi modi. Non solo devi spendere soldi per inviarli, ma un numero eccessivo di e-mail rimbalzate può farti bloccare. In effetti, i provider di posta elettronica iniziano a bloccare un intero dominio se ha una frequenza di rimbalzo superiore all’1%. Ciò deriva dalle preoccupazioni per lo spam: gli spammer inviano e-mail e non importa quanti ne vengono consegnati.

Da tenere sempre presente anche per la realizzazione e commerce milano

Consegnabilità dell’e-mail

Inoltre, sapere come creare un report di email marketing significa analizzare i tassi di recapito delle email. Tieni presente che non tutte le email che non vengono consegnate vengono conteggiate a tuo carico. Molti di loro entrano in un buco nero. Secondo EmailToolTester, i fornitori di servizi di posta elettronica nel loro insieme raggiungono un tasso medio di recapito del 79,6% .

Tuttavia, un tasso di mancata consegna di quasi il 20% rappresenta molte e-mail che stai pagando per inviare ma che non ripagheranno. Questo uccide il tuo ROI molto rapidamente e dovresti agire molto prima che il tuo tasso di consegna scenda così basso. Se il tasso di recapito scende al di sotto del 97%, prendi in considerazione l’utilizzo di un servizio di verifica e-mail come Voila Norbert o la modifica dei fornitori di servizi di e-mail marketing. È qui che fai le tue ricerche per scoprire cosa si adatta meglio alle tue esigenze in futuro.

Controllo dei contenuti del sito web

Per il traffico del sito web, i lead e le conversioni, assicurati di non avere perdite di canalizzazione. La perdita del funnel è il punto in cui un passaggio del funnel di vendita ti manca. Non importa quanto sia buono il funnel, non tutti si convertiranno in clienti. Tuttavia, puoi avere alcune canalizzazioni, o parti di canalizzazioni, che sono migliori di altre.

Da considerare per la realizzazione siti web busto arsizio

Ed è così che crei un rapporto di email marketing

Dopo aver seguito tutti questi passaggi, saprai come creare un report di email marketing. Se il ROI è attualmente basso, scopri quali aspetti delle tue campagne sono deboli, quindi migliorali. Se ritieni che il ROI dei tuoi sforzi di email marketing sia elevato, investi di più nelle attività di creazione di elenchi. Sarà facile scalare una strategia di successo, purché rimanga vincente. Nel marketing, niente è più importante di KPI, ROI e altre metriche. Tuttavia, nell’email marketing c’è un’enorme quantità di dati che aiuta a migliorare le prestazioni di marketing. Questo è molto più semplice del monitoraggio del ROI nella stampa tradizionale o nei media broadcast. E ora che sai come creare un report di email marketing, sarà più facile esprimere ciò che deve essere fatto e perché.

Web agency busto arsizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.