statistiche seo
CategoriesSEO

Dopo aver letto queste statistiche SEO (e statistiche sui dispositivi mobili SEO), ti renderai conto perché l’ottimizzazione dei motori di ricerca è ancora fondamentale e importante come sempre, nonostante i cambiamenti nel modo in cui abbiamo consumato i contenuti nel corso degli anni, dal consumo di più contenuti video, dagli utenti di smartphone che realizzano la maggior parte delle decisioni.

SEO, o ottimizzazione dei motori di ricerca, è la pratica per rendere un sito web più attraente per le query di ricerca. Poiché così tante persone consultano solo la prima pagina dei risultati dei motori di ricerca, essere in prima pagina è fondamentale per molte aziende per trarre vantaggio dal comportamento degli utenti. Cadi dalla prima pagina e ti stai perdendo un sacco di visite al sito web. Di conseguenza, la SEO è diventata una corsa agli armamenti virtuale, con enormi quantità di denaro speso per quell’importantissima prima pagina e i fattori di ranking che ti portano lì.

Perché la SEO è importante

Per la stragrande maggioranza dei consumatori, l’obiettivo di eseguire ricerche è trovare informazioni pertinenti su un argomento, con contenuti di alta qualità. Che si tratti delle ultime ricette o di un meccanico di auto rispettabile, le persone tendono a controllare i motori di ricerca all’inizio della maggior parte delle ricerche di informazioni. Oltre ai social media, le ricerche sul Web sono la fonte di dati più importante al di fuori delle nostre immediate cerchie sociali, dalle ricerche sugli smartphone alle domande che potremmo scambiare durante l’orario di lavoro. Tutto, dalle recensioni di Yelp ai contenuti di marca, è rilevabile con le corrette tecniche SEO. Senza utilizzare i fattori di ranking appropriati, potrebbero essere difficili da trovare.

1. Il 53% del traffico del sito web risulta da ricerche organiche.

Questo è il motivo per cui le fondamenta di qualsiasi strategia di marketing digitale dovrebbero iniziare pensando alla SEO. Le statistiche di ottimizzazione dei motori di ricerca enfatizzano il valore delle ricerche organiche e dei termini di ricerca intuitivi.

2. Il 33% delle visite e-commerce viene generato tramite ricerche organiche.

Questo è un numero pre-coronavirus che mi aspetto sia aumentato solo con la pandemia e un numero sempre crescente di utenti mobili.

3. Per il 94% delle ricerche, gli utenti sono più concentrati sui risultati organici rispetto a quelli a pagamento.

Paid Per Click (PPC) può essere un tipo di pubblicità estremamente redditizia, ma in modo simile alle tendenze che vediamo nel social media marketing e altrove, le persone stanno migliorando nell’escludere le pubblicità. Ciò rende la strategia dei contenuti particolarmente importante nella creazione di tassi di conversione coerenti.

4. Per il 90% dei ricercatori di prodotti B2B, lo scopo della loro ricerca è scegliere quali prodotti acquistare.

La SEO potrebbe essere ancora più importante per il marketing B2B, poiché acquirenti e proprietari di aziende cercano informazioni per prendere la migliore decisione di acquisto possibile e ridurre il rischio di fare la scelta sbagliata.

5. Per il 93% degli acquirenti, le recensioni online vengono consultate prima di effettuare acquisti.

Questa statistica dimostra quello che ormai tutti dovremmo sapere: le esperienze online contano e il posizionamento sui motori di ricerca non dovrebbe mai essere ignorato.

6. Al giorno d’oggi, fino all’81% della ricerca sui prodotti viene effettuata online,

e questo viene fatto prima che il personale di vendita venga contattato. Se vogliamo controllare la fase di ricerca, dobbiamo essere scoperti nei motori di ricerca attraverso la SEO.

Le statistiche SEO indicano che il campo di gioco è livellato per ogni azienda in questo tipo di marketing, consentendo di trovare allo stesso modo famosi e non famosi.

8. I siti web che vengono visualizzati come primi inserzioni nelle ricerche su Google hanno in media una percentuale di clic del 39% sui dispositivi mobili e del 34,6% sui desktop.

Inutile dire che arrivare al primo posto in una classifica dei motori di ricerca paga dividendi.

9. Il 67,6% dei clic sulla prima pagina dei risultati dei motori di ricerca è goduto dai primi cinque risultati organici.

Sebbene non siano attraenti come la prima posizione, le statistiche SEO suggeriscono che coloro che si trovano nella posizione da 2 a 5 guadagneranno comunque alcuni clic.

10. Diversi studi hanno concluso che circa il 25% degli utenti dei motori di ricerca consulta la seconda pagina dei risultati.

Questa è stata una delle statistiche SEO più sorprendenti per me, e mentre tutti noi vogliamo essere sulla prima pagina dei risultati dei motori di ricerca, DOBBIAMO essere almeno sulle prime due pagine se vogliamo vedere i clic sul nostro sito web.

L’importanza della SEO nel marketing

Poiché la prima pagina dei risultati di ricerca è così importante, ne consegue che le campagne SEO sono una parte fondamentale di qualsiasi sforzo di marketing e strategia a lungo termine. Dopotutto, se non riesci a farti notare su Google, sarà molto più difficile fare vendite. Sebbene i risultati dei motori di ricerca non siano l’unico modo per raggiungere potenziali clienti, sono uno dei modi più convenienti in cui la stragrande maggioranza delle persone trova prodotti e aziende. In combinazione con il social media marketing, la ricerca organica genera un numero enorme di vendite sul Web. Ciò sta diventando particolarmente prevalente poiché il ruolo della pubblicità sulla stampa e sui mass media è in declino.

Se hai dubbi sull’argomento non esitare a contattare la nostra agenzia marketing milano per ulteriori argomenti

11. Tra le aziende a livello aziendale, almeno il 45% ha un budget SEO di $ 20.000 o più al mese.

Ovviamente, le aziende a livello aziendale hanno già un ampio budget di marketing, ma è anche un buon punto di riferimento per confrontare i tuoi budget SEO mentre lavori per migliorare il tuo posizionamento in un algoritmo di ricerca.

12. Quando si considerano le tecniche di inbound marketing, il 61% dei marketer afferma che è fondamentale migliorare la presenza organica del proprio marchio e la SEO,

sia attraverso la creazione di link che la creazione di nuovi contenuti. L’inbound marketing non riguarda solo la SEO, ma chiaramente è uno dei pezzi critici.

13. Per il 59% dei marketer B2B , il fattore più importante che guida la crescita della generazione di lead è il miglioramento delle tecniche SEO.

I marketer B2B vedono chiaramente come una migliore SEO porti a una migliore generazione di lead.

14. Tra i marketer, il 70% considera la SEO più efficace delle campagne PPC.

Questo è stato menzionato in precedenza, ma non solo più persone eliminano gli annunci pubblicitari; La SEO è diventata una risorsa a lungo termine, che continua a pagare dividendi mentre PPC fornisce solo guadagni a breve termine e hanno un costo.

15. I lead SEO hanno un tasso di chiusura molto più elevato (14,6%) rispetto a quelli risultanti da tecniche pubblicitarie in uscita come la stampa (1,7%).

Quando qualcuno sta cercando, è intento a trovare qualcosa che potrebbe voler acquistare, rendendo imperativo inserire il miglior fattore SEO

L’importanza di Google

Sai che Google è importante, semplicemente ascoltando come le persone consigliano agli altri di trovare informazioni. “Google it” è uno dei modi di dire più comuni quando si discute di fatti e cifre. In alternativa, le mamme usano “Dr. Google” per cercare di scoprire se è opportuno consultare il medico di famiglia o se i ragazzi devono restare a casa da scuola. Studenti di tutti i livelli utilizzano Google per trovare informazioni per completare i compiti in classe. In altre parole, proprio dalla nostra conoscenza del comportamento quotidiano, è evidente che Google svolge un ruolo importante nella vita di tutti i giorni. Tuttavia, anche le statistiche dei motori di ricerca confermano questo risultato.

16. Google è il re della ricerca, guadagnando oltre l’ 86% del traffico mondiale  da un computer nel 2021.

Il prossimo in linea è Bing, che ha attirato il 7% delle ricerche, Baidu (cinese) ha ottenuto l’1,64% e Yahoo solo il 2,77%.

17. I dispositivi e i siti Web di proprietà di Google rappresentano il 94% delle ricerche su Internet a dicembre 2021.

18. Ogni secondo, gli utenti di Internet digitano più di 99.000 termini di ricerca  in Google.

Il volume di ricerca giornaliero è praticamente impensabile. Mentre molte persone leggono le email e scorrono i social media, l’enorme quantità di ricerche su Google offre a ogni azienda la possibilità di essere trovata.

Cosa funziona in SEO?

In parte perché è così competitivo, è difficile ottenere i risultati necessari solo attraverso le tecniche SEO e il posizionamento delle parole chiave. Non appena vengono annunciate nuove modifiche all’algoritmo, gli esperti SEO si affrettano a scoprire come modificare il testo web per ottenere i massimi risultati utilizzando contenuti, siti e social network di lunga durata. Questo non sorprende, considerando quanti soldi si possono guadagnare con le corrette tecniche SEO sui siti web. Tuttavia, questo significa anche che le cose che funzionavano un paio di anni fa potrebbero essere obsolete. Un esempio di questo è il keyword stuffing che, sebbene una volta utile, ora funziona contro di te secondo le statistiche di content marketing. Un’altra considerazione è la misura in cui il testo corrisponde all’intento di ricerca. Fortunatamente, le statistiche possono ancora darci un’idea di cosa funziona e cosa no.

19. Gli utenti effettuano ricerche utilizzando almeno quattro parole il 69% delle volte .

 

Questo è il motivo per cui il targeting delle parole chiave a coda lunga è così importante per i contenuti del blog e altri contenuti trovati su piattaforme social, siti e materiali di marketing.

20. Quando si effettuano ricerche di parole chiave a coda lunga, gli utenti fanno clic con una frequenza del 3-5% in più rispetto alla percentuale di clic media quando vengono utilizzati termini generici.

21. Se un particolare marchio appare più di una volta nelle pagine dei motori di ricerca, il 50% dei visitatori selezionerà il risultato del marchio.

Questa statistica parla di due cose: i marchi che eseguono campagne PPC in cui compaiono nei risultati di ricerca potrebbero aiutare la loro SEO organica e la cannibalizzazione delle parole chiave potrebbe effettivamente avere alcuni vantaggi non intenzionali nell’affrontare un leader del settore.

Strategie SEO efficaci

Con tutte queste statistiche che favoriscono l’uso delle tendenze e delle migliori pratiche SEO, probabilmente ti starai chiedendo cosa è più probabile che sia efficace. Mentre assumere uno specialista SEO o pagare per consulenti è una mossa intelligente per affrontare alcune delle più grandi sfide legate al miglioramento dell’approccio del tuo marchio alla SEO, è importante comprendere alcune delle nozioni di base. Queste statistiche ti aiuteranno a capire cosa sta facendo la tua persona SEO e perché. Ti aiuterà anche ad allocare le risorse in modo più efficace.

22. Secondo il 72% dei marketer, i contenuti pertinenti sono il miglior strumento SEO disponibile.

Google si occupa di offrire alle persone ciò che vogliono e ciò significa fornire contenuti pertinenti alla loro query di ricerca. I contenuti di qualità e pertinenti vinceranno sempre e la maggior parte dei marketer lo capisce.

23. Allo stesso tempo, mantenere aggiornati i contenuti meno recenti è il metodo più efficiente utilizzato dal 51% delle aziende.

Ne ho parlato a lungo in un mio episodio di podcast ( E se ti dicessi che avevi già abbastanza contenuti per avere successo? ), ma dopo aver creato la tua libreria di contenuti, il tuo lavoro SEO sul lato dei contenuti dovrebbe passare al aggiornamento dei contenuti precedenti per mantenere i contenuti del tuo sito web attuali e pertinenti, migliorando così ulteriormente i vantaggi SEO a lungo termine dei tuoi contenuti e mantenendo il percorso del cliente in prima linea nelle tue abitudini di marketing.

24. I titoli e i tag del titolo sono il fattore più importante per la SEO, secondo il 36% degli esperti SEO.

Ovviamente, c’è molto di più che va in SEO, ma è ovvio che tutto inizia con i tuoi contenuti e quindi l’ottimizzazione tecnica on-page in queste aree chiave.

Come esperti di marketing, è facile per noi pensare che la qualità di un articolo indirizzerà naturalmente il traffico verso i nostri siti web. Alla gente piace leggere bene, giusto? Vero, ma la qualità dei contenuti non è l’unico fattore importante nella SEO e nemmeno il posizionamento delle parole chiave. Piuttosto, come mostrano questi numeri, anche i backlink sono una parte fondamentale di una solida strategia SEO.

Sfortunatamente, il contenuto da solo non garantisce l’esposizione nei motori di ricerca. I collegamenti esterni e interni contano.

Questo ti mostra che potrebbe non essere necessario molto backlinking per avere un impatto sul ranking dei motori di ricerca.

28. Le informazioni pubbliche di Google indicano che quasi l’80% del loro algoritmo conta fattori che non sono presenti nella pagina.

 

Caso chiuso: devi essere coinvolto in strategie di backlinking per avere successo con il tuo SEO!

SEO e blog

Noi blogger abbiamo tutti in mente una cosa: l’amore per la scrittura. Tuttavia, uno dei motivi per cui pubblichiamo i nostri pensieri online è che vogliamo che le persone ascoltino ciò che abbiamo da dire. Pertanto, è importante che Google possa trovare i nostri blog e posizionarli in alto nelle pagine dei risultati. Allo stesso modo, i blog aziendali devono essere individuabili in modi che vadano oltre la navigazione casuale del sito web.

Questo argomento è molto sfruttato dal consulente seo

29. Pubblicare un blog sul tuo sito web aumenterà le tue possibilità di un posizionamento decente nei motori di ricerca del 434%?

Non è un segreto che dovresti bloggare per avere più influenza .

Altri siti potrebbero non collegarsi a una pagina di prodotto, ma potrebbero collegarsi ad alcuni contenuti pieni di risorse presenti in un blog.

31. Le immagini aumentano le visualizzazioni dei post del blog di circa il 94% rispetto ai post di solo testo.

Sì, questo post potrebbe non avere molte immagini, ma è nella mia strategia includere più immagini in futuro! E tu?

32. Per aumenti del traffico organico fino al 106%, considera la possibilità di ripubblicare i post del blog aggiornati.

Questa è una tattica ampiamente sottoutilizzata poiché più aziende vogliono creare sempre più contenuti quando potrebbero essere in grado di ottenere di più con meno!

33. Migliorare i tuoi contenuti a volte può aumentare i lettori del blog fino al 2.000%

34. La creazione di contenuti può costare il 46% dei budget di marketing aziendale .

L’importanza dei contenuti per la SEO, per non parlare delle iniziative di marketing dei contenuti, significa che sta consumando una grande quantità di budget di marketing. Questo è un altro punto di riferimento con cui confrontare il tuo budget di marketing.

35. Per il 78% delle aziende, il team di creazione dei contenuti ha da una a tre persone .

Ancora una volta, un segno di ulteriori investimenti nella creazione di contenuti e contenuti.

Mobile e SEO

L’utilizzo di Internet è cambiato molto dai tempi dei computer desktop goffi e dei modem dial up. In effetti, molte persone stanno riducendo l’utilizzo del computer a favore dei dispositivi mobili. Non solo un telefono è più piccolo, ma ha anche il doppio uso di telefonare o inviare SMS mentre fornisce l’accesso a Internet. Questa comodità ha consentito a molte più persone di connettersi in tutto il mondo. Ha anche implicazioni sia per i contenuti che per la SEO del sito ottimizzato per i dispositivi mobili.

36. I dispositivi mobili rappresentano i 2/3 di tutto il tempo trascorso online e sono responsabili del 54% del traffico del sito web .

Questo numero continua ad aumentare ogni anno.

La differenza nel comportamento di ricerca su dispositivi mobili e desktop è interessante e richiede ulteriori ricerche sui motivi per cui ciò sta accadendo. In altre parole, non sconterei il SEO mobile solo a causa di questa statistica SEO.

38. L’87% dei possessori di smartphone utilizza ogni giorno un motore di ricerca.

39. Il 51% degli utenti di smartphone ammette di trovare nuovi prodotti e aziende attraverso le ricerche sul web degli smartphone.

40. Al giorno d’oggi, metà della ricerca sui motori di ricerca B2B viene effettuata su smartphone .

Queste ultime tre statistiche SEO dovrebbero essere abbastanza convincenti da indicare che solo perché l’utilizzo di Internet sta diventando mobile, la SEO non è meno importante.

Video e SEO

Un’altra cosa che i marketer stanno scoprendo è che il video è popolare. In effetti, molte persone cercano informazioni in formato video. Quando trovano qualcosa di buono, è probabile che i video vengano condivisi con gli altri in vari modi. Non solo, ma il video evita parte della confusione che si trova nei contenuti come i tutorial degli utenti. Questo è qualcosa che viene dimostrato anche nelle statistiche SEO.

41. Includendo contenuti video sul tuo sito anziché testo normale, avrai 50 volte più probabilità di essere trovato nei risultati di ricerca organici.

Questa è una potente statistica SEO che suggerisce la sinergia tra contenuto video e motori di ricerca, soprattutto se tale contenuto video è ospitato sul secondo motore di ricerca più grande, YouTube.

42. I post del blog che includono video ottengono il 157% di traffico organico in più generato attraverso i risultati di ricerca.

Uno dei vantaggi di avere un video all’interno di un post del blog è che aiuterà i tuoi visitatori a rimanere sul tuo sito più a lungo, inviando un segnale positivo a Google che i tuoi contenuti vengono consumati in profondità.

Se non hai ancora investito abbastanza in video, si spera che queste statistiche SEO dimostrino il suo valore.

Naturalmente, ci sono più tipi di contenuti disponibili su Internet oltre a video e testo. Anche Internet è pieno di immagini. Questi spesso accompagnano i post del blog e hanno preceduto l’uso dei video in rete di una notevole quantità di tempo. La ricerca visiva aiuta le persone a trovare comodamente le cose quando preferiscono vedere per la prima volta un oggetto visivo.

44. Il 22,6% delle ricerche su Google ha risultati di immagini oltre a testo o video.

45. Tra i clienti Millennial e Gen Z, il 62% preferisce la ricerca visiva a tutte le altre nuove tecnologie.

Inutile dire che durante la creazione di contenuti, tieni a mente le esigenze di ricerca visiva aggiungendo elementi visivi pertinenti con il testo alternativo appropriato.

Nel caso in cui non fossi sicuro, gli snippet in primo piano sono quelle caselle nella parte superiore di una pagina di ricerca di Google che contengono un po’ di informazioni. L’idea è che puoi ottenere una risposta rapida alla tua domanda senza dover fare clic su alcun collegamento. Significa anche che il sito Web in primo piano ha un elenco speciale che mostra il loro contenuto sopra il primo risultato di ricerca.

Inutile dire che le strategie SEO devono adattarsi all’emergere e alla potenza dei Featured Snippet e alla popolarità emergente della ricerca vocale.

Al giorno d’oggi, non devi nemmeno sederti al terminale di un computer o digitare su uno smartphone per cercare in Internet. Tra ausili per non vedenti, microfoni per smartphone e dispositivi come Amazon Alexa, la ricerca vocale sta diventando sempre più comune. In effetti, questa metodologia di ricerca sta diventando abbastanza comune che noi esperti di marketing dobbiamo tenere conto dell’effetto che sta avendo sulla SEO e sulle informazioni in generale.

50. Tra le persone di età compresa tra 25 e 49 anni , il 65% utilizza quotidianamente dispositivi abilitati alla voce.

51. Secondo Google, il loro riconoscimento vocale in lingua inglese è accurato al 95%.

52. Tra il 2008 e il 2017, le query vocali sono aumentate di un enorme 3.400% .

53. Gli esperti prevedono che le ricerche vocali rappresenteranno il 50% di tutte le ricerche entro il 2020.

54. Il 40% dei Millennial che ascolta le liste dei risultati tramite la ricerca vocale effettuerà un acquisto.

55. Le ricerche vocali rappresentano il 20% delle query sui dispositivi Android o sull’app mobile di Google.

Quando crei contenuti in futuro, tieni presente il maggiore utilizzo della ricerca vocale e scopri come potresti essere in grado di adattare meglio i tuoi contenuti alle esigenze di coloro che utilizzano questa tecnologia emergente.

Nel complesso, è chiaro che la SEO è un fattore importante nel guidare sia le visualizzazioni di pagina che le vendite. Allo stesso tempo, ottenere buoni risultati SEO diventa sempre più difficile. Tra l’evoluzione della tecnologia e la corsa agli armamenti SEO, tutti i professionisti del marketing devono essere diligenti nel tenere il passo con le tendenze attuali.

Da valutare anche per la creazione siti e commerce

Quale di queste statistiche SEO è stata la sorpresa più grande per te? Lascia un commento qui sotto e fammi sapere! E se stai cercando aiuto con l’ottimizzazione dei motori di ricerca, dai un’occhiata a questi post:

  • La checklist SEO di base definitiva in 30 passaggi per il 2022
  • I 15 migliori strumenti di monitoraggio del posizionamento per scuotere la tua SEO nel 2022
  • Rapporto SEO: quali metriche includere (con 27 suggerimenti)
  • I 21 migliori strumenti SEO per potenziare il tuo marketing sui motori di ricerca
  • SEO per piccole imprese: come posizionare il tuo sito in Google

Web agency gallarate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.