CategoriesMarketing SEO

Competenze chiave per una carriera nel marketing B2B

Competenze chiave per una carriera nel marketing B2B

I marketer B2B qualificati sono molto richiesti, ma le competenze critiche necessarie per operare come marketer competitivo cambiano continuamente. Uno studio di Monster ha rilevato che l’82% degli intervistati globali prevede di assumere nel 2021.

Con la crescente disponibilità di dati, i professionisti del marketing devono evolvere il modo in cui pianificano ed eseguono le campagne. Sebbene i dati forniscano nuove opportunità di approfondimento, possono anche complicare le funzioni di marketing. Le capacità di comunicazione, messaggistica e contenuto sono ancora vitali nel marketing, ma la tecnologia, i dati, l’analisi e l’interattività sono diventati pilastri del settore.

Competenze chiave per una carriera nel marketing B2B

Per coloro che cercano una nuova posizione nel marketing, cercano di entrare nel mercato o cercano di rimanere un attore competitivo, ecco sette abilità da apprendere e mantenere.

1. Analisi: capire cosa è efficace e cosa non lo è

Esistono più strumenti di dati e analisi che mai, ma ciò non rende necessariamente facile l’apprendimento dell’uso dell’analisi. Tra i nuovi strumenti di automazione del marketing e i CRM, può essere difficile stare al passo con tutte le tecnologie. Tuttavia, è fondamentale sapere quali sono gli elementi delle campagne di successo e come attribuire tale successo agli sforzi di marketing.

Uno studio dell’Economist Intelligence Unit (EIU) ha scoperto che più aziende sono alla ricerca di esperti di marketing con competenze sui dati: 

  • Il 32% ha affermato di aver bisogno di competenze nella generazione della domanda e nell’analisi dei dati 
  • Il 47% di coloro che ha affermato di utilizzare i dati in modo efficace e di voler assumere più specialisti dei dati. 

Lo studio suggerisce che quei dirigenti vedono un ROI sui loro sforzi sui dati, quindi vogliono continuare a investire di più nei dati per scopi di marketing.

I professionisti del marketing che desiderano migliorare le competenze sui dati dovrebbero concentrarsi sulla padronanza di alcuni strumenti che i clienti utilizzano maggiormente.

2. Strategia di scrittura e messaggistica: come comunicare le idee

La scrittura e la messaggistica faranno sempre parte del marketing. Contenuti e comunicazioni di qualità saranno difficili da automatizzare, quindi i professionisti del marketing che eccellono nella creazione di messaggi che risuonano con gli acquirenti saranno sempre richiesti. Comunicare alle persone giuste con i concetti giusti al momento giusto e nel forum giusto è fondamentale per il  successo del marketing B2B e nel nostro caso della seo agency.

Un sondaggio di McKinley Marketing Partners ha rilevato che tra le persone assunte per il marketing digitale, le competenze più richieste includevano la creazione e la cura dei contenuti (il 23% desiderava questa abilità) e la strategia dei contenuti (il 20% era assunto per questa abilità). Anche con tutti i progressi tecnologici nel marketing, non siamo al punto in cui la tecnologia può replicare elementi umani come comunicare efficacemente con gli acquirenti.

3. Generazione della domanda: come attirare lead qualificati da vari canali

Gli esperti di marketing dovrebbero sapere come condurre potenziali clienti qualificati a una pagina di destinazione o a una pagina specifica del marchio e guidarli nel completamento di un’azione particolare, che potrebbe includere la compilazione di un modulo, il download di un eBook, ecc. Lo studio EIU ha rilevato che il 32% dei dirigenti di marketing ha cercato candidati con competenze nella generazione della domanda e nell’analisi dei dati. Inoltre, lo studio McKinley Marketing Partners ha rilevato che il 16% dei marketer ha assunto esperti di lead generation nel marketing.

La generazione della domanda non è sempre facile, soprattutto per le aziende B2B in cui l’istruzione è fondamentale. Quei professionisti del marketing che si affidano all’utilizzo di messaggi efficaci nei canali di generazione della domanda appropriati troveranno successo.

4. Ottimizzazione del tasso di conversione (CRO): come convincere i potenziali clienti a convertirsi in lead e clienti

I professionisti del marketing possono aiutare a convertire i potenziali clienti nella canalizzazione di vendita con contenuti di qualità appropriati per dove si trova il lead nel percorso dell’acquirente. Lavorare con il team di vendita è fondamentale perché dispone di informazioni preziose che possono guidare una strategia di content marketing. Gli esperti di marketing possono trovare domande comuni poste nel processo di vendita per scoprire argomenti di contenuto che risuonano con gli acquirenti.

I marketer dovranno avere eccellenti capacità di test per capire cosa fa convertire un potenziale cliente e migliorare i tassi di conversione. Quei professionisti del marketing che possono testare le pagine di destinazione per migliorare i tassi di CRO hanno un solido set di competenze di marketing. 

5. Tecnologia di marketing: Google Analytics, automazione del marketing, strumenti di pubblicazione

Ora che ci sono più strumenti disponibili, i professionisti del marketing dovrebbero usarli. Capire quali sono gli strumenti più utili è il primo passo. Google Analytics è un inizio e la maggior parte dei professionisti del marketing dovrebbe già utilizzare questo strumento gratuito. Molte aziende investono in software di marketing come HubSpot per l’automazione e strumenti di pubblicazione per migliorare l’efficacia e il ROI delle campagne. Gli strumenti di automazione del marketing migliorano le campagne fornendo agli esperti di marketing una chiara comprensione del ROI delle campagne.

Alla domanda su dove desiderano sviluppare competenze, il 39% dei marketer ha risposto: “operazioni/tecnologie di marketing” (studio EIU), rivelando quanto sia preziosa questa abilità.

6. Ricerca e analisi: conoscere i mercati e la concorrenza

I migliori esperti di marketing conducono ricerche sia sul pubblico che sulla concorrenza per costruire campagne di successo. I marketer di successo hanno il 242% di probabilità in più di segnalare di condurre ricerche sul pubblico almeno una volta al trimestre. E il 56% dei marketer più d’élite del nostro studio conduce ricerche una o più volte al mese (CoSchedule).

Conoscendo a fondo il tuo pubblico, puoi creare una campagna altamente mirata con maggiori possibilità di successo rispetto a una senza alcuna ricerca. 

7. Strategia: proposte di valore, forze di mercato, prezzi e incentivi per la conversione

Un’altra abilità che i marketer vogliono imparare è la strategia e la pianificazione. Il 38% dei marketer ha notato che come abilità richiesta che desiderano migliorare (studio EIU). Una strategia di marketing dovrebbe includere proposte di valore, prezzi e incentivi per la conversione (o ciò che il potenziale cliente ottiene lungo la strada per spostarsi lungo la canalizzazione). Le campagne che delineano questo aspetto prima del lancio troveranno più successo e organizzazione e un team unificato che concorda sulle tattiche della campagna.

Con tutte queste competenze potreste pensare di lavorare in una seo agency Milano, oppure per una società come la nostra che si occupa di realizzazione siti web milano.

Uno dei tool di marketing che più consigliamo è UberSuggest. Un tool molto potente con tante guide all’interno per impararlo.

CategoriesInstagram Social Media

Come utilizzare gli hashtag nel 2022: Una guida rapida

Come utilizzare gli hashtag nel 2022: Una guida rapida

Come utilizzare gli hashtag nel 2022: una guida rapida e semplice per ogni utente

Sai come usare gli hashtag? Che ne dici di come non usare gli hashtag? Continua a leggere per tutte le cose da fare e da non fare prima di iniziare.

Qualunque sia la piattaforma di social media utilizzata dal tuo marchio come parte della sua strategia sui social media , sapere come utilizzare gli hashtag ti aiuterà ad aumentare la portata e il coinvolgimento dei social media del tuo marchio .

Ma se ti stai attaccando ai post #ThrowbackThursday su Twitter, non sei sicuro di come altro utilizzare gli hashtag, rimani qui. Il tuo marchio può fare molto di più.

Questo post analizza le basi dell’uso efficace degli hashtag sui social media e spiega perché dovresti usarli.

Imparerai anche:

  • come trovare gli hashtag che funzioneranno meglio per il tuo marchio
  • perché usare solo hashtag popolari non è l’approccio giusto
  • suggerimenti essenziali per l’utilizzo degli hashtag su ogni piattaforma di social media disponibile

Iniziamo.

Sommario
Che cos’è un hashtag?
La storia degli hashtag
Perché usare gli hashtag?
Gli hashtag più popolari del 2021
6 modi per trovare i migliori hashtag
Come usare gli hashtag su ogni rete

 

Bonus: leggi la guida passo passo alla strategia sui social media con suggerimenti professionali su come far crescere la tua presenza sui social media.

 

Che cos’è un hashtag?

Un hashtag è una parola o una frase preceduta dal simbolo della sterlina. 

Sui social media serve come indicazione (per utenti e algoritmi) che un contenuto è relativo a un argomento specifico o appartiene a una categoria. 

Gli hashtag aiutano a rendere i contenuti rilevabili nelle ricerche sulla piattaforma e, in modo efficace, a raggiungere più persone.

Nozioni di base sugli hashtag

  • Iniziano sempre con # ma non funzioneranno se usi spazi, punteggiatura o simboli.
  • Assicurati che i tuoi account siano pubblici. In caso contrario, il contenuto con hashtag che scrivi non verrà visto da nessun non follower.
  • Non mettere insieme troppe parole. I migliori hashtag tendono ad essere relativamente brevi e facili da ricordare.
  • Usa hashtag pertinenti e specifici. Se è troppo oscuro, sarà difficile da trovare e probabilmente non verrà utilizzato da altri utenti dei social media.
  • Limita il numero di hashtag che usi. Di più non è sempre meglio. Sembra effettivamente spam.

La storia degli hashtag

Il simbolo della sterlina sulla tastiera, chiamato anche ottotorpe, veniva inizialmente utilizzato per contrassegnare i numeri.

Sono stati usati per la prima volta come hashtag nell’estate del 2007 da Chris Messina . È stato allora che lo specialista di web marketing è entrato negli uffici di Twitter con un’idea. A causa della brevità della piattaforma, ha suggerito alla società di iniziare a utilizzare il simbolo della sterlina per raggruppare insieme i Tweet correlati.

Questo è stato il primo utilizzo in assoluto dell’hashtag:

 

Da allora, l’uso degli hashtag, la loro portata e la loro efficacia sono solo cresciuti.

Gli hashtag sono un modo per collegare i contenuti dei social media a un argomento, evento, tema o conversazione specifici. 

Non sono più solo per Twitter. Gli hashtag sono efficaci anche su altre piattaforme di social media. (Trova maggiori dettagli su come utilizzare gli hashtag per ciascuna piattaforma di seguito.)

Perché usare gli hashtag?

Aumenta il coinvolgimento con i tuoi follower

Includere hashtag nei tuoi post significa prendere parte a una conversazione in corso su quella piattaforma di social media. E, soprattutto, rende visibili i tuoi post in quella conversazione.

Ciò può portare a un maggiore coinvolgimento, aumentando il coinvolgimento dei social media del tuo marchio attraverso Mi piace, condivisioni, commenti e nuovi follower.

Costruisci la consapevolezza del marchio con gli hashtag del marchio

La creazione di un hashtag di marca può essere un modo efficace per promuovere la tua attività e stimolare le conversazioni.

Ad esempio, l’hashtag con il marchio dei Raptors #WetheNorth si è acceso durante la stagione vincente del team 2019. Ha un appeal universale ed è stato uno degli hashtag più utilizzati dai canadesi nella prima metà del 2019 .

 

Un altro esempio è Cheerios e la sua campagna #CheeriosHeartHuntSweepstakes. Questo concorso ha incoraggiato i follower ad acquistare i prodotti Cheerios e ha anche diffuso la conoscenza del marchio pubblicando foto sui social media.

 

Mostra supporto per le questioni sociali

L’utilizzo di un hashtag collegato a un problema al di fuori del tuo marchio è un modo per mobilitarti dietro una causa o un problema importante.

Ad esempio, #EachforEqual e #IWD2020 sono stati utilizzati su piattaforme di social media, incluso LinkedIn, in occasione della Giornata internazionale della donna.

Post di Rio Tinto su LinkedIn utilizzando l'hashtag #eachforequal

I brand possono anche creare un hashtag di marca che mostri anche la sua connessione a un problema sociale.

Ad esempio, la società di telecomunicazioni canadese Bell utilizza l’hashtag del marchio #BellLetsTalk per promuovere la consapevolezza della salute mentale.

 

Aggiungi contesto a un post sui social media

Su Twitter non hai molto spazio per scrivere una didascalia. Hai 280 caratteri , per l’esattezza.

Su Instagram, i sottotitoli più lunghi non sono sempre i più efficaci . Lo stesso vale per Facebook, Pinterest, LinkedIn o qualsiasi altra piattaforma, a volte meno è meglio.

L’utilizzo di un hashtag può essere un modo semplice per contestualizzare ciò di cui stai parlando, senza utilizzare caratteri preziosi o scrivere didascalie ripetitive.

Ad esempio, la NASA ha celebrato il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna dell’Apollo 11 nel luglio 2019. L’uso dell’hashtag #Apollo50th faceva parte della sua campagna digitale. Nel World Emoji Day, che è anche a luglio, la NASA ha pubblicato uno dei tweet più popolari :

 

Gli hashtag contestualizzano questo Tweet creativo, chiarendo che la NASA sta celebrando sia l’anniversario che prendendo parte alla conversazione del World Emoji Day.

Aiuta il tuo pubblico di destinazione a trovarti

Su Linkedin e Instagram, gli utenti possono seguire gli hashtag così come gli altri utenti. L’utilizzo di alcuni hashtag popolari può essere un altro modo per aiutare i nuovi utenti a trovare il tuo marchio.

Ad esempio, se usi #travel sui tuoi post di Instagram, qualcuno che segue quell’hashtag vedrà il tuo post recente nel proprio feed. Potresti guadagnare nuovi follower in questo modo.

Tagga la pagina in Instagram Esplora.  Risultati per #viaggio

Divulgare le partnership sponsorizzate

Questa sezione è per influencer e brand che lavorano con influencer.

Se hai un brand tuo potresti valutare la creazione siti internet ecommerce per la rivendita dei tuoi prodotti.

Quando lavorano con i marchi, gli influencer devono far sapere al loro pubblico che un contenuto è sponsorizzato. È la legge: la FTC (Federal Trade Commissions) ha pubblicato linee guida dettagliate sulla divulgazione della pubblicità per gli influencer online nel 2019. Il mancato rispetto può comportare multe elevate sia per l’influencer che per il marchio.

Quindi, influencer: aggiungi sempre hashtag che indichino chiaramente una sponsorizzazione ai post brandizzati.

Marchi: assicurati di cercare tali hashtag durante la revisione e l’accettazione del contenuto dell’influencer.

 

Gli hashtag più popolari del 2021

Gli hashtag più popolari non sono necessariamente i migliori.

Ad esempio, l’hashtag #followme ha più di 575 milioni di post su Instagram. Gli hashtag che sollecitano i Mi piace non coinvolgono i tuoi follower e non aggiungono alcun significato al tuo post sui social media.

Sembrano anche davvero spam. E tu non lo vuoi.

Ma non ignorare nemmeno gli hashtag popolari. Ad esempio, #throwbackthursday o #flashbackfriday o altri hashtag quotidiani possono essere modi divertenti per il tuo marchio di partecipare a una più ampia conversazione sui social media.

A partire da giugno 2021, alcuni degli hashtag di Instagram più popolari di tutti i tempi includono:

  1. #amore (2.1B post)
  2. #instagood (1.3 miliardi di post)
  3. #moda (972M post)
  4. #photooftheday (931 milioni di post)
  5. #fotografia (769M post)
  6. #bello (749M post)
  7. #instagram (691 milioni di post)
  8. #picoftheday (655M post)
  9. #natura (639 milioni di post)
  10. #felicita(639 milioni di post)

Ovviamente, gli hashtag popolari differiscono a seconda della piattaforma di social media che stai utilizzando. Su LinkedIn, gli hashtag più diffusi includono #leadership e #produttività.

Sebbene ci siano milioni, persino miliardi, di post che utilizzano hashtag popolari, sono relativamente universali. Non sono specifici per un settore o un tema. E non dire molto del tuo marchio.

Quindi, prova a identificare gli hashtag di nicchia che sono rilevanti per il tuo marchio e ciò che rappresenti.

La nostra seo agency saprò di certo consigliarti quelli più strategici per il tuo piano marketing.

6 modi per trovare i migliori hashtag

Per trovare hashtag specifici per il tuo marchio, il tuo settore e il tuo pubblico, dovrai fare una piccola ricerca.

1. Monitorare gli influencer e i concorrenti dei social media

Inizia facendo un’analisi competitiva sui social media . Raccogli informazioni sui tuoi concorrenti e su eventuali influencer rilevanti all’interno della nicchia del tuo marchio.

Prendi nota degli hashtag che usano più spesso e di quanti hashtag usano in ciascuno dei loro post. Questo ti aiuterà a capire come i tuoi concorrenti interagiscono con il tuo pubblico di destinazione condiviso e quali parole chiave tendono a usare.

2. Usa Hashtagify.me

Hashtagify.me ti aiuta a trovare i migliori hashtag di Twitter o hashtag di Instagram per il tuo marchio.

Con questo strumento, puoi cercare qualsiasi hashtag e vedere quanto è popolare. Ad esempio, se cerchi la popolarità di #primavera, otterrai risultati che mostrano la popolarità complessiva di questo hashtag, la sua popolarità recente e le tendenze per il mese e la settimana.

risultati di analisi hashtag per "primavera"

Puoi anche digitare la didascalia di Twitter o Instagram. Quindi, ti fornirà suggerimenti sugli hashtag.

3. Scopri quali hashtag sono di tendenza

RiteTag ti consente di digitare la didascalia dei social media nella barra di testo e caricare la foto che abbinerai alla didascalia.

Nella nostra agenzia web valutiamo continuamente le tende prima di procede alla realizzazione siti web aziendali per i nostri clienti. E’ sempre corretto seguire le mode e dove si sta spostando la massa.

RiteTag genera suggerimenti di hashtag di tendenza in base ai tuoi contenuti. Vedrai i migliori hashtag per far vedere il tuo post immediatamente, così come gli hashtag per far vedere il tuo post nel tempo. Fai clic su “Ottieni report” per un’analisi dettagliata degli hashtag visualizzati.

pagina di confronto hashtag su RiteTag

4. Ottieni uno strumento di ascolto dei social media

Uno strumento come Hootsuite consente al tuo marchio di utilizzare i flussi di ricerca per scoprire quali hashtag sono i migliori per ogni social network su cui ti trovi. In parole povere, i flussi di ricerca rendono facile vedere quali hashtag sono i più popolari e i più efficaci.

Nella nostra agenzia web milano andiamo ad utilizzare e intrecciare molti tool e siti per avere un risultato che superi le aspettative.

5. Trova hashtag correlati

Se hai già una buona conoscenza di quali hashtag funzionano bene per il tuo marchio, considera l’utilizzo di hashtag correlati. Questi potrebbero essere un po’ più specifici degli hashtag popolari che stai già utilizzando, il che potrebbe aiutarti a connetterti con un pubblico più mirato.

Su Instagram, gli hashtag correlati vengono visualizzati appena sopra le schede “In alto” e “Recenti” nella sezione Esplora di Instagram.

pagina hashtag per "viaggio" su Instagram, evidenziando gli hashtag correlati

Su LinkedIn, puoi trovare più consigli sugli hashtag dopo aver fatto clic su un hashtag. Scegli i pulsanti “Scopri più hashtag” dopo aver fatto clic sui puntini di sospensione.

Evidenziando "Scopri nuovi hashtag" per l'hashtag #marketing su LinkedIn

6. Analizza quali hashtag hanno avuto successo nei post precedenti

Tieni traccia di quali hashtag hai utilizzato nei post precedenti. Analizza quali post sono stati più popolari, quindi verifica se c’è una tendenza con gli hashtag che hai utilizzato.

Se noti che alcuni dei tuoi post più popolari contengono sempre alcuni degli stessi hashtag, assicurati di includerli anche nei tuoi post futuri.

Come usare gli hashtag su ogni rete

Qui trovi suggerimenti semplici e di facile lettura per l’utilizzo degli hashtag su diverse piattaforme di social media.

Come usare gli hashtag di Twitter

Numero ottimale di hashtag da utilizzare:

1-2

Nella nostra web agency milano cambiamo il numero di hastag a seconda della piattaforma e del pubblico.

Dove troverai gli hashtag su Twitter:

Puoi utilizzare gli hashtag ovunque nei tuoi Tweet . Usali all’inizio per dare enfasi, alla fine per il contesto o nel mezzo del tuo post per evidenziare una parola chiave.

Gli hashtag possono anche essere aggiunti in un commento quando ritwitti, nelle risposte e nella tua biografia su Twitter.

Puoi anche:

Un paio di consigli essenziali per l’hashtag da tenere a mente:

  • Tecnicamente, puoi utilizzare tutti gli hashtag che desideri in un Tweet, entro il limite di 280 caratteri. Ma Twitter consiglia di non utilizzarne più di due .
  • Se stai creando un nuovo hashtag, fai prima delle ricerche. Assicurati che non sia già in uso.

Come usare gli hashtag di Facebook

Numero ottimale di hashtag da utilizzare:

1-2

Dove troverai gli hashtag su Facebook:

Gli hashtag possono essere inclusi in qualsiasi parte del tuo post Facebook scritto o nei commenti.

Gli hashtag sono utili anche per raggruppare i contenuti in gruppi Facebook privati ​​per tema o argomento. Questo è importante da tenere a mente per i brand, considerando che Facebook sta vedendo i suoi utenti passare a canali privati .

Puoi anche:

  • Cerca un hashtag utilizzando la barra di ricerca di Facebook.
  • Fai clic su un hashtag per visualizzare un feed di post di Facebook utilizzando lo stesso hashtag.
  • Cerca gli hashtag utilizzati nei gruppi Facebook privati ​​utilizzando la barra “cerca in questo gruppo” nel menu del gruppo.

Un paio di consigli essenziali per gli hashtag:

  • Poiché così tanti profili di utenti sono privati ​​su Facebook, ricorda che è più difficile per i marchi tenere traccia di come gli utenti interagiscono con i tuoi hashtag.
  • Monitora gli hashtag del tuo marchio e vedi quali profili pubblici stanno partecipando alla conversazione utilizzando l’URL facebook.com/hashtag/_____ . Includi la parola chiave che vuoi cercare alla fine.

Come usare gli hashtag di Instagram

Numero ottimale di hashtag da utilizzare:

5-10

Dove troverai gli hashtag su Instagram:

Includi gli hashtag dopo aver scritto una fantastica didascalia su Instagram . Puoi anche includere hashtag nella sezione dei commenti quando interagisci con i tuoi follower.

E puoi includere fino a 10 hashtag nelle tue storie di Instagram. (Tuttavia, le storie di Instagram non sono più presenti nelle pagine degli hashtag o mostrate agli utenti che seguono un tag. Ciò significa che gli hashtag non ti aiuteranno necessariamente a mostrare le tue storie a un nuovo pubblico, ma puoi comunque usarli per aggiungere contesto al tuo contenuto.)

È anche possibile includere hashtag nella biografia del profilo Instagram del tuo marchio.

Per ulteriori suggerimenti sugli hashtag di Instagram, leggi questa guida dettagliata.

E, naturalmente, guarda il nostro video strategico:

Puoi anche:

  • Cerca gli hashtag nella scheda Tag della sezione Esplora di Instagram.
  • Segui gli hashtag. Ciò significa che i contenuti di qualsiasi creator verranno visualizzati nel tuo feed, purché includano l’hashtag che stai seguendo.

Un paio di consigli essenziali per gli hashtag:

  • Considera di pubblicare i tuoi hashtag come primo commento del post in modo che i follower possano concentrarsi sulla fantastica didascalia che hai scritto.
  • Con un account Instagram Business, puoi accedere a Instagram Insights . Quindi puoi vedere quante impressioni ha ricevuto il tuo profilo dagli hashtag.
  • Evita di aggiungere hashtag nel mezzo delle didascalie o dei commenti, poiché possono potenzialmente rendere i tuoi contenuti meno comprensibili e accessibili alle persone che utilizzano lettori di sintesi vocale. Raggruppare gli hashtag alla fine della didascalia (o in un commento) è la scommessa più sicura.  Pagina Instagram Insights che mostra dove vedere quante persone hanno visto il tuo post a causa dei tuoi hashtag

Come usare gli hashtag di YouTube

Numero ottimale di hashtag da utilizzare:

2-3

Dove troverai gli hashtag su YouTube:

Aggiungi alcuni hashtag nel titolo del video YouTube del tuo brand o nella descrizione del video.

Fai clic sull’hashtag del collegamento ipertestuale per visualizzare un feed con altri video che utilizzano lo stesso hashtag.

Ricorda: non utilizzare più di 15 hashtag. YouTube ignorerà tutti gli hashtag e forse segnalerà anche i tuoi contenuti a causa del tuo comportamento di spam.

Gli hashtag di YouTube non sono l’unico modo per aiutare gli utenti a trovare i tuoi video. Abbiamo 12 tattiche che aiuteranno i video del tuo brand a ottenere visualizzazioni .

Un paio di consigli essenziali per gli hashtag:

  • Gli hashtag sono collegati a collegamenti ipertestuali nei titoli e nelle descrizioni, quindi i follower possono trovare altri contenuti con gli stessi hashtag facendo clic su uno dei due.
  • Se non includi hashtag nel titolo, i primi tre hashtag nella descrizione verranno visualizzati sopra il titolo del tuo video.

Come usare gli hashtag di LinkedIn?

Numero ottimale di hashtag da utilizzare:

1-2

Dove troverai gli hashtag su LinkedIn:

Incorpora hashtag ovunque nei tuoi post di LinkedIn .

Puoi anche:

  • Cerca gli hashtag utilizzando la barra di ricerca della piattaforma.
  • Gli hashtag di tendenza di LinkedIn verranno visualizzati nella sezione “notizie e visualizzazioni” della home page.
  • Ricevi suggerimenti di hashtag da LinkedIn mentre scrivi un aggiornamento.

Un paio di consigli essenziali per gli hashtag:

  • LinkedIn è una piattaforma professionale. Mantieni anche l’uso degli hashtag professionale.
  • Segui gli hashtag su LinkedIn per vedere i post recenti che incorporano quell’hashtag.

Come usare gli hashtag di Pinterest

Numero ottimale di hashtag da utilizzare:

2-5

Dove troverai gli hashtag su Pinterest:

Quando utilizzi Pinterest per le aziende , includi gli hashtag Pinterest quando scrivi una descrizione Pin o in una descrizione scritta quando Repinning.

Pinterest offre anche suggerimenti di hashtag (solo nella versione mobile) durante la creazione di un nuovo Pin.

Un paio di consigli essenziali per gli hashtag:

  • Pensa a Pinterest come a un motore di ricerca. Usa hashtag che siano ricercabili, specifici e che contengano parole chiave pertinenti.
  • Non utilizzare più di 20 hashtag nella descrizione di un Pin.

Se non lo sei già, è ora di iniziare a utilizzare gli hashtag nei tuoi post sui social media. Anche se hanno guadagnato popolarità per la prima volta nel 2007, sono ancora più utili oggi per il tuo marchio!

Categoriesyoutube

Come fare soldi su YouTube: 7 strategie efficaci

Strategia

Come fare soldi su YouTube: 7 strategie efficaci

Se ti stai chiedendo come guadagnare su YouTube, non cercare oltre queste 7 strategie per monetizzare il tuo canale e il tuo lavoro creativo.

Ok, le entrate pubblicitarie sono il modo più ovvio per fare soldi su YouTube. Ma non è l’unico modo o, ad essere onesti, il modo migliore.

(Spoiler: il modo migliore per fare soldi su YouTube è in tutti i modi .)

YouTube è metà di Internet : sono 1,9 miliardi di utenti che accedono ogni mese. Ma allo stesso tempo, sul sito vengono caricate 500 ore di video ogni minuto.

Quindi sai già che questo articolo non riguarderà quanto sia facile acquistare un orologio svizzero con le entrate pubblicitarie delle tue visualizzazioni su YouTube. (Anche se se hai milioni di visualizzazioni di video, probabilmente potresti almeno noleggiarne uno . Aspetta, non farlo .)

Continua a leggere e illustreremo 7 modi per guadagnare dal tuo canale YouTube, completi di istruzioni dettagliate .

Sommario
1. Partecipa al Programma partner di YouTube
2. Vendi il tuo merch
3. Crea contenuti sponsorizzati
4. Diventa un partner affiliato
5. Fatti pagare direttamente dai tuoi fan
6. Usa il crowdfunding
7. Autorizza i tuoi contenuti ai media

 

Come fare soldi su YouTube

1. Partecipa al Programma partner di YouTube

Il Programma partner di YouTube è il modo in cui i normali utenti di YouTube ottengono l’accesso a funzioni speciali sulla piattaforma.

Non è necessario essere un partner per fare soldi su YouTube (basta impostare un account AdSense e ottenere visualizzazioni per gestirlo), ma essere un partner lo rende molto più semplice.

I partner di YouTube hanno accesso a più flussi di reddito: non solo annunci video, ma anche quote di abbonamento a YouTube Premium e funzionalità che toccano direttamente il portafoglio dei tuoi fedeli fan come Superchat, abbonamenti al canale e lo scaffale di merchandising (ne parleremo più avanti).

Passaggio 1: avvia un canale YouTube

Non preoccuparti, ci sono un sacco di guide semplicissime sullo stesso youtube!

Passaggio 2: fai in modo che il tuo canale abbia un successo tale da soddisfare i requisiti del Programma partner di YouTube

Per aderire al programma, sono necessari un minimo di 1.000 iscritti e 4.000 ore di visualizzazione nei 12 mesi precedenti.

Ecco alcune idee su come ottenere più di quelle preziose visualizzazioni di YouTube .

Passaggio 3: configura un account AdSense

Questo è semplice. Segui la guida ufficiale di YouTube agli account AdSense .

Passaggio 4: esplora le tue nuove funzionalità di monetizzazione

Ciascun canale di monetizzazione ha requisiti di idoneità diversi. Ad esempio:

  • Entrate pubblicitarie: per guadagnare entrate pubblicitarie, devi avere almeno 18 anni e devi creare contenuti idonei per gli inserzionisti . Fondamentalmente, meno controversi sono i tuoi video, più gli inserzionisti di YouTube si sentiranno a proprio agio nel pubblicare annunci su di essi e più soldi guadagnerai.
  • Entrate YouTube Premium: se un abbonato a YouTube Premium guarda il tuo video, ricevi una parte della quota di iscrizione. (Questo è automatico, il che è carino.)
  • Abbonamenti al canale: per vendere abbonamenti al canale ai tuoi iscritti (ovvero, i tuoi fan scelgono di pagarti un importo extra), devi avere almeno 18 anni e avere più di 30.000 iscritti.
  • Scaffale di merchandising: per vendere merchandising dallo scaffale di merchandising di YouTube, devi avere almeno 18 anni e avere almeno 10.000 iscritti.
  • Pagamenti Superchat: se vuoi che i tuoi fan abbiano la possibilità di pagare per avere i loro messaggi evidenziati nelle tue chat dal vivo durante i tuoi live streaming, devi avere almeno 18 anni (e vivere in un paese in cui è offerta la funzione).

Passaggio 5: inviare a revisioni in corso

In qualità di partner di YouTube, il tuo canale sarà tenuto a uno standard più elevato, secondo YouTube. Devi seguire non solo le norme del Programma partner di YouTube , ma anche le Norme della community . Per non parlare di stare dalla parte giusta della legge sul copyright.

2. Vendi il tuo merch

Forse ti identifichi prima come creatore di contenuti e poi come imprenditore. (Ricorda solo che anche Drake vende magliette.)

In alternativa, sei prima un imprenditore e poi un creatore di video, il che significa che probabilmente hai già un prodotto e stai progettando la tua strategia di marketing su YouTube per venderlo.

Ad ogni modo, il merchandising è un modo praticabile per guadagnare denaro da YouTube.

Passaggio 1: immagina e progetta il tuo prodotto

Il merchandising per il tuo canale ha lo scopo di rappresentare e alimentare la connessione del tuo pubblico con te. Ciò significa che il tuo merchandising dovrebbe essere unico.

La star hawaiana di YouTube Ryan Higa ha lanciato la sua bevanda energetica a base di latte Ninja Melk per sfruttare la popolarità della sua commedia virale, Ninja Melk . Sebbene venda anche magliette e altro merchandising dal suo negozio online, l’appeal di Ninja Melk è abbastanza ampio da avere un proprio sito web .

Suggerimento per professionisti: potresti avere più idee per il merchandising di quante tu possa immagazzinare. Quindi inizia immergendo le dita dei piedi nell’acqua con uno o due oggetti. Ma assicurati di coinvolgere il tuo pubblico nel processo decisionale. Chiedi loro cosa vogliono. Oppure crea buzz offrendo prodotti unici relativi a grandi traguardi di numero di iscritti.

Ovviamente dovresti valutare la realizzazione siti web e commerce per rendere le tue vendite automatizzate.

Passaggio 2: crea e/o crea il tuo prodotto

Nella maggior parte dei casi, avrai bisogno di un produttore, fornitore o grossista per realizzare e consegnare il tuo prodotto. Alcuni fornitori te lo consegneranno e altri ti risparmieranno il mal di testa dell’inventario, della spedizione e dei resi gestendolo da soli.

Se non sei sicuro da dove cominciare, dai un’occhiata alle istruzioni di Shopify sull’argomento della ricerca di un’azienda fisica per trasformare il tuo sogno in realtà .

Passaggio 3: crea il tuo negozio e la tua landing page

Avrai bisogno di un sito web separato per gestire gli acquisti. Se desideri collegarlo direttamente dai tuoi video (e lo fai), fai riferimento all’elenco di YouTube di siti di merchandising approvati . Per avere un corretto posizionamento della tua landing page ti potresti avvalere della nostra consulenza seo.

Passaggio 4: attiva lo scaffale di merchandising dei partner di YouTube

I partner di YouTube possono anche utilizzare la funzione scaffale per vendere la merce del loro canale. Se sei idoneo, segui le istruzioni di YouTube per abilitarlo.

Bonus: scarica il piano gratuito di 30 giorni per far crescere rapidamente il tuo YouTube , una cartella di lavoro quotidiana di sfide che ti aiuterà a dare il via alla crescita del tuo canale Youtube e a monitorare il tuo successo. Ottieni risultati reali dopo un mese. (in arrivo!)

Passaggio 5: promuovi il tuo prodotto nei tuoi video

È qui che entra in gioco il tuo fascino. Indossa o usa il tuo merchandising nei tuoi video. Visualizza gli spettatori che lo hanno acquistato e lo stanno utilizzando. (Se fossimo su un’altra piattaforma, potremmo chiamare questo “contenuto generato dagli utenti” o forse “oro massiccio”).

E non dimenticare di aggiungere il link del tuo negozio alle descrizioni dei tuoi video e di includere schermate finali e schede con inviti all’azione convincenti .

Ryan Higa mostra clip di persone che usano il suo prodotto su YouTube
Fonte: Ryan Higa


Suggerimento per professionisti: non dimenticare di dire grazie. Perché è educato. Ma anche perché è una scusa per ricordare alle persone quanto sia grande e popolare il tuo prodotto, ancora una volta.

Suggerimento II: Se hai un prodotto tuo dovresti valutare la realizzazione siti adatti alla corretta promozione del tuo brand.

3. Crea contenuti sponsorizzati

Non devi essere su Instagram per essere un influencer. Il vantaggio della strategia #sponcon è che non devi dare a YouTube una parte dei tuoi guadagni. Negozii direttamente con il marchio e loro ti pagano direttamente. Non c’è da stupirsi che sia un modo popolare per gli YouTuber di fare soldi.

Se puoi offrire ai brand un pubblico ampio e/o coinvolto e i tuoi contenuti sono rilevanti per il loro mercato di riferimento, probabilmente vorranno sentirti .

Ad esempio, lo YouTuber Aaron Marino, alias Alpha M , è famoso nel mondo dello stile di vita maschile. Quanto grande? Così grande che anche i suoi video che spiegano le sue partnership con il marchio hanno partner di marca.

Una agenzia web marketing potrà di certo darti una mano in questo senso.

Passaggio 1: trova un marchio con cui collaborare

La qualità è importante, quando si tratta dei nomi con cui lavori. Probabilmente hai già una lista dei desideri di marchi da sogno. Che tu stia mirando alle stelle o costruendoti in stile base, assicurati di perfezionare la presentazione del tuo marchio prima di inviarla.

Considera anche la possibilità di iscriverti a una piattaforma di marketing di influencer. Questi sono siti web intermedi che aiutano i team di marketing a trovare influencer appropriati con cui lavorare. FameBit è stato uno dei primi a concentrarsi sugli YouTuber, ad esempio. Potrai chiedere alla nostra web agency di aiutarti nella ricerca di un marchio perfetto per te!

Passaggio 2: fare un affare

Secondo questo recente studio della piattaforma di influencer marketing Klear , i video di YouTube sono, in media, il tipo più costoso di contenuti sponsorizzati che i marchi possono acquistare dagli influencer. Fondamentalmente, gli influencer di YouTube sono in grado di far pagare di più per i loro video di quanto farebbero per le storie di Instagram o i post di Facebook, perché i video sono solo più costosi da produrre.

Sebbene la tua tariffa varierà in base alle dimensioni, al coinvolgimento e alla pertinenza del tuo pubblico per il tuo potenziale partner, conosci il tuo valore prima di firmare un contratto.

Passaggio 3: sii trasparente sul tuo #annuncio #sponsorizzato

Il contenuto sponsorizzato è pubblicità. Ciò significa che devi assicurarti di essere al passo con le norme pubblicitarie di Google . Sia l’ FTC (USA) che l’ ASA (Regno Unito) hanno linee guida di cui dovresti essere a conoscenza anche se sei americano o britannico.

La trasparenza fa bene alla tua salute legale, ma anche al tuo rapporto con il tuo pubblico. YouTube ha una funzione di divulgazione visibile per aiutarti ad assicurarti che il tuo pubblico sappia che gli stai facendo pubblicità.

Dichiarazione di non responsabilità sui contenuti sponsorizzati sul video
Fonte: YouTube

4. Diventa un partner affiliato

Se il tuo pubblico di YouTube è fedele e coinvolto, ma non è ancora arrivato in termini di organico, cerca aziende che investono nel marketing di affiliazione.

Gli YouTuber affiliati alle aziende incoraggiano i loro spettatori a visitare il negozio online del marchio o pagine di prodotti specifici. Quindi ottengono una percentuale delle vendite effettuate tramite i loro link di affiliazione, hai indovinato.

In termini di configurazione e logistica, le partnership di affiliazione sono simili alle offerte di contenuti sponsorizzati, quindi segui i passaggi dal suggerimento n. 3 per iniziare.

5. Fatti pagare direttamente dai tuoi fan

Questa strategia per fare soldi su YouTube include alcuni flussi di reddito diversi, ma tutti hanno una cosa in comune: devi rendere facile per i tuoi fan mostrare il loro apprezzamento con la loro carta di credito.

Passaggio 1: ospita chat dal vivo in cui le persone possono utilizzare Superchat

All’inizio del 2017, YouTube ha sostituito la precedente funzione Finanziamenti dei fan con Superchat . Questa è una funzione disponibile solo per i partner di YouTube mentre trasmettono in live streaming.

In sostanza, i tuoi spettatori possono rendere più visibili i loro commenti (vengono evidenziati e bloccati per un determinato periodo di tempo a seconda di quanto pagano) nello streaming della chat dal vivo.

Superchat di YouTube

Passaggio 2: incoraggia i tuoi fan a diventare membri del canale

Pulsante Iscriviti su un canale YouTube
Fonte: YouTube

YouTube offre la possibilità di farti pagare dai tuoi spettatori per diventare membri del tuo canale. In cambio, ottengono emoji personalizzati, badge e accesso a esclusive riservate ai membri come le chat dal vivo con te.

Ad esempio, i Wintergatan sono una band svedese che realizza anche elaborate macchine per il marmo e pubblica video a riguardo sul proprio canale YouTube. Ringraziano regolarmente i membri del canale nei loro video. Chiariscono anche cosa sostiene il denaro degli abbonamenti:

Wingarten Unisciti a questa descrizione della pagina del canale
Fonte: YouTube

Dovrai costruire una strategia di promozione per convincere le persone a diventare membri, che può includere o meno diversi livelli di adesione. Come Superchat, questa funzione è disponibile solo per i partner di YouTube.

Passaggio 3: incoraggia i tuoi fan a diventare abbonati a YouTube Premium

Questo passaggio è l’ultimo della nostra lista per questa strategia perché avvantaggia il tuo canale solo indirettamente. Detto questo, quando gli abbonati a YouTube Premium guardano il tuo canale, ricevi una parte della quota di iscrizione. (E così fa ogni altro canale che guardano.)

6. Usa il crowdfunding

La richiesta di donazioni online è ormai un luogo comune. Sia che tu stia cercando di generare entrate continue da un pool di piccole donazioni mensili, sia che tu stia cercando di finanziare un progetto personale correlato al canale, il crowdfunding è il modo in cui guadagnano molti YouTuber.

Passaggio 1: configura un account di crowdfunding

YouTube ha un elenco di siti di crowdfunding approvati tra cui scegliere.

Per i finanziamenti ricorrenti, Patreon è la scelta migliore. Nel frattempo, siti come GoFundMe o Kickstarter sono i migliori per le campagne una tantum per ottenere un nuovo microfono, un nuovo laptop o una nuova… milza.

Anche nomi familiari come Walk Off the Earth o Veronica Mars (ok, è un personaggio immaginario) hanno usato Patreon per finanziare i loro progetti, siano essi video musicali o lungometraggi.

pagina di crowdfunding cammina fuori dalla terra
Fonte: Walk Off the Earth

Passaggio 2: promuovi la tua campagna nei tuoi video

Dettaglia i tuoi obiettivi specifici in modo che le persone sappiano esattamente cosa possono aspettarsi quando avrai avuto successo.

Inoltre, offri vantaggi allettanti che si accumulano man mano che i tuoi fan scelgono quanto vogliono donare.

Per ulteriori informazioni e ispirazione, dai un’occhiata a questa guida dettagliata alle strategie di crowdfunding .

Passaggio 3: vai oltre YouTube

Una campagna di successo è un affare multipiattaforma. Abbiamo alcuni consigli su come promuovere il tuo canale YouTube (e, per estensione, la tua campagna di crowdfunding) ovunque.

7. Autorizza i tuoi contenuti ai media

Quando un video diventa virale, ogni testata giornalistica vuole mettere le mani su una copia per riprodurlo per il proprio pubblico. Fortunatamente, le società di media affermate sono ben consapevoli di dover pagare per ciò che utilizzano. E voilà, hai un altro modo per fare soldi su YouTube.

In qualità di creatore di contenuti, concedere in licenza il tuo lavoro di maggior successo ai media può essere semplice quanto assicurarti di essere facile da trovare.

Passaggio 1: mantieni aggiornati i tuoi dettagli di contatto nella tua pagina Informazioni

Non sai mai quando colpirà un fulmine. Anche se non disponi di un manager aziendale, configura un account e-mail generico a cui puoi puntare per richieste di informazioni commerciali.

Lilly Singh Informazioni sulla pagina
Fonte: Lilly Singh

Passaggio 2: iscriviti a un marketplace per i diritti video

Jukin Media è un ottimo punto di partenza. Anche se non disponi di un video virale come la donna con la maschera di Chewbacca (vedi sotto), i media hanno spesso bisogno di filmati tempestivi per completare i loro rapporti.

Ad esempio, Jukin ha un intero catalogo di video ” degni di nota ” a cui puoi contribuire, se ti capita di avere filmati esclusivi di un grave disastro naturale, incidente aereo o piaga di locuste .

Jukin Media video package
Source: Jukin Media

Quanti soldi puoi guadagnare su YouTube?

Purtroppo, questa domanda secolare ha una risposta esasperante: dipende .

Il cielo è il limite, come dimostra la storia dello YouTuber di 9 anni e multimilionario Ryan Kaji . Ma entrare nel territorio a 7 cifre richiede molto tempo, lavoro costante e fortuna.

Le entrate di YouTube dipendono fortemente da AdSense . In parole povere, gli utenti di YouTube vengono pagati per ogni visualizzazione dell’annuncio sul loro canale. Ma le tariffe variano a seconda delle aree geografiche, dei dati demografici e persino dei settori (gli annunci di software possono avere un CPM più elevato rispetto, ad esempio, agli annunci di abbigliamento).

In media, gli utenti di YouTube guadagnano tra $ 3 e $ 5 per 1.000 visualizzazioni di video tramite AdSense . Se il tuo canale raggiunge molte persone, questo può accumularsi fino a una bella busta paga. Non è raro che i grandi creatori incassino fino a $ 200.000 ogni mese solo da AdSense.

Ma anche se il tuo canale è in trend e le entrate di AdSense stanno riempiendo il tuo conto in banca, ricorda che la fama di YouTube dipende da molti fattori, alcuni (o la maggior parte) dei quali sono fuori dal tuo controllo: l’ algoritmo di YouTube può cambiare, così come i gusti del tuo pubblico e bisogni.

Per assicurarti che i soldi che guadagni su YouTube si trasformino in un reddito sano e coerente, segui i nostri 7 suggerimenti e diramati. Merch, offerte di marca e crowdfunding possono farti guadagnare anche se, per qualsiasi motivo, i tuoi stipendi AdSense scendono.

CategoriesMarketing SEO

Cos’è la SEO? La tua guida passo passo completa

Vuoi imparare tutto sulla SEO? Prima di insegnarti come funziona e come farlo, esaminiamo prima la definizione di SEO e poi ci addentreremo in come funziona la SEO.

che cos'è la seo

Che cos’è la SEO?

SEO sta per ottimizzazione per i motori di ricerca. La SEO è il processo di adozione di misure per aiutare un sito Web o un contenuto a posizionarsi più in alto su Google.

La differenza fondamentale tra SEO e pubblicità a pagamento è che la SEO implica un posizionamento “organico”, il che significa che non paghi per essere in quello spazio. Per renderlo un po’ più semplice, l’ottimizzazione per i motori di ricerca significa prendere un pezzo di contenuto online e ottimizzarlo in modo che i motori di ricerca come Google lo mostrino nella parte superiore della pagina quando qualcuno cerca qualcosa.

Guardate in questo modo. Quando qualcuno digita “lasagna vegana” su Google, probabilmente sta cercando una ricetta, ingredienti e istruzioni su come realizzarla. Se hai scritto un articolo su come preparare le lasagne vegane, vorresti che le persone trovassero la tua ricetta. Perché chiunque lo trovi, è necessario posizionarsi sopra tutti gli altri siti Web con ricette di lasagne vegane. Non è facile, ma questo è il marketing SEO. Fondamentale per procedere alla realizzazione siti web professionali.

Analizziamolo ulteriormente: la maggior parte delle ricerche online inizia con un motore di ricerca come Google. In effetti, il 75% di queste ricerche inizia su Google.

Per capire meglio come classificare i tuoi contenuti più in alto nei motori di ricerca, devi prima capire come funziona la ricerca.

L’obiettivo finale di questo articolo è aiutarti a capire i dettagli della ricerca in modo da poter ottimizzare i tuoi contenuti per posizionarti più in alto su Google e ottenere più occhi sui tuoi post.

Elementi fondamentali della SEO: SEO on-page e SEO off-page

Quando si tratta di SEO più ampio, ci sono due percorsi ugualmente importanti: SEO on-page e SEO off-page .

La SEO on-page riguarda la creazione di contenuti per migliorare il tuo posizionamento. Ciò si riduce all’incorporazione di parole chiave nelle pagine e nei contenuti, nella scrittura regolare di contenuti di alta qualità, nell’assicurarsi che i metatag e i titoli siano ricchi di parole chiave e ben scritti, tra gli altri fattori.

La SEO off-page è l’ottimizzazione che avviene fuori dal tuo sito web stesso, come il guadagno di backlink. Questa parte dell’equazione implica la costruzione di relazioni e la creazione di contenuti che le persone vogliono condividere. Sebbene richieda molto lavoro di gambe, è parte integrante del successo SEO. Chiaramente un buon bilanciamento è alla base di un consulente seo.

Strategie SEO: Black Hat vs. Cappello bianco

Ho sempre giocato al gioco imprenditoriale a lungo termine e credo che sia la strada da percorrere. Tuttavia, questo non è il caso di tutti. Alcune persone preferiscono prendere i guadagni rapidi e passare a qualcos’altro.

Quando si tratta di SEO, la ricerca di guadagni rapidi viene spesso definita ” seo black hat “. Le persone che implementano la SEO black hat tendono a utilizzare tattiche subdole come il riempimento di parole chiave e lo scraping dei link per posizionarsi rapidamente. Potrebbe funzionare a breve termine e ottenere un po’ di traffico sul tuo sito, ma dopo un po’ Google finisce per penalizzare e persino inserire nella lista nera il tuo sito in modo da non classificarti mai.

D’altra parte, la SEO white hat è il modo per costruire un business online sostenibile. Se fai SEO in questo modo, ti concentrerai sul tuo pubblico umano.

Cercherai di dare loro il miglior contenuto possibile e di renderlo facilmente accessibile giocando secondo le regole del motore di ricerca.

marketing seo - cappello nero contro cappello bianco

Questa immagine di Inbound Marketing Inc. fa un lavoro eccezionale di scomposizione, ma permettetemi di far luce su questi argomenti:

  • Contenuti duplicati: quando qualcuno cerca di classificare una determinata parola chiave, potrebbe duplicare il contenuto sul proprio sito per cercare di ottenere quella parola chiave nel testo più e più volte. Google penalizza i siti che lo fanno.
  • Testo invisibile e riempimento di parole chiave: anni fa, una strategia black hat consisteva nell’includere una tonnellata di parole chiave nella parte inferiore dei tuoi articoli, rendendole dello stesso colore dello sfondo. Questa strategia ti porterà nella lista nera molto rapidamente. Lo stesso vale per il riempimento di parole chiave a cui non appartengono.
  • Cloaking e reindirizzamento: quando si tratta di reindirizzamenti, esiste un modo giusto e uno sbagliato per farlo. Il modo sbagliato è acquistare un mucchio di domini ricchi di parole chiave e indirizzare tutto il traffico a un singolo sito.
  • Pratiche di collegamento scadenti: uscire e acquistare un pacchetto Fiverr che ti promette 5.000 collegamenti in 24 ore non è il modo giusto per creare collegamenti. Devi ottenere collegamenti da contenuti e siti pertinenti nella tua nicchia che hanno il proprio traffico.

Dal momento che Google penalizza i siti che fanno queste cose, mi sentirai solo parlare di white hat SEO.

Tuttavia, esiste una cosa come la SEO Grey Hat. Ciò significa che non è puro o innocente come il più bianco dei cappelli bianchi, ma non è così egregiamente manipolativo come possono essere le tecniche del cappello nero. Non stai cercando di ingannare nessuno o di ingannare intenzionalmente il sistema con il cappello grigio. Tuttavia, stai cercando di ottenere un netto vantaggio.

Vedi, gli standard di Google non sono così netti come vorrebbero farti credere. Molte volte, potrebbero anche dire cose contraddittorie. Ad esempio, Google ha affermato di non essere un fan del guest blogging per creare collegamenti.

Ora, che dire del guest blogging per far crescere il tuo marchio? E se lo facessi per aumentare la consapevolezza, generare traffico di alta qualità verso il tuo sito e diventare un nome familiare nel settore?

Nel mondo SEO, non è tanto importante cosa fai, ma come lo fai. Se stai acquistando guest post su siti che non hanno nulla a che fare con la tua nicchia e inviando spam a un sacco di link, verrai penalizzato. Se stai creando guest post unici che forniscono valore ai lettori su siti che sono rilevanti per te, starai bene e il succo del collegamento fluirà bene al tuo sito.

Nozioni di base sul marketing SEO: la ripartizione completa

Ora è il momento di imparare a fare marketing SEO. Capirlo è una cosa, ma la SEO richiede molta azione e tempo. Questo non è qualcosa che puoi cambiare oggi e aspettarti di vedere i risultati domani. La SEO intraprende azioni quotidiane con l’obiettivo del successo a lungo termine. Tutto questo in particolare se il vostro obiettivo è la creazione ecommerce.

 

Contenuto

Probabilmente l’avrai già sentito: “Il contenuto è re”. Bill Gates ha fatto questa previsione nel 1996 ed è vera come non mai oggi.

Come mai? Perchè nella nostra agenzia web teniamo sempre presente questo dato?

Perché un utente di Google è felice quando trova il risultato che meglio soddisfa le sue esigenze.

Quando cerchi su Google “maccheroni e formaggio fatti in casa facili e veloci”, Google mette tutta la sua energia nel fornirti quella che Google crede sia la migliore ricetta per mac e formaggio fatti in casa (che richiede poco tempo e utilizza pochi ingredienti) su tutto il Web.

Non cerca solo la ricetta più veloce, solo la ricetta più semplice, o butta fuori un mucchio di negozi online per cene surgelate. Cerca di darti esattamente quello che hai chiesto. Google cerca sempre di fornire la migliore esperienza possibile indirizzandoti ai migliori contenuti che riesce a trovare.

Ciò significa che il tuo lavoro numero uno per fare bene con la SEO è produrre ottimi contenuti.

È un peccato, giusto? Devi ancora fare un sacco di lavoro. La SEO non è diversa da qualsiasi altra abilità: i grandi risultati derivano da un grande sforzo. Proprio come il miglior marketing del mondo non ti aiuterà a vendere un prodotto scadente, la SEO super avanzata è inutile se non hai contenuti di qualità.

Elementi di contenuto

Ci sono un milione di elementi che contribuiscono alla creazione di contenuti di alta qualità; eccone alcuni dei miei più importanti:

Qualità

Una volta, pubblicare un contenuto con un mucchio di parole chiave era lo standard. Se stavi creando contenuti di qualità che risolvessero effettivamente il problema di qualcuno, eri uno che ne sapeva e questo rendeva facile il posizionamento. In quegli anni tramite la nostra web agency milano abbiamo posizionato decine e decine di siti solo scrivendo contenuti interessanti.

Oggi i contenuti sono molto migliori e molte aziende online hanno blog che usano per aggiungere valore al loro sito e posizionarsi più in alto su Google.

Trovare ottimi contenuti non è facile, ma la buona notizia è che non è sempre necessario creare i tuoi contenuti da zero. È possibile piggyback fuori di ciò che altri hanno creato, ma semplicemente aggiungere più valore e rendere il vostro pezzo di contenuti più approfondita.

La linea di fondo è che i tuoi contenuti devono risolvere un problema o fornire una soluzione a qualunque cosa porti il ​​lettore al tuo post. In caso contrario, faranno clic rapidamente lontano dalla tua pagina, dicendo a Google che il tuo contenuto non risolve il problema di nessuno.

intento

Google pone molta enfasi sull’intento. Vuole capire cosa sta cercando il ricercatore quando digita qualcosa nella barra di ricerca.

  • Vogliono sapere qualcosa?
  • Stanno cercando di comprare qualcosa?
  • Stanno guardando le vetrine?

Come creatore di contenuti, devi capirlo anche tu. Non puoi creare un contenuto sulle “migliori canne da pesca sul ghiaccio” e scegliere come parola chiave principale “pesca del basso”. Non ha senso perché le persone in genere non usano canne da pesca nel ghiaccio per pescare spigole al freddo. Pertanto, non stai fornendo la risposta giusta alla domanda e Google lo saprà.

Freschezza

I vari esperti hanno stabilito un punto di riferimento che mostra che la pubblicazione spesso aiuta con le classifiche di Google. Tuttavia, pubblicare nuovi contenuti è solo un modo per segnalare la freschezza di Google. Ci sono molte cose che puoi fare con i contenuti che hai già pubblicato per renderli più aggiornati .

Esaminare e aggiornare i tuoi contenuti per la precisione, correggere eventuali collegamenti interrotti e aggiornare i vecchi dati con nuove statistiche più pertinenti sono tutti modi per mostrare a Google che il tuo contenuto merita ancora un posto nella prima pagina.

4 suggerimenti per creare contenuti di qualità

Ecco i miei migliori consigli per creare i migliori contenuti che i lettori amano e che Google rispetta:

  1. Comprendi l’intento dell’utente: devi sapere cosa vuole ottenere il lettore quando arriva sulla tua pagina.
  2. Sviluppa un avatar del cliente: devi anche sapere chi è il tuo lettore , cosa gli piace, cosa non gli piace e perché è lì.
  3. Scomporre il testo: le persone hanno tempi di attenzione brevi e scrivere enormi pareti di testo non funziona più; devi spezzarlo con un sacco di intestazioni e immagini.
  4. Rendilo fruibile: non c’è niente di peggio che leggere un contenuto e non ottenere tutto ciò di cui hai bisogno per realizzare qualcosa. Il tuo contenuto dovrebbe essere completo, ma deve anche rispondere alla domanda “E adesso?” Il lettore avrà tutto ciò di cui ha bisogno quando avrà finito il tuo articolo?

Ricerca e selezione di parole chiave

Abbiamo appena accennato alla ricerca per parole chiave , che determina come chiami il tuo sito o come descrivi il tuo marchio online.

Le parole chiave determinano persino il modo in cui crei i link , compreso tutto, dalle tattiche che scegli a come prevedi di implementarle. Un altro errore comune che le persone fanno è fermarsi.

Forse ridisegnano il loro sito Web o escono con una nuova campagna di marketing. Lo fanno per una settimana o due, aggiornano le loro pagine e poi si fermano. Pensano che la ricerca per parole chiave sia una cosa fatta. In realtà, è l’esatto contrario. I migliori SEO effettuano costantemente ricerche di parole chiave.

La ricerca per parole chiave viene eseguita per diversi motivi, ma i due motivi principali sono il posizionamento su Google e la creazione di contenuti pertinenti. Le parole chiave possono spesso aprire la porta all’ispirazione dicendoti esattamente ciò che le persone vogliono sapere in base a ciò che stanno cercando.

Elementi di selezione delle parole chiave

C’è molto di più nella selezione delle parole chiave che passare attraverso lo strumento di ricerca delle parole chiave e scegliere ogni parola chiave nell’elenco. È necessario comprendere l’intento dietro la parola chiave e la sua competitività. Ecco gli elementi più importanti alla base della selezione delle parole chiave:

Scegliere le parole chiave giuste

Supponiamo che tu venda servizi di consulenza. Il tuo servizio potrebbe costare ai clienti $ 10.000 nel corso di un anno. Sono poco meno di mille dollari al mese, quindi non è fuori questione, ma è comunque abbastanza costoso.

Ora, se ti posizioni al primo posto per i “consigli gratuiti per la crescita del business”, indovina che tipo di pubblico attirerai ?

Porterai persone in cerca di cose gratis! Ciò significa che probabilmente non consegneranno la loro carta di credito nel momento in cui raggiungono il tuo sito. Quella parola chiave potrebbe inviare al tuo sito migliaia di persone ogni mese. Tuttavia, probabilmente è il pubblico sbagliato, quindi non ha senso classificarlo. Faresti meglio a scegliere una parola chiave diversa anche se ciò significa rinunciare a 990 visite al mese.

Pensaci: se solo una o due persone che leggono quel si convertono, sei già avanti. Questo non è l’unico errore comune che vedo, però. In effetti, questo prossimo è ancora più comune.

Analisi della concorrenza

Hai selezionato la parola chiave giusta fin dall’inizio. È contestualmente pertinente a ciò che fai e si allinea meglio a ciò che stai cercando di vendere. Qual è la prossima cosa che fai?

Apri uno strumento per le parole chiave come Ubersuggest per ottenere alcune idee per le parole chiave correlate. Naturalmente, inizi a gravitare verso quelli con il maggior numero di ricerche, ma ecco la cosa che ti manca: la tua capacità di classificare una parola chiave spesso dipende più dalla concorrenza con cui ti trovi.

Quando lo metti dentro, dici: “Wow! Guarda, riceve 35.000 ricerche al mese; questo è fantastico!” Quello di cui non ti rendi conto è che ci vorranno centinaia e centinaia di backlink e probabilmente anni anche solo per pensare al posizionamento in prima pagina come un nuovo sito.

Come mai?

La concorrenza è spietata. I siti si posizionano nella prima pagina in questo momento per quella parola chiave. Questi siti esistono da un po’ di tempo, hanno una solida reputazione e Google sa che forniscono informazioni di qualità. È così che si sono guadagnati il ​​posto. Non hai ancora guadagnato la fiducia di Google e ti servirebbe molto per superare la concorrenza.

Intento di ricerca

Google ci dice ripetutamente quanto sia importante l’intento di ricerca.

La maggior parte delle persone si concentra sulle parole chiave. Controintuitivamente, non è quello che vuoi fare. Invece di guardare cosa scrivono le persone, dovresti cercare di identificare cosa stanno cercando.

Questo è ciò a cui si riferisce ” intento di ricerca “. È la differenza tra ottenere un po’ di traffico e generare entrate reali.

Cominciamo con uno scenario di base per evidenziare la differenza. Possiedi un sito di lavoro facendo soldi convincendo le aziende a pubblicare annunci di lavoro sul tuo sito. Ciò significa che devi ottenere un buon posizionamento delle pagine di lavoro in modo che le persone vengano sul tuo sito anziché su Indeed o da qualche altra parte.

Più persone trovano lavoro tramite te, più verrai pagato. Guarda cosa succede con una parola chiave come “lavori di ingegneria”.

ricerca di lavoro di ingegneria per il marketing seo

I risultati sono dappertutto! Alcuni si riferiscono a ingegneri meccanici, mentre altri si concentrano su software o posizioni di livello base. L’intento dietro ogni ricerca è completamente diverso, che è ciò che devi individuare. Cosa sta cercando esattamente questo utente? A quale tipo di lavoro di ingegneria sono interessati?

Google ci aiuta a farlo abbinando l’intento di ricerca con la frase che l’utente digita nella barra di ricerca. Dal tuo punto di vista, ciò che conta è creare contenuti e scegliere parole chiave che corrispondano all’intento di ricerca dell’utente.

4 suggerimenti per la selezione delle migliori parole chiave

Ecco i miei suggerimenti per condurre la migliore ricerca e selezione di parole chiave:

  1. Usa gli strumenti per aiutarti: non puoi fare la migliore ricerca di parole chiave senza strumenti per aiutarti. Strumenti come Ubersuggest e Ahrefs forniscono informazioni sulla concorrenza e ti semplificano la vita.
  2. Comprendere la semantica: questo è un ottimo modo per conoscere il futuro della ricerca per parole chiave . A Google non interessa molto se inserisci la parola chiave esatta 15 volte; ciò che vuole corrispondere è l’intento. Se includi una parola chiave, è probabile che Google ne trovi altre 12 relative a quella. Non è necessario includere canna da pesca per basso, canne da pesca per basso, canne da pesca per basso e ogni permutazione. Google lo raccoglie per te se i tuoi contenuti sono buoni.
  3. Scopri l’intento: devi conoscere l’intento della parola chiave. Comprendi che c’è una grande differenza tra ciò che un acquirente digiterà su Google e ciò che un ricercatore inserirà in Google. Se il tuo contenuto risponde a una domanda, non vuoi un acquirente. Se i tuoi contenuti vendono qualcosa, non vuoi un ricercatore.
  4. Spiare i concorrenti: uno dei modi migliori per eseguire la ricerca per parole chiave è vedere cosa stanno facendo i tuoi concorrenti e seguire il loro esempio. Se qualcuno si classifica al primo posto per la parola chiave che desideri, accedi allo strumento di ricerca delle parole chiave , inserisci il suo URL e guarda quali parole chiave stanno utilizzando con il gap di parole chiave .

HTML

L’HTML del tuo sito è un pezzo importante del puzzle del marketing SEO. Senza tag, intestazioni e descrizioni adeguati, Google avrà difficoltà a capire di cosa tratta il tuo contenuto e perché dovrebbe classificarsi più in alto rispetto alla concorrenza.

Quando le persone leggono che l’ HTML fa parte della SEO , iniziano a spaventarsi, ma non c’è nulla di cui preoccuparsi. Non è necessario comprendere il codice e il processo di modifica dei tag e delle descrizioni è molto poco coinvolto. Per la maggior parte, cambiare l’HTML da una prospettiva SEO è semplice come copiare e incollare.

Elementi di HTML

Ora analizziamo alcuni dei fattori a cui prestare attenzione quando si tratta di HTML.

Tag del titolo

Una cosa che molte persone confondono è il tag title e il tag H1 . Si tratta di due titoli diversi e come tali vanno trattati. Il tag del titolo è ciò che viene visualizzato nella scheda nella parte superiore del browser e mostra quando la tua pagina viene visualizzata su Google. Questa è l’intestazione più importante nella ricerca e ha un colore blu o viola che risalta. Vuoi usare questa sezione con saggezza includendo la tua parola chiave principale e rendendo l’intestazione allettante in modo che gli utenti vogliano fare clic.

Meta Description

La meta descrizione è l’area sottostante. Qui è dove hai la possibilità di dire al ricercatore di cosa tratta il contenuto. È importante ottimizzare questa sezione per parole chiave e non supera i 160 caratteri. Vuoi che venga visualizzato correttamente su entrambi gli schermi mobili e desktop.

esempio di meta descrizioni per il marketing seo

Schema

Schema è il risultato della collaborazione di diversi motori di ricerca. Fondamentalmente è solo un sottoinsieme di tag HTML specifici che migliora il modo in cui le SERP visualizzano i tuoi contenuti.

Ad esempio, l’autore dell’esempio sopra con Bitcoin ha utilizzato uno schema per creare il rating visualizzato da Google nella SERP. È un fattore piuttosto piccolo ma sicuramente una buona pratica.

Quando hai finito di aggiungere il tuo schema , non dimenticare di testare la tua pagina per assicurarti che tutto funzioni senza intoppi.

Sottotitoli

Un esempio di sottotitolo sarebbe il tuo H1. Questo è il titolo del tuo articolo e viene visualizzato in alto. Anche se potrebbe sembrare solo una sequenza di parole, è importante perché è il tuo H1. È la tua intestazione principale.

Questa intestazione indica a Google di cosa tratta l’articolo o il contenuto. È anche la tua opportunità per attirare i lettori quando arrivano per la prima volta sulla pagina. Vuoi utilizzare la tua parola chiave principale nel tuo H1, ma non vuoi riempire le parole chiave.

Mi piace anche pensare al mio H1 come a un invito a qualcuno sulla pagina. Non dovrebbe essere transazionale o invadente. Vuoi invogliare i lettori a continuare la pagina con il tuo H1.

Testo alternativo

Il testo alternativo descrive un’immagine nel tuo articolo. Tutti i contenuti ce l’hanno, ma molte persone non ne fanno uso. Il punto del testo alternativo è che i motori di ricerca possono descrivere verbalmente l’immagine a persone ipovedenti. Quando scrivi il testo alternativo, vuoi che scomponga correttamente l’immagine, ma puoi anche usarli per inserire parole chiave.

Lumaca URL

Tornando di nuovo a questa immagine, vedrai che il riquadro è intorno alla frase “cos’è il content marketing”. Questo è l’ URL slug , che è la parte dell’URL che dice a Google di cosa tratta il contenuto. Queste sono anche aree importanti per inserire la parola chiave più importante.

4 suggerimenti per apportare i giusti miglioramenti all’HTML

Ecco i miei suggerimenti più importanti da tenere a mente quando apporti miglioramenti HTML al tuo sito:

  1. Usa gli strumenti per aiutarti: continuo a dirlo, ma è così importante. I vari strumenti di marketing SEO disponibili valgono l’investimento perché ti aiuteranno a identificare i problemi HTML con il tuo sito. Ad esempio, Ahrefs ti dice se un sito ha tag title duplicati o quanti articoli mancano delle meta descrizioni.
  2. Piggyback sulla concorrenza: rubare è un male, ma non lo è usare i tuoi concorrenti di alto livello per l’ispirazione. Se stai lottando per capire cosa dovresti usare per il tag del titolo o la meta descrizione, guarda cosa sta facendo la concorrenza.
  3. Non riempire mai le parole chiave: non c’è niente di peggio di una meta descrizione piena di parole chiave che si legge in modo orribile. Google se ne accorgerà e potrebbe persino penalizzarti se lo fai abbastanza.
  4. Non dimenticare le intestazioni H2, H3 e H4: abbiamo parlato delle intestazioni H1, ma non dimenticare il resto. Questi sono tutti luoghi importanti in cui dovresti avere le tue parole chiave principali per aiutare a dire a Google su quale argomento si concentra il tuo articolo.

Architettura del sito

Una buona architettura del sito Web porta a un’ottima esperienza utente, che è importante per il marketing SEO. Si concentra su cose come tempi di caricamento rapidi, una connessione sicura e un design ottimizzato per i dispositivi mobili.

Idealmente, mapperai l’architettura del tuo sito prima ancora di acquistare il dominio. Ciò ti consente di entrare davvero nella testa del tuo utente e di decodificare la tua strada verso una grande esperienza utente (UX).

ConversionXL ha un’ottima guida su come assicurarsi che la tua UX sia efficace. Devi anche ottimizzare alcune cose per un’ottima “esperienza sui motori di ricerca”. Più il tuo sito web è accessibile a Google, migliore sarà il ranking.

Elementi di architettura del sito

Se hai difficoltà a comprendere l’architettura del sito, le sezioni seguenti dovrebbero chiarirti.

Facile da scansionare

Vedrai che la parola “strisciare” è usata molto. Ciò significa che Google sta esaminando il tuo sito per cercare di capire di cosa si tratta. Google identifica le parole chiave importanti, diagnostica i problemi sul sito e utilizza questi fattori per determinare il tuo posizionamento.

A seconda di quanto bene possono indicizzare tutte le pagine del tuo sito, sarà più probabile che riportino un buon risultato. Più spessa è la rete di collegamenti tra le pagine del tuo sito, più facile sarà per gli spider raggiungerle tutte, dando al motore di ricerca una migliore comprensione del tuo sito.

Puoi semplificare questo lavoro per Google creando una mappa del sito con un semplice plug-in se sei su WordPress o utilizzando un generatore di mappe del sito XML online.

Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di rendere il sito il più facile da scansionare possibile. Se Google ha difficoltà a capire il tuo sito, avrai difficoltà a classificare perché l’intelligenza artificiale non riprenderà tutte le parole chiave che stai utilizzando.

Contenuto duplicato

Ci sono molti miti sui contenuti duplicati e su come danneggiano le tue classifiche. Molte persone presumono erroneamente che tutto sulla tua pagina dovrebbe essere originale, ma il fatto è che i motori di ricerca non penalizzano i siti Web per i contenuti duplicati.

Ripubblicare i tuoi contenuti su altri siti Web o pubblicare nuovamente i post degli ospiti sul tuo sito non danneggia il tuo SEO a meno che tu non lo faccia nel modo sbagliato (spam).

Ad esempio, se ripubblichi esattamente lo stesso contenuto su un grande punto vendita come Medium, potrebbe danneggiare le tue classifiche perché Google indicizza prima il tuo articolo Medium poiché si trova sul dominio più autorevole. Questo viene spesso definito un problema di “canonicalizzazione” e potrebbe già verificarsi sul tuo sito senza che te ne accorga.

I problemi canonici si verificano quando uno o più URL sul tuo sito visualizzano contenuti simili o duplicati.

In realtà, ci sono molti contenuti duplicati su Internet. Una situazione in cui si imbattono molti proprietari di siti è avere contenuti duplicati che appaiono su una barra laterale. Se pubblichi un articolo del blog sul tuo sito e hai un’introduzione nella barra laterale, Google potrebbe considerare quel contenuto duplicato.

Ci sono anche istanze di contenuto duplicato su due domini diversi. La syndication dei contenuti ne è un esempio. La syndication è quando il contenuto originale viene ripubblicato da qualche altra parte. Finché questo viene fatto con il permesso, Google non ti penalizzerà per questo.

Compatibilità con i dispositivi mobili

Conosciamo prima gli indici di Google per dispositivi mobili. Ciò significa che dobbiamo creare un sito che funzioni bene sui dispositivi mobili perché questo sarà il fattore decisivo più importante quando Google determinerà quanto sia facile eseguire la scansione del tuo sito.

Se accedi alla tua Google Search Console, troverai molte informazioni su ciò che Google pensa del tuo sito.

Marketing SEO - console di ricerca di google

Dando un’occhiata all’immagine sopra, vedrai che questo sito ha un problema per l’usabilità mobile. Se riscontri problemi come questo nella tua Google Search Console, ti consigliamo di risolverli immediatamente.

Velocità pagina

Con l’implementazione di Core Web Vitals , Google pone molta enfasi sulla velocità e sull’usabilità della pagina. Se il tuo sito si carica troppo lentamente o alcuni elementi si caricano lentamente, Google potrebbe penalizzarti o rendere più difficile per te superare la concorrenza.

Ancora una volta, Google Search Console ti fornirà queste informazioni in modo da non dover cercare uno strumento per dirti qual è la velocità della tua pagina.

HTTPS e SSL

Sicurezza e protezione sono i fattori di ranking importanti. Se Google pensa che il tuo sito sia spam o impreciso, non ti darà una classifica in prima pagina.

Un modo in cui ha aiutato a filtrare il bene dal male è attraverso i certificati SSL e HTTPS. È semplice configurarli e può darti il ​​piccolo lucchetto accanto al tuo URL e HTTPS prima della stringa dell’URL. Questo è un importante segnale di fiducia e, sebbene non fornisca così tanto succo SEO, è una best practice che andrà a beneficio dei tuoi obiettivi a lungo termine.

3 suggerimenti per migliorare l’architettura del tuo sito

Ci sono tre fattori importanti da tenere a mente quando migliori l’architettura del tuo sito. Guarda.

1. Assicurati di comprendere Core Web Vitals: il pezzo più importante del puzzle è Core Web Vitals. Devi capire cosa sono, come influenzano le tue classifiche e cosa puoi fare al riguardo. Leggi di più e assicurati di fare tutte le mosse giuste sul tuo sito.

2. Ottieni una mappa del sito: usa qualcosa come il plug-in per la mappa del sito di WordPress se hai un sito esteso. Un ottimo esempio di questo è per un sito web immobiliare. Siti come questo sono enormi perché hanno migliaia di pagine per tutti i loro annunci immobiliari. A peggiorare le cose, le pagine cambiano continuamente man mano che le case vengono acquistate e vendute. Ottenere una mappa del sito aiuterebbe il sito immobiliare a posizionarsi per ogni indirizzo, aumentando notevolmente il numero di parole chiave per cui si classifica, il loro traffico e la loro autorità di dominio.

3. Risolvere i problemi di canonicalizzazione: la funzione che causa la duplicazione dei contenuti è spesso incorporata nel sito, ma ci sono modi per risolvere problemi di canonicalizzazione come questi. La soluzione esatta dipende da cosa sta causando il problema originale. Potrebbe essere semplice come rimuovere una riga di codice o complicato come ristrutturare l’intero sito per evitare contenuti duplicati.

Anche se Google Search Console o un altro strumento dice che hai migliaia di errori di contenuto duplicato, in realtà hai solo una grande causa principale.

Se disponi di più versioni della stessa pagina, il tag canonico può aiutarti a specificare quale contenuto è l’originale. Tutto quello che devi fare è inserire una singola riga di codice che fa riferimento all’URL della pagina originale,

Fortunatamente, plugin come Yoast SEO lo rendono semplice. Puoi impostare la pagina predefinita o la versione del post come canonica in modo che aggiunga sempre questa riga per impostazione predefinita. In alternativa, puoi specificarlo manualmente nelle opzioni delle impostazioni avanzate per ogni pagina o post:

reindirizzamenti rapidi dei post della pagina in wordpress per il marketing seo

Un altro suggerimento di WordPress per risparmiare tempo è utilizzare il plug-in Quick Page/Post Redirects. Questo è utile se hai avuto vecchie pagine che si sono trasformate in nuove, che spesso lasciano dietro di sé un’ondata di collegamenti interrotti. Installa il plug-in e puoi aggiungere i vecchi URL in blocco e quindi la nuova versione di ogni pagina.

Usa questo con il plug-in Broken Link Checker per vedere quali URL devi reindirizzare.

opzioni di collegamento interrotto in blocco per il marketing seo

La maggior parte degli strumenti incentrati sulla SEO esegue anche la scansione del tuo sito come i motori di ricerca per verificare questi problemi comuni.

Contenuti duplicati e collegamenti interrotti (o errori 404) sono i due errori di scansione più comuni che affliggono la maggior parte dei siti web.

contenuto duplicato ed errori di collegamento interrotto per il marketing seo

Se non utilizzi un sistema di gestione dei contenuti come WordPress, dovrai modificare il file .htaccess del tuo sito per includere i reindirizzamenti 301. Consiglio vivamente di informarsi sui reindirizzamenti 301 e di ottenere un aiuto professionale in questo caso.

Fiducia

PageRank , la famosa formula inventata dai fondatori di Google, non è certamente l’unica misura che prendono quando classificano le pagine nei primi dieci risultati di ricerca.

La fiducia sta diventando sempre più importante e la maggior parte dei recenti aggiornamenti di Google ha colpito siti Web contenenti spam e oscuri. TrustRank è un modo per Google di vedere se il tuo sito è legittimo o meno. Ad esempio, se sembri un grande marchio, è probabile che Google si fidi di te. Anche i backlink di qualità da siti autorevoli (come i domini .edu o .gov) aiutano.

Elementi di fiducia sul tuo sito

Ora, ci sono tre parti per costruire la fiducia: autorità, frequenza di rimbalzo ed età del dominio.

Autorità

Google determina l’autorità complessiva del tuo sito tramite una combinazione di due tipi di autorità che puoi creare:

  • Autorità di dominio , che ha a che fare con la diffusione del tuo nome di dominio. Coca-cola.com è molto autorevole, ad esempio, perché tutti ne hanno sentito parlare.
  • Autorità della pagina , che si riferisce a quanto è autorevole il contenuto di una singola pagina (ad esempio, un post di un blog).

Puoi utilizzare questo strumento per verificare la tua autorità su una scala da 1 a 100.

Altre due metriche di autorità popolari sono i numeri di autorità di dominio e pagina di Moz.

Anche Moz basa questo punteggio su 100, ma è una scala ponderata.

Ciò significa che è relativamente facile passare da 0-20. Tuttavia, qualsiasi valore superiore a 50-60 è piuttosto alto e 80-90 è spesso il più alto in un particolare settore.

Frequenza di rimbalzo

La tua frequenza di rimbalzo è semplicemente una misura di quante persone visualizzano solo una pagina del tuo sito prima di uscire immediatamente di nuovo.

Il contenuto, i tempi di caricamento, l’usabilità e l’attrazione dei lettori giusti fanno tutti parte della riduzione della frequenza di rimbalzo . La matematica è semplice: i lettori giusti trascorreranno più tempo su un sito che si carica velocemente, ha un bell’aspetto e ha ottimi contenuti.

Il video è un altro ottimo modo per farlo, ma hai bisogno che i tuoi contenuti video si distinguano e vengano consegnati. Ancora più importante, i tuoi contenuti devono fornire ciò che il lettore si aspetta. Hanno bisogno di atterrare sulla tua pagina e ottenere esattamente ciò che volevano il prima possibile. Se riesci a farlo, la maggior parte delle persone rimarrà sul sito abbastanza a lungo, il che dirà a Google che il tuo sito è rilevante per l’argomento.

Età del dominio

A volte la persona più rispettata nella stanza è la più anziana, giusto? Lo stesso vale per Internet. Se un sito web è in circolazione da un po’ di tempo, producendo contenuti coerenti e facendolo in un modo che sia gradito ai motori di ricerca, si classificherà più in alto di un nuovo sito, qualunque cosa accada.

3 consigli per costruire più fiducia

Ecco alcuni dei miei migliori consigli per aiutarti a creare più fiducia nel tuo sito:

  1. Sii paziente: la fiducia non è qualcosa che accade dall’oggi al domani. A volte, devi solo essere paziente e capire che Google non ha fretta di eseguire la scansione del tuo sito. Un modo per convincerli a farlo prima è apportare lievi modifiche al sito e richiedere l’indicizzazione in Google Search Console. Questo spingerà Google ad agire, ma ancora non garantisce nulla.
  2. Comprendi l’intento: una parte importante del marketing SEO è capire cosa vogliono gli utenti, non cosa vuoi che vogliano. Quando qualcuno cerca qualcosa su Google, sta cercando di realizzare qualcosa. Se fornisci quella soluzione, assicurati di fornire l’intera soluzione; in caso contrario, arriveranno al tuo sito, si renderanno conto che non è abbastanza buono e andranno avanti.
  3. Dai loro quello che vogliono: un ottimo consiglio per impedire agli utenti di rimbalzare è dare loro quello che vogliono non appena arrivano sul tuo sito. La maggior parte delle persone non sta cercando di leggere un intero articolo, ma vuole una risposta, e prima gliela dai, meglio è.

Link

L’importanza di un solido profilo di collegamento varia da esperto a esperto. Credo ancora che i link siano uno dei fattori di ranking più importanti che Google ha per te.

Un problema che hanno molti SEO è che non capiscono come farlo nel modo giusto. Se usi la tattica sbagliata, ti prepari al fallimento fin dall’inizio. Se scegli di adottare la strategia a lungo termine e costruire collegamenti nel modo giusto, potrebbe volerci un po’ più di tempo, ma ti ringrazierai lungo la strada.

Elementi di Link Building

Ecco i fattori più importanti da considerare quando crei i link per il tuo sito:

Qualità del collegamento

Sebbene i collegamenti non siano tutto, quando si guardano i collegamenti, la loro qualità è tutto . Conta molto più del numero di link che hai. Costruire backlink di qualità significa raggiungere le fonti giuste e offrire valore in cambio di un collegamento solido. Esistono molti modi per creare collegamenti nel modo giusto, quindi Google paga chi lo fa correttamente.

La maggior parte delle persone guarda solo il numero totale di link, ma questo è un grosso errore per alcuni motivi:

  • I motori di ricerca potrebbero ignorare la stragrande maggioranza dei link se sono di bassa qualità o contengono spam.
  • I link da siti nuovi di zecca valgono più dei link ripetuti da siti esistenti.
  • I link da altri siti web valgono più di un mucchio di link dal tuo sito (da una pagina all’altra).

Come si identifica un collegamento cattivo da un collegamento buono?

Google si aspetta che i link che ottieni che puntano al tuo sito siano pertinenti. Andare su Fiverr e acquistare un concerto che offre 10.000 collegamenti per $ 100 non produrrà i risultati che ti aspetti. Saranno link di profilo schifosi su cose come Myspace e Soundcloud, che probabilmente non sono rilevanti per la tua nicchia.

Un’altra cosa che Google cerca per i siti che fanno pagare per i link. Puoi fare una rapida ricerca “sito: scrivi per noi” e potrebbe portare a risultati simili a questo.

esempi di opportunità di pubblicazione di ospiti spam per il marketing seo

Alcuni di questi siti potrebbero addebitarti un costo per un guest post sul loro sito in cambio di un link. A Google non piace questo perché diventa facile per chi ha una grande banca ingannare il sistema.

L’obiettivo del link building è per Google premiare coloro che forniscono valore in cambio di un link. Vuoi scrivere un guest post su un sito con persone interessate alla tua esperienza.

Anche il sito per cui scegli di scrivere un guest post dovrebbe avere un traffico proprio. Quando il sito ha traffico, questo fluirà più succo di collegamento nella tua direzione poiché le persone stanno effettivamente vedendo ciò che stai contribuendo.

Testo di ancoraggio

Il testo di ancoraggio è il testo utilizzato sotto il collegamento. L’obiettivo è che il testo appaia nel modo più naturale possibile nell’articolo. Vuoi avere una varietà di diversi tipi di testo di ancoraggio perché ognuno ha il proprio posto nel regno SEO.

L’unica cosa che non vuoi fare è avere un mucchio di testo che dice “fai clic qui” che punta al tuo sito. Invece, se hai scritto un articolo sulle aiuole rialzate e stai cercando di ottenere un collegamento ad esso, potresti volere che il testo di ancoraggio con un collegamento su di esso dica effettivamente “aiuole rialzate”. In questo modo puoi dire a Google di più su cosa accadrà quando qualcuno fa clic.

Numero di link

Infine, anche il numero di collegamenti totali di cui disponi è importante e devi creare backlink di alta qualità su larga scala nel tempo.

Ne abbiamo già parlato, ma vale la pena ripeterlo: non sono solo i collegamenti totali che cerchi. Alla fine della giornata, il sito con i collegamenti più di alta qualità avrà solitamente un vantaggio migliore. Tuttavia, dipende anche dalle pagine a cui stai ricevendo i link. I link alla tua home page sono buoni, ma la maggior parte dei link naturali non sarà verso una home page a meno che non menzionino specificamente il tuo marchio.

Quello che trovi spesso è che le persone si collegano a pagine o post sul tuo sito. Se possibile, assicurati che le fonti giuste si colleghino alle pagine giuste. Quello che non vuoi è che la tua politica sulla privacy sia la tua pagina più collegata. Non c’è niente da comprare da quella pagina! I visitatori non possono darti le loro informazioni o iscriversi o acquistare.

Questo è il primo errore.

Il secondo non è considerare come e da dove provengono quei collegamenti. Una delle funzionalità più popolari di Crazy Egg è la mappa di calore , che aiuta le persone a individuare quali elementi del sito stanno aiutando le conversioni e quali distraggono le persone dalla conversione. Se stai cercando di ottenere collegamenti a questa pagina, desideri ottenere collegamenti da pagine di destinazione o fonti correlate alla conversione.

Ciò potrebbe cambiare per altre pagine di funzionalità come Registrazioni . Qui, un collegamento relativo al design non avrebbe molto senso. Non è così contestualmente rilevante. Tuttavia, se la pagina o il post parlassero di usabilità o design dell’interfaccia, sarebbe una scelta decente.

La fonte di qualità dei link che ottieni è importante, ma anche il luogo a cui si collegano.

3 suggerimenti per migliorare il tuo profilo di collegamento

Ora lascia che ti fornisca alcuni passaggi attuabili che puoi adottare per migliorare il tuo profilo di collegamento e assicurarti di ottenere il massimo dai tuoi sforzi.

  1. Non prendere scorciatoie: non ci sono scorciatoie nel link building; devi prenderti il ​​tempo e costruirli nel modo giusto. Ciò implica avere conversazioni con le persone, presentare te stesso e dire loro come puoi fornire valore al loro sito. Cerca opportunità di link non funzionanti , trova siti pertinenti per la tua nicchia e pubblicali tramite e-mail o social media.
  2. Rimuovi link pericolosi: Google ha qualcosa chiamato lo strumento di rinnegamento che ti consente di rimuovere i link che potrebbero danneggiare la tua capacità di classificare. Ti consigliamo di utilizzare questo strumento con attenzione perché rinnegare una tonnellata di collegamenti potrebbe effettivamente danneggiare il tuo sito. Rimuovere i link che non sono più rilevanti o che potrebbero essere apparsi accidentalmente sul tuo profilo può aiutarti a ripulire il tuo profilo di link.
  3. Non dimenticare il collegamento interno : anche il collegamento interno è un pezzo importante del puzzle; non dovremmo preoccuparci solo dei collegamenti esterni. Naturalmente, i collegamenti esterni sono importanti, ma la creazione di una rete di argomenti all’interno della stessa nicchia aiuta Google a eseguire la scansione del tuo sito. Google presta molta attenzione all’intento di ricerca e alla completezza complessiva di un contenuto. Se riesci a risolvere i problemi di tutti in un unico posto con un gruppo di articoli che trattano un argomento dall’inizio alla fine, Google ti ricompenserà.

Personale

La prossima categoria di SEO off-page a cui vale la pena dare un’occhiata è quella dei fattori personali. Sto parlando di dati demografici e posizione. Questi fattori influiscono automaticamente sul modo in cui qualcuno risponde ai tuoi contenuti, ma anche i tuoi sforzi SEO si comportano in modo diverso da un’area del globo all’altra.

Sebbene la maggior parte di questi sia fuori dal tuo controllo, puoi fare alcune cose per aumentare le tue possibilità di raggiungere un determinato pubblico. Non esiste un’opzione “taglia unica” quando si tratta di fattori SEO personali.

Elementi di fattori SEO personali

Ecco i principali fattori che incidono sulla SEO personale:

Nazione

Tutti gli utenti che effettuano ricerche visualizzano risultati pertinenti al Paese in cui si trovano. Gli orari di apertura dei negozi e dei ristoranti consigliati vengono visualizzati in base al tuo fuso orario.

I motori di ricerca interpretano le parole in modo diverso. Qualcuno che cerca “consolatore” negli Stati Uniti vedrà coperte per il proprio letto, mentre qualcuno nel Regno Unito potrebbe vedere ciucci perché questo è ciò che il termine significa lì. Un modo per dire a Google che desideri scegliere come target determinati paesi è, ovviamente, includerli come parole chiave.

Tuttavia, prima chiediti se vale la pena diventare multinazionale. Ci sono diversi livelli di concorrenza da paese a paese. Ricordi come la selezione delle parole chiave dipende in gran parte dalla concorrenza già classificata? Bene, Google Canada avrà risultati diversi da Google Brasile. Ogni paese potrebbe avere diversi livelli di difficoltà. Un sito multilingue non solo espone le tue informazioni a più persone nella loro lingua madre, ma potrebbe anche aiutarti a classificarti più facilmente in altri luoghi.

La creazione di contenuti multilingue è una delle “vincite rapide” più facili che abbia mai visto. Tuttavia, tirarlo fuori non è facile. La maggior parte dei plugin di traduzione del web non sono molto buoni. Molti promettono di tradurre automaticamente i tuoi contenuti in quasi tutte le lingue, ma il risultato finale non è naturale.

Personalmente, preferirei pagare un po’ di più per avere persone madrelingua che aiutano a tradurre il contenuto. La qualità e la precisione aumentano, il che significa che le persone restano più a lungo e i dati sull’utilizzo del mio sito e le classifiche aumentano.

Città

Il targeting geografico va ancora oltre, fino al livello della città. Ecco perché di solito vedi risultati da tutto il quartiere quando cerchi una catena di fast food. Usare i nomi delle città come parole chiave aiuta, ma non chiuderti in un angolo, o finirai per sembrare solo un’autorità locale.

Detto questo, se sei un’autorità locale e la tua attività si occupa principalmente dell’area locale, vuoi capitalizzare su questo con un ottimo SEO locale .

3 consigli per migliorare i fattori personali

Ho tre semplici consigli per aiutarti a migliorare i fattori personali che incidono sulla tua SEO:

  1. Comprendi l’ avatar del tuo cliente : solo tu puoi capire chi è il tuo cliente e, se non hai una persona del tuo cliente ideale, questo è il primo passo verso la SEO personale. Cosa vuole il tuo cliente? Perché ti stanno cercando? Cosa si aspettano quando arrivano sul tuo sito? Se rispondi correttamente a queste domande, dovresti essere in grado di dare al cliente esattamente ciò che si aspetta. Quando lo fai, Google ti premia perché le persone trascorrono più tempo sul tuo sito e interagiscono con gli elementi del sito.
  2. Produci contenuti multilingue: avere contenuti in diverse lingue non è così difficile come pensi. Stai abbattendo così tante barriere quando lo fai, consentendo alle persone che non sono di madrelingua inglese di assorbire qualsiasi valore offri.
  3. Parole chiave di ricerca in altri paesi: quasi tutti gli strumenti di ricerca di parole chiave consentono di condurre ricerche per altri paesi. Se ti rivolgi a persone al di fuori del tuo paese natale, devi eseguire la ricerca delle parole chiave giuste per raggiungere quelle persone.

Sociale

Infine, diamo un’occhiata ai fattori sociali della SEO off-page. Oltre ai segnali social direttamente dal ricercatore, ci sono altri modi in cui buoni risultati sui social media ti aiuteranno a posizionarti meglio.

Che sia direttamente attraverso più collegamenti o indirettamente attraverso una spinta alle pubbliche relazioni, le questioni sociali .

Elementi di Social per la SEO

Ci sono due principali fattori di influenza:

Qualità delle azioni

Il marketing SEO e il marketing sui social media vanno di pari passo perché l’obiettivo è dire a Google quanto sei bravo. Se le persone sono là fuori a condividere i tuoi contenuti e ad ampliare ulteriormente la portata, cosa dice a Google?

Dice loro che alle persone piace quello che hai da offrire e che stai fornendo un grande valore alle persone. Questo è un bene per Google.

Numero di condivisioni

La metrica sociale secondaria è il numero di condivisioni. Ottenere un successo virale è il sogno di ogni marketer, ma è sopravvalutato. Ci sono molti suggerimenti e hack là fuori, ma la verità è un po’ più semplice: crea contenuti fantastici.

Ciò significa cose diverse per persone diverse. Ad esempio, nell’ambito del marketing, ho scoperto che i contenuti in formato lungo superano quasi sempre quelli in formato breve. Ora, considera per un secondo i siti di gossip delle celebrità. Nessuno vuole sgobbare attraverso un intero mucchio di parole. Qui è quasi vero il contrario. Il loro pubblico vuole qualcosa di succinto con molto dramma. Vogliono più video e immagini con meno testo.

Questo è il pane quotidiano di siti come Buzzfeed e TMZ. Ti attirano con questi grandi titoli che fanno sembrare qualcosa molto più eccitante di quello che è. Quante persone pensi che lo condividano senza nemmeno leggere l’articolo?

Probabilmente molto.

Per ottenere condivisioni nel gioco SEO, devi semplicemente creare contenuti fantastici che le persone amano leggere, su un sito in cui le persone leggono. Ecco perché ho detto prima quanto sia importante pubblicare post su siti con un pubblico di lettori effettivi. Se stai pubblicando un post da qualche parte senza lettori, pensi che il post otterrà condivisioni?

3 suggerimenti per migliorare la condivisione sui social

Ecco tre suggerimenti per ottenere più condivisioni sui social media:

  1. Crea contenuti eccezionali: creare contenuti della migliore qualità è il modo per ottenere condivisioni, in modo chiaro e semplice. Google spende molte ore e più soldi di quanto tu possa immaginare per impedire alle persone di giocare con il sistema. È un concetto semplice, davvero. È uno scambio di valore. Tutto negli affari è uno scambio di valore, e lo stesso vale per il marketing SEO. Fornisci contenuti di valore a Google e Google ti ricompenserà.
  2. Sii coerente: la coerenza è estremamente importante nella SEO e nei social media. Se pubblichi un post una volta ogni tre mesi, non solo gli algoritmi dei social media ti odieranno, ma non ci sarà nessuno in giro per condividere il contenuto perché è passato tanto tempo dal tuo post precedente. Pubblicare in modo coerente sui social media richiede anche di avere nuovi contenuti da condividere regolarmente. Va tutto al punto di partenza.
  3. Rendilo facile: ci sono molti plugin per promuovere la condivisione sui social , quindi devi usare qualcosa sul tuo sito. Se il lettore non riesce a trovare un modo semplice per condividere il tuo post sui social media, probabilmente andrà avanti.

Linee guida EAT di Google

Mentre valuti le tue pratiche SEO, puoi analizzare ciò che Google utilizza per formare valutatori di contenuti umani. Vedi, oltre a un’enorme quantità di algoritmi, Google impiega Quality Rater per migliorare l’esperienza del motore di ricerca per tutti.

Google spiega nelle sue linee guida per la valutazione che una pagina di alta qualità deve possedere un livello elevato:

  • competenza
  • autorità
  • affidabilità

Oppure, come è più comunemente noto questo insieme di linee guida, EAT.

La revisione soggettiva di ciò che rende un contenuto visualizzato EAT dipende dall’argomento, dallo sfondo di coloro che pubblicano, dalla reputazione del sito Web e altro ancora.

Anche se potresti non avere il controllo su tutti i fattori fin dall’inizio, tenere a mente EAT mentre crei contenuti può aiutarti a garantire che i tuoi contenuti siano diretti in quella direzione.

4 suggerimenti per migliorare il tuo punteggio EAT 

  1. Fai la tua ricerca: questo può sembrare ovvio, ma il modo migliore per rappresentare veramente competenza, autorità e affidabilità è condividere informazioni accurate. Porta interviste con esperti o guest post, quando puoi. Assicurati che le informazioni che stai condividendo siano corrette, nel contesto dell’argomento e per il pubblico che le leggerà. Fare diversamente è il modo più rapido per ottenere un punteggio basso con questi criteri.
  2. Sii accurato : ora che sei sicuro che le tue informazioni siano accurate, vorrai anche assicurarti che siano complete. Rispondere a una domanda con un post breve o semplicistico può sembrare sprezzante. Per essere considerato un esperto, i tuoi contenuti devono lasciare che il lettore si senta soddisfatto e attrezzato.
  3. Parla con ciò che sai: quando sviluppi contenuti per il tuo sito web, attieniti a ciò di cui ti occupi come marchio. Evita la sindrome dell’oggetto lucido e perderti in contenuti che non sono pertinenti all’argomento del tuo sito web. Attenersi al tuo argomento di competenza ti aiuterà a costruire la tua reputazione come il posto dove andare per informazioni al riguardo.
  4. Parla alle esigenze del tuo pubblico: su una nota simile, sarai in grado di costruire affidabilità e autorità nella mente di un lettore solo se parli effettivamente dell’argomento che i lettori stanno venendo a leggere. Di cosa tratta l’argomento di cui hanno bisogno di sapere? Quali problemi puoi risolvere? C’è differenza tra essere in grado di parlare in modo approfondito su un argomento perché lo conosci così bene ed essere in grado di insegnarlo in modi che risultino accessibili e pertinenti. Quest’ultimo aiuterà i lettori a vederti effettivamente come un’autorità e qualcuno di cui possono fidarsi.

Marketing SEO: mettere tutto insieme

Abbiamo coperto un sacco di informazioni in questa guida e posso capire se ti senti un po’ sopraffatto. Semplifichiamo le cose e tocchiamo rapidamente i punti più importanti in modo che tu possa andare via sentendoti sollevato ed entusiasta del tuo viaggio con la SEO per il marketing.

Cappello nero contro White Hat SEO

Black Hat SEO utilizza tattiche viscide come l’acquisto di link, il riempimento di parole chiave e la duplicazione di contenuti. Mentre queste cose funzionano a breve termine, non funzioneranno a lungo termine. Potresti vedere un aumento del traffico e delle entrate per un mese o due finché Google non ti scopre e inserisce il tuo sito nella lista nera per sempre.

White Hat SEO è la strada da percorrere. Ci vuole più tempo, ma implementa le giuste tattiche che ti pagheranno per gli anni a venire.

Ricerca e selezione di parole chiave

Avere le parole chiave giuste sul tuo sito web è il modo principale in cui Google capisce di cosa tratta il sito. L’utilizzo di strumenti come Ubersuggest può aiutarti a trovare le parole chiave giuste pertinenti al tuo argomento.

Assicurati di non forzarli dove non appartengono e ricorda che la creazione di contenuti di qualità è la cosa più importante sopra ogni altra cosa.

HTML

I tag del titolo , le meta descrizioni, il testo alternativo e le intestazioni sono pezzi importanti del puzzle del marketing SEO. Li utilizzerai per dire a Google di più sui tuoi contenuti e su ciò che i lettori possono aspettarsi quando arrivano sul tuo sito.

Architettura del sito

L’architettura del tuo sito si concentra sul design e sulla funzionalità di esso. Se gli utenti non possono navigare facilmente nel sito, il caricamento è troppo lento e alcuni elementi sono difficili da raggiungere, sarà anche più difficile per Google navigare nel sito.

Fiducia

Le persone devono fidarsi del tuo sito e avere funzionalità come i certificati SSL e HTTPS è lo standard del settore ora. Non puoi avere un sito web senza questi e aspettarti di classificarti perché Google si aspetta questo.

Oltre alle cose di backend, vuoi avere segnali di fiducia sul tuo sito che mostrino alle persone che sei un professionista e che non stai cercando di truffarli in alcun modo.

Link

Il link building è cruciale ma difficile e richiede molto tempo e fatica. La buona notizia è che ci sono molte persone là fuori che lo fanno male. Questo apre le porte ai SEO che sono disposti a fare il possibile per creare collegamenti nel modo giusto.

Non ricevere spam su Fiverr che promettono 10.000 link. Sono truffe. Devi creare manualmente ogni collegamento sui siti della tua nicchia che hanno il proprio traffico.

Personale

Assicurati di capire il tuo pubblico e cosa vogliono da te. Ogni cliente ha un’aspettativa quando arriva sul tuo sito e sta a te soddisfare tale bisogno o desiderio.

Sociale

I social media e il marketing SEO funzionano bene insieme, quindi non trascurare l’aspetto social perché può fornire una bella spinta ai tuoi sforzi SEO. Ci vuole molto per posizionarsi su Google e ottenere ampie condivisioni sui social può davvero aiutare a mostrare a Google che ci sei dentro per il lungo periodo e che sei disposto a fare tutto il necessario.

EAT (Competenza, Autorità, Affidabilità)

Questo è un controllo istintivo che puoi utilizzare per assicurarti che i tuoi contenuti si connettano bene con le persone, in base a criteri che Google utilizza per i valutatori del mondo reale.

Crea contenuti che mostrino un livello di comprensione su un argomento e rifletta la reputazione di una delle principali fonti di informazioni su di esso. Chiediti se il contenuto che pubblichi ti aiuta a costruire quella reputazione e consente ai tuoi lettori di fidarsi di te sull’argomento.

Aggiornamenti SEO e algoritmo di Google

La SEO può spesso sembrare inavvicinabile o impossibile a causa del termine “algoritmo”. Un algoritmo è una serie di operazioni utilizzate da un motore di ricerca per calcolare e classificare i siti Web in base a quando qualcuno utilizza una query di ricerca specifica.

Potresti aver sentito che gli algoritmi cambiano continuamente e, in una certa misura, è vero. Google effettua quelli che chiamano ” aggiornamenti fondamentali ” più volte all’anno per servire meglio coloro che effettuano ricerche online. Puoi esplorare una cronologia degli aggiornamenti dell’algoritmo di Google sul sito Web di Moz.

Tuttavia, sebbene Google possa spesso apportare modifiche, la tua preoccupazione principale dovrebbe continuare a creare contenuti di alta qualità, utilizzare parole chiave pertinenti e costruire relazioni di backlink affidabili. Non dovresti provare a “giocare al sistema” quando si tratta degli algoritmi di Google, poiché una delle ragioni principali per i continui aggiornamenti è eliminare le persone che lo fanno. Potresti effettivamente danneggiare le tue classifiche concentrandoti troppo sull’algoritmo e non abbastanza sui tuoi contenuti.

Domande frequenti sul marketing SEO

Quanto tempo impiega la SEO per funzionare?

La SEO non è una corsia preferenziale per il successo. Non lo è mai stato e mai lo sarà. Devi avere un piano a lungo termine quando si tratta di SEO perché possono essere necessari da sei mesi a un anno per classificare la maggior parte delle parole chiave.

Qual è il fattore più importante nel marketing SEO?

Non c’è un fattore che sia più importante perché sono tutti importanti. Se dovessi scegliere qualcosa su cui dovresti concentrarti, sarebbe fornire informazioni di qualità alle persone. Puoi avere tutti i pezzi SEO a posto, ma se i tuoi contenuti non sono buoni, non importa perché le persone non saranno interessate a te.

Come faccio a classificarmi più velocemente su Google?

Il modo migliore per classificare è con uno sforzo costante regolarmente. Se vuoi vincere, ti consigliamo di creare costantemente collegamenti al tuo sito, creare nuovi contenuti e aggiornare i contenuti precedenti . Fare questo giorno dopo giorno darà i risultati desiderati.

Posso classificare un sito web senza SEO?

Certo, ci sono situazioni in cui le persone sono fortunate, ma è probabile che stiano fornendo qualcosa che molte persone non sono. Molte persone competono nello stesso spazio, ed è qui che può vincere il miglior SEO. Il marketing di affiliazione ne è un ottimo esempio. Ci sono un milione di siti che si concentrano su articoli sportivi per il marketing di affiliazione. Competere in questo spazio richiede una solida conoscenza del marketing SEO.

Quanto costa la SEO?

Il costo della SEO dipende. Puoi assumere un professionista che se ne occupi per te o puoi fare tutto da solo. Farlo da solo richiederà molto più tempo e dovrai tenere conto della curva di apprendimento. Tuttavia, per la maggior parte, potresti farlo quasi gratuitamente se fai tutto da solo.

Guida al marketing SEO: conclusione

Spero che tu abbia ottenuto molto da questa guida perché ci sono molte informazioni qui. Assicurati di fare riferimento durante il tuo percorso di marketing SEO . La cosa più importante da ricordare sulla SEO è che non ci sono scorciatoie in questo gioco. Devi fare le cose nel modo giusto e fare il possibile perché è così che ti distinguerai.

Aspettati di dedicarci almeno sei mesi se vuoi vedere i risultati. Coloro che dicono che la SEO è una strategia “impostala e dimenticala” si sbaglia. Ti consigliamo di rimanere aggiornato sui tuoi contenuti, aggiornarli regolarmente e continuare a creare nuovi fantastici contenuti per aggiornare il tuo sito e mostrare a Google che sei ancora attivo.

Quale pensi sia il fattore più importante nel marketing SEO?

CategoriesSiti web Vendite

Che cos’è una landing page?

Che cos’è una landing page?

Schema di una landing page

Nel marketing digitale, una landing page è una pagina web autonoma, creata appositamente per una campagna di marketing o pubblicitaria. È dove un visitatore “atterra” dopo aver fatto clic su un collegamento in un’e-mail o su annunci da Google, Bing, YouTube, Facebook, Instagram, Twitter o luoghi simili sul Web.

A differenza delle pagine Web, che in genere hanno molti obiettivi e incoraggiano l’esplorazione, le pagine di destinazione sono progettate con un unico obiettivo o obiettivo , noto come invito all’azione (o CTA, in breve).

È questa attenzione che rende le pagine di destinazione l’opzione migliore per aumentare i tassi di conversione delle tue campagne di marketing e ridurre i costi di acquisizione di un lead o di una vendita.

Ecco dove le pagine di destinazione potrebbero inserirsi nel tuo funnel di marketing:

Diagramma di una canalizzazione di marketing che include una pagina di destinazione

Come puoi vedere, la landing page esiste dopo che i potenziali clienti nella parte superiore della canalizzazione hanno fatto clic su un collegamento in un annuncio, in un’e-mail o in qualsiasi altro punto del Web. È qui che avverrà la conversione (come un acquisto, un’iscrizione o una registrazione).

D. Aspetta, nessuna pagina può essere una landing page?

Tecnicamente, certo. Il termine viene utilizzato in questo modo in Google Ads e Analytics, ad esempio. Ma non tutte le pagine di destinazione sono uguali. In VBMarketing, usiamo il termine “landing page” per descrivere una pagina specifica della campagna con un solo invito all’azione e nessuna navigazione sul sito web.

La differenza chiave tra una home page e una landing page
(o perché le pagine di destinazione sono così brave a convertire)

Di seguito abbiamo una homepage e una landing page affiancate. Vedi come la homepage ha tonnellate di link e la landing page ne ha solo uno ? È abbastanza tipico.

Diagramma che confronta le home page e le pagine di destinazione

Mentre la homepage ha dozzine di potenziali distrazioni, puoi praticamente chiamarle “perdite” invece di link, la landing page è super focalizzata. Avere meno link sulla tua landing page aumenta le conversioni , poiché ci sono meno clic allettanti che distolgono i visitatori dall’invito all’azione. Ecco perché i marketer esperti utilizzano sempre una landing page dedicata come destinazione del loro traffico. Questo è il trucco delle webagency.

Certo, la homepage sembra incredibile. Mostra il marchio, consente alle persone di esplorare una gamma di prodotti e offre ulteriori informazioni sull’azienda e sui suoi valori. Da qui, un visitatore può andare ovunque: candidarsi per un lavoro, leggere alcuni comunicati stampa, rivedere i termini di servizio, pubblicare nelle bacheche della comunità, ecc.

Ma non necessariamente effettueranno un acquisto. E questo è il punto.

La landing page di questo cliente ha uno scopo completamente diverso. In combinazione con annunci super brillanti che promuovono un’unica offerta, tutto lavora sodo per trasformare questi visitatori in clienti . Sta facendo un lavoro migliore convertire il traffico che il marchio sta già ricevendo. Questo è il potere delle landing page! Questo vale sia su un normale sito che stai pensando alla creazioni siti e commerce.


Hai un’altra domanda sulle pagine di destinazione?

Ti sentiamo. Ecco tre domande che le persone spesso ci fanno:

1. Cosa devo includere nelle mie pagine di destinazione?

Guarda il video per avere maggiori dettagli

2. Ho una landing page, ma come faccio a sapere quanto è buona?

L’unico parametro “utile” è l’effettivo ritorno in termini di contatti o vendite

3. Qual è il modo migliore per iniziare a creare una landing page?

Partendo dal chiederti “qual’è il concetto che voglio passare al mio cliente rispetto alla mia azienda?”


D. Perché non pagare solo per aumentare il mio traffico?

La pubblicazione di annunci o campagne e-mail diventa costosa e l’ottimizzazione per i motori di ricerca può richiedere molto tempo. Utilizzando le pagine di destinazione, convertirai più visitatori esistenti e allungherai ulteriormente quelle risorse importantissime (denaro e tempo, intendiamo).

Il modo migliore è consultare un’agenzia seo, così da ottimizzare la tua pagina per Google.

Tipi di pagine di destinazione

Vedrai molte variazioni là fuori, a seconda delle specifiche del business, ma ci sono davvero due landing page archetipiche (definite dai loro obiettivi):

Un confronto tra pagine di clickthrough e di generazione di lead

Pagine di destinazione per la generazione di lead: chiamate anche pagine di “lead gen” o di “acquisizione di lead”, utilizzano un modulo come invito all’azione. Questo modulo raccoglie quasi sempre dati sui lead, come i nomi e gli indirizzi e-mail dei visitatori.

I marketer B2B e le aziende che vendono articoli di alto livello utilizzano questo tipo di landing page per creare un elenco di potenziali clienti. A volte offrono qualcosa di gratuito, come un ebook o un webinar, in cambio di informazioni di contatto. I marchi di e-commerce possono anche utilizzare queste pagine per la creazione di elenchi o per offrire la spedizione gratuita o anche offerte speciali.

Pagine di destinazione clickthrough: utilizzate frequentemente dai marketer di e-commerce e SaaS (software-as-a-service), le pagine clickthrough vanno direttamente alla vendita o all’abbonamento. Di solito, hanno un semplice pulsante come invito all’azione che invia il visitatore al flusso di pagamento (come l’app store ) o completa una transazione. Questa parte sarà più semplice comprenderla con degli esempi presi dalla nostra agenzia web marketing.

Indirizzare il traffico alle pagine di destinazione

Dovrai riempire quella canalizzazione piena di visitatori affinché la tua landing page funzioni. Fortunatamente, hai molte opzioni. Esploriamo alcune delle fonti di traffico più comuni verso le pagine di destinazione.

Traffico ricerca a pagamento

La maggior parte dei motori di ricerca include pubblicità a pagamento. Quando qualcuno cerca qualcosa (ad esempio, “club del formaggio del mese”), questi annunci vengono visualizzati chiaramente, ma non troppo chiaramente, nei risultati di ricerca. Ecco un tipico esempio di Google:

Screenshot di un tipico annuncio Google

A differenza degli altri risultati sulla pagina, gli annunci pay-per-click vengono preparati e pagati dai professionisti del marketing. Qualcuno che fa clic sarà innescato dalla tua affascinante copia (e, a volte, dalle tue immagini). E probabilmente li hai scelti come target in base al termine di ricerca, ai dati demografici o agli interessi rivelati dalla cronologia di navigazione.

Fondamentalmente, quando crei un annuncio, puoi scegliere dove il link porta il tuo visitatore. Sì, puoi scegliere di inviarli alla tua home page. Tuttavia, come vedremo di seguito, è molto meglio creare una landing page autonoma che corrisponda al testo dell’annuncio e offra un chiaro invito all’azione .

Traffico social a pagamento

La pubblicazione di annunci su siti di social media come Facebook, Instagram, Twitter o LinkedIn è un modo eccezionale per rivolgersi a persone e comunità che saranno particolarmente interessate al tuo marchio, indipendentemente dal fatto che siano già sul mercato.

Invece di persone che cercano “club del formaggio del mese”, potresti fare pubblicità a persone che hanno aggiunto “apprezzamento per il formaggio” alla loro lista di interessi nel loro profilo Facebook. Il bello è che puoi entrare in contatto con i clienti prima che inizino a cercare il tuo prodotto, o prima che lo vogliano!

Oltre a offrire funzionalità di targeting avanzate, ogni canale social ha le sue caratteristiche. Instagram, ad esempio, funziona bene per prodotti e marchi di lifestyle con un forte appeal visivo. D’altra parte, gli inserzionisti B2B preferiscono utilizzare LinkedIn per raggiungere professionisti che lavorano in settori specifici.

Campagne e-mail

L’e-mail è spesso pubblicizzata come il canale di marketing più efficace in circolazione a causa della sua enorme portata (e dei bassi costi) rispetto ad altre piattaforme. Uno studio del 2018 di Radicati Group prevede che ci saranno 4,2 miliardi di utenti di posta elettronica entro il 2022. È più della metà del pianeta!

Una potente combinazione di e-mail e pagine di destinazione può essere utilizzata sia per coltivare le relazioni esistenti con i clienti sia per acquisirne di nuove. Dopo aver creato un elenco di contatti, la tua e-mail accuratamente realizzata ti consente di invogliare i lettori con la tua offerta, mentre la landing page compila i dettagli e indirizza i visitatori verso un invito all’azione.

Traffico di ricerca organico

Il termine “traffico organico” si riferisce a tutti i visitatori che provengono da una fonte non pagata, come la metà inferiore dei risultati di ricerca di Google o Bing (SERP). Creando contenuti accattivanti e legittimamente utili sul tuo sito web o sulle pagine di destinazione, puoi assicurarti che la tua attività appaia più frequentemente nelle ricerche correlate. Più alto è il livello dei tuoi contenuti, meglio è.

Definirlo “non pagato” è un po’ fuorviante, tuttavia. Ciò non significa che non ci siano tempo e denaro investiti nella classifica. (Se solo!) C’è un intero campo di professionisti dedicati a spremere quanto più traffico organico possibile da Google attraverso un equilibrio tra strategia attenta, know-how tecnico e creazione di contenuti brillanti. Questa è l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) in poche parole.

La qualità di un sito è molto importante per questo ti consigliamo di affidarti alla nostra società che si occupa della realizzazione siti web milano.

D. Esistono altri canali in cui funzionano le pagine di destinazione?

È impossibile coprire tutti i casi d’uso che abbiamo visto. Ad esempio, potresti pubblicare annunci nativi durante un podcast, creare quiz interattivi o pubblicare annunci stampati tradizionali con codici QR. Non importa come riempirai la parte superiore della tua canalizzazione, una landing page ti aiuterà a sfruttarla al meglio.

CategoriesImprenditoria Start Up

60 idee per piccole attività per chiunque voglia iniziare

60 idee per piccole attività per chiunque voglia iniziare

Proprietari di piccole imprese in un negozio di pane alla ricerca di nuove idee per piccole imprese sul proprio laptop

Il co-fondatore di Airbnb, Brian Chesky, ha dichiarato: “Se avessimo provato a pensare a una buona idea, non saremmo stati in grado di pensare a una buona idea. Devi solo trovare la soluzione per un problema nella tua vita. “

Se sei come Brian e hai già pensato a una soluzione per un problema che incontri nella tua vita – o sei sulla buona strada per farlo – allora avviare una piccola impresa potrebbe essere nel tuo futuro. Potrebbe anche essere per te se sogni di lasciare il tuo lavoro dalle nove alle cinque per l’ultima volta e diventare il capo di te stesso.

Ma mentre potresti sentirti pronto per una nuova impresa e appassionato della tua idea, potresti cercare una direzione.

Il primo passo per diventare un imprenditore di successo è trovare un’idea imprenditoriale che funzioni per te. In questo articolo uscirai con dozzine di idee per piccole imprese che puoi iniziare da casa e scalare man mano che la tua clientela cresce.

Le migliori idee per le piccole imprese

1. Tuttofare

esempio di idea di piccola impresa: tuttofare

Fonte immagine

Ripari sempre le cose in casa? Spesso reperibile quando gli amici hanno bisogno di piccoli progetti completati? Unisciti alle persone che si sono fatte creare siti web professionali, conduci un’analisi competitiva per determinare quanto valgono il tuo tempo e la tua esperienza e rivolgiti agli amici che hai aiutato prima per i referral.

2. Falegname

Allo stesso modo, se hai una passione per la creazione di bei mobili o altri articoli per la casa in legno, quella potrebbe essere una nicchia di piccole imprese per te. Inizia mettendo in vendita alcuni dei tuoi pezzi su siti come Etsy . Una volta creato un seguito, prendi in considerazione l’idea di avviare un sito Web, accettare ordini personalizzati o espandere il lavoro di rifinitura e tappezzeria.

3. Consulente per appuntamenti online

I consulenti di appuntamenti di solito fanno pagare il loro tempo. Aiutano le persone a creare profili di appuntamenti online di successo, a trovare possibili corrispondenze al di fuori dei tipici canali online e a offrire un livello di personalizzazione che un sito come Tinder non può. Pensi di avere un talento per la partita? Questo potrebbe essere il business che fa per te.

4. Specialista di cucito e alterazione

esempio di idea di piccola impresa: specialista di cucito e modifiche

Fonte immagine

Le persone avranno sempre bisogno di vestiti orlati e bottoni rammendati – e potresti essere la persona giusta per farlo. Se ami il cucito, inizia offrendo servizi semplici come quelli menzionati sopra ed espandi il tuo repertorio alla sartoria e al design mentre crei una base di clienti e richiedi.

5. Sviluppatore freelance

Dalla creazione di siti Web per altre piccole imprese alla fornitura di supporto tecnico per determinati progetti, la realizzazione ecommerce di qualità è molto richiesto in questo momento. Come sviluppatore web, avrai naturalmente un set di abilità tecniche. Distilla le tue conoscenze e competenze in modo che i clienti che non hanno la tua esperienza siano in grado di capire cosa li aiuterai a raggiungere.

Per aiutarti in questo, prova i tuoi messaggi su amici e familiari che non hanno una solida comprensione del lavoro che svolgi. Se sono in grado di riassumere ciò che fai, la tua messaggistica è probabilmente efficace tra le persone al di fuori del tuo settore.

6. Allenatore personale

Offri consulenze a domicilio, regimi nutrizionali e di esercizio personalizzati e campi di addestramento della comunità per spargere la voce. Non dimenticare di popolare un feed di Instagram con citazioni di ispirazione, video di esercizi gratuiti e idee per spuntini gustosi: è un modo comune per i guru del fitness di costruire i loro marchi nel nostro mondo digitale.

Se scegli di seguire questa strada, all’inizio va bene iniziare in piccolo, quindi scalare. Ad esempio, MOURfit è un’attività di personal training a Indianapolis che è iniziata in una palestra condivisa, poi è cresciuta fino a diventare una palestra privata che offre servizi di fitness di gruppo, personal training e nutrizione. 

Guarda questo video in cui Chantelle Simone discute tre passaggi per diventare un personal trainer certificato per iniziare:

7. Designer grafico freelance

Imposta i tuoi orari, scegli i tuoi progetti e crea un portfolio e un’attività di cui essere orgoglioso. Dal design di siti Web alla grafica di blog e altro ancora, molte aziende cercano designer grafici esperti per supporto su una varietà di progetti.

Se hai appena iniziato con la progettazione grafica, potresti inviare un curriculum alla nostra società per aiutarci nella agenzia marketing milano. Se sei più esperto ma hai bisogno di costruire il tuo portafoglio per attirare clienti, questi suggerimenti faranno fluire la tua creatività in pochissimo tempo.

8. Personal coach / Business coach

Se hai esperienza nel gestire con successo le transizioni professionali, personali e sociali, mettila a frutto come coach di vita o di carriera. Molti di noi sono alla ricerca di una guida nella propria carriera e trovare qualcuno che abbia il tempo di guidarci può essere difficile.

I life/career coach non costano poco, ma sono in grado di offrire ai clienti la formazione e i consigli intensi e pratici di cui hanno bisogno per fare passi seri nella loro vita personale e professionale. Dopotutto, tutti hanno bisogno di qualche consiglio edificante di tanto in tanto.

esempio di idea per piccole imprese: Career Coach Nariah Broadus

Fonte immagine

Cerchi ispirazione? Nariah Broadus ha dedicato più di 20 anni ad aiutare le persone a creare ambienti di lavoro migliori e ad affrontare il cambiamento con successo come coach di carriera e leadership. Dai un’occhiata alla sua storia per avere più ispirazione per iniziare con questa piccola idea imprenditoriale.

9. Riprendi scrittore

Creare un curriculum, una lettera di presentazione e, se necessario, un portfolio per un nuovo lavoro può essere difficile e richiedere molto tempo. Ecco perché molte persone assumono aiuto. Assisti i clienti con curricula personalizzati, lettere di presentazione splendidamente modificate e portafogli accuratamente realizzati che rendono impossibile l’ignoranza dei datori di lavoro.

10. Scrittore freelance

Se hai capacità di scrittura , c’è qualcuno là fuori disposto a pagarti per averle. Scrivi post di blog, articoli di riviste e copie di siti Web a bizzeffe: assicurati solo di avere un corpo di lavoro creato da condividere con i potenziali clienti. Anche se crei alcuni pezzi campione da avere a portata di mano, ti aiuteranno a esporre il tuo lavoro e ad attirare nuovi affari.

Nella nostra agenzia SEO Milano abbiamo sempre bisogno di nuovi scrittori che abbiano però imparato le basi della scrittura per il seo.

11. Traduttore

Parla una lingua straniera? Avvia un servizio di traduzione. Considera la possibilità di specializzarti in un genere specifico di traduzione, come la traduzione medica o finanziaria, poiché potresti essere in grado di soddisfare un’esigenza di nicchia nella tua comunità.

12. Progettista di giardini

Molte persone hanno la volontà di fare il lavoro sporco nei loro cortili, ma pochi hanno il know-how per completare la prima parte di questo processo: progettare e pianificare lo spazio del cortile. Disegna i progetti per gli spazi esterni dei tuoi clienti e lascia che si occupino degli scavi veri e propri.

13. Proprietario del negozio di e-commerce

Crei, raccogli o curi qualcosa di speciale? Prendi in considerazione l’ idea di avviare un negozio di e-commerce e trasformare il tuo hobby in un lavoro a tempo pieno. Sia che tu abbia bisogno di un posto dove vendere tutta quella ceramica che hai realizzato o di una scusa per cercare i cimeli sportivi che ami rintracciare, un negozio di e-commerce può rendere finanziariamente fattibile per te perseguire la tua passione.

14. Paesaggista

Il taglio, la potatura degli alberi e l’arredamento stagionale sono tutte esigenze del vicinato. Se possiedi o puoi acquisire l’attrezzatura, un’attività di giardinaggio può essere un affare redditizio. Impara ora alcune delle nozioni di base con questo video sulla progettazione del paesaggio di Lowe’s: 

15. Videografo

La produzione video richiede che tu abbia investito nell’attrezzatura in anticipo, il che può essere piuttosto costoso. Ma questo è anche ciò che rende i tuoi servizi così preziosi. Assicurati di avere una bobina del tuo lavoro da condividere o crea un sito web con diverse selezioni del tuo lavoro disponibili per gli spettatori interessati.

16. Fotografo

Inizia conducendo servizi fotografici per la tua famiglia e i tuoi amici. Mentre costruisci un corpo di lavoro, chiedi rinvii e recensioni. Le attività di fotografia spesso crescono grazie al passaparola, quindi crea una pagina Facebook in cui puoi taggare i clienti recenti. I video in cui tagghi questi clienti verranno visualizzati nei feed di notizie dei loro amici dove possono visualizzare il tuo lavoro. Puoi anche chiedere loro di lasciare recensioni sulla tua pagina aziendale di Facebook.

Se non sai da dove iniziare con la fotografia freelance, dai un’occhiata al viaggio di Erica Clayton nel business qui sotto. Il suo consiglio? Datti una scadenza fissa per realizzare un profitto.

17. Pianificatore di viaggio

Il tempo dell’agente di viaggio potrebbe passare, ma le persone sono ancora alla ricerca di persone con un talento per un coordinamento di viaggio più non tradizionale. Se pianifichi sempre le vacanze perfette complete di splendidi hotel, la posizione ideale e uno stuolo di deliziosi ristoranti in fila per ogni sera, considera la pubblicità dei tuoi servizi come un approccio più moderno alla pianificazione del viaggio.

18. Specialista di dettagli sulle auto

Il diavolo è nei dettagli e puoi esserlo anche tu. I servizi di car-detailing che viaggiano al cliente sono convenienti per le persone impegnate che non trovano il tempo di correre attraverso l’autolavaggio. Con questa attività, i tuoi clienti devono solo pagare e il servizio sarà svolto per loro prima che se ne accorgano. Assicurati solo di avere la flessibilità, il trasporto e le attrezzature per portare la tua attività in viaggio.

esempio di idea per piccole imprese: dettagli dell'auto

Fonte immagine

19. Ispettore domestico

Lavorare come ispettore domestico richiede una certificazione e una grande esperienza, ma può offrire un orario di lavoro flessibile e un reddito stabile. Conferma i requisiti di licenza nel tuo stato prima di iniziare con questo tipo di piccola impresa. Dovrai assicurarti di fornire il miglior servizio ai tuoi clienti avendo tutte le tue credenziali in ordine.

20. Pulizie per la casa

Con una bassa barriera all’ingresso, la pulizia della casa può essere un ottimo modo per iniziare a fare ciò che ami, presto. Considera la pubblicità per le case del tuo quartiere e ottieni più soldi guadagnando anche alcune piccole imprese come clienti. Di solito portano uno stipendio più alto per una quantità di lavoro simile.

Hai bisogno di ispirazione? Questo servizio di pulizia per piccole imprese è cresciuto praticamente da un giorno all’altro su Instagram dopo che i loro contenuti sono diventati virali durante la pandemia.

esempio di idea per piccole imprese: Go Clean Co

Fonte immagine

21. Chef personale

Tutti amiamo mangiare, ma pochi di noi hanno il tempo o l’energia per cucinare pasti sani e deliziosi. Pubblicizza i tuoi servizi alle famiglie e alle imprese locali. Per risparmiare sui costi di avvio, prendi in considerazione la pianificazione di alcuni gruppi di clienti insieme, ad esempio vegetariani, in modo da poter cucinare quantità maggiori dello stesso piatto.

piatti appetitosi dello chef Paul sono disponibili per i clienti di tutto il paese. La sua nicchia di clientela è composta da atleti, aziende e palestre locali.

22. Gestore di proprietà

Molte persone mantengono proprietà in cui non vivono, spesso con sede in diverse città o stati. In qualità di gestore di proprietà, puoi aiutare un proprietario di una proprietà a garantire che la sua casa sia ben curata, gestire le piccole riparazioni man mano che si presentano e fungere da collegamento con gli affittuari.

23. Facilitatore dei servizi di imballaggio

Il trasloco è sempre un problema e molte persone assumono l’intero processo di imballaggio. Vuoi avere un flusso costante di clienti? Collabora con un servizio di trasloco locale che ti indirizzerà nuovi clienti.

24. Massaggiatore

Lenisci i muscoli doloranti e promuovi la pace per i tuoi clienti come massaggiatore. Cerca corsi di formazione e certificazione nella tua città e stato e investi in un letto portatile per sostenere le visite dei clienti.

esempio di idea per piccole imprese: massaggiatore

Fonte immagine

25. Artigiano

Creare novità a mano è un modo divertente e unico per avviare una piccola impresa. Che tu realizzi gioielli, articoli di comfort a maglia o persino parrucche personalizzate , probabilmente c’è un mercato per i tuoi prodotti. Attira il tuo pubblico con il marketing creativo sui social media e ottimizza il tuo sito web per il motore di ricerca utilizzando parole chiave che descrivono i prodotti che realizzi.

26. Proprietario del Bed and Breakfast

Questa è un’altra impresa commerciale che richiederà di ricercare la licenza corretta dal tuo stato, ma ne varrà la pena vedere i tuoi sogni diventare realtà. Considera quali ospiti viaggeranno nella tua zona e crea pacchetti speciali e soggiorni a tema che coincidano con i loro interessi nel tuo locale.

esempio di idea di piccola impresa: bed and breakfast

Fonte immagine

27. Designer di interni

Simile alla progettazione del paesaggio: ci sono molte persone che hanno la possibilità di acquistare i mobili e le decorazioni per la casa di cui hanno bisogno per riempire le loro stanze, ma poche sanno da dove cominciare. Potrebbe volerci del tempo per creare un portfolio, ma documentare i tuoi progetti e condividerli online può creare una base di fan oltre i tuoi sogni più sfrenati.

Hai bisogno di ispirazione? Dai un’occhiata all’account Instagram di interior design di Sandra Cavallo .

esempio di idea di piccola impresa: interior designer

Fonte immagine

28. Proprietario senza scopo di lucro

Se sogni di dedicare la tua vita a una causa in cui credi, potrebbe essere il momento di avviare un’organizzazione no profit. Dovrai incorporare la tua attività e richiedere lo stato di esenzione fiscale 501 (c) (3) e quindi ti verrà richiesto di soddisfare gli standard di conformità in corso, ma il profitto sta avendo un impatto significativo su una causa che ritieni in.

29. Guida turistica

Ti piace la storia locale della tua città o del tuo stato? Considera di diventare una guida turistica. Certo, dovrai condurre molte ricerche per essere in grado di svolgere bene il lavoro, ma è metà del divertimento. Distinguiti offrendo tour che parlano di una nicchia specifica della storia della tua comunità.

Alcune guide turistiche, come quelle di Freedom Trail a Boston , offrono tour storici a piedi nei luoghi più infestati della loro città, mentre altre curano tour gastronomici guidati per gli ospiti per avere un vero assaggio della città.

esempio di idea di piccola impresa: guida turistica

Fonte immagine

30. Tutor

Che tu sia un mago della matematica, un maestro di pianoforte o un appassionato di Shakespeare, c’è qualcuno là fuori che ha bisogno di un piccolo aiuto nella tua area di competenza ed è disposto a pagare per questo. Pubblicizza i tuoi servizi attraverso scuole locali, community college, centri comunitari e persino sui social media per spargere la voce e creare una base di clienti.

31. Consulente

Se hai una significativa esperienza o conoscenza di un argomento specifico, considera di diventare un consulente. Forse sei un esperto nelle pratiche di assunzione, hai un talento per la SEO o hai guidato più team di vendita al successo a sei cifre. Identifica la tua esperienza e commercializzati come consulente e addebita la tariffa corrente.

32. Proprietario di una boutique di abbigliamento

Se sogni di costruire il tuo impero della moda, perché non iniziare con una boutique locale? Crea buzz con stili di abbigliamento impressionanti, account di social media stimolanti e un forte coinvolgimento della comunità.

Prendi ispirazione da Sleep Ova , una lussuosa boutique di abbigliamento da casa con sede a Los Angeles, in California.

esempio di idea per piccole imprese: boutique di abbigliamento

Fonte immagine

33. Organizzatore di eventi

Potresti scegliere di specializzarti in un tipo specifico di evento, come matrimoni o riunioni aziendali, o configurarti come organizzatore di eventi di tutti i settori. Se sei altamente organizzato, sei orientato ai dettagli e hai esperienza nella pianificazione di grandi eventi, potrebbe essere il momento che altri traggano vantaggio dalle tue capacità.

34. Proprietario di un negozio di specialità alimentari

Cibi gourmet, formaggi, sakè, vino: chiami un cibo, c’è un negozio di specialità alimentari là fuori per questo. Metti a frutto la tua passione per gli oli d’oliva esotici e apri un negozio come American Provisions dove offri il tipo di esperienza e selezione che il tuo pubblico non potrebbe sognare di ottenere dal loro droghiere locale.

35. Assistente personale

Ancora una volta, se sei una persona organizzata e molto dettagliata, la vita di un assistente personale potrebbe fare al caso tuo. Non vuoi essere legato a un ufficio oa una persona tutto il giorno, tutti i giorni? Prendi in considerazione l’idea di diventare un assistente virtuale, che ti consente un ambiente di lavoro più flessibile.

36. Proprietario di un camion di cibo

Hai sempre sognato di possedere un ristorante ma non sei ancora pronto a fare il grande passo? Metti alla prova i tuoi concetti con un camion di cibo. È un ottimo modo per acquisire familiarità con il cibo e le licenze dei ristoranti nel tuo stato, vedere cosa piace e cosa non piace alla gente e costruire un seguito famelico prima di aprire o investire in una posizione fisica.

Taco Nganas , un camion di tacos a Memphis, TN, ha iniziato con un camion di cibo e si è esteso a tre, costruendo una base di clienti fedeli lungo la strada.

esempio di idea di piccola impresa: proprietario di un camion di cibo

Fonte immagine

37. Proprietario del negozio di spedizione

Se hai un occhio per lo stile ma non vuoi investire nell’inventario di una boutique nuova di zecca, considera la spedizione. Ti consentirà di curare una collezione di abbigliamento che corrisponda ai tuoi obiettivi e alla tua estetica, senza il sovraccarico di una boutique che vende capi completamente nuovi.

38. Ristoro

Se quel lavoro da chef personale è troppo restrittivo per il tuo programma, considera invece il catering. Scegli i tuoi progetti, lavora su un numero minore di eventi ma più grandi e affina le tue capacità di gestione del tempo.

39. Proprietario di una palestra

Palestre di kickboxing, studi di yoga, CrossFit, oh mio! Trasforma la tua passione per il fitness in una comunità per gli altri creando la tua palestra: avviane una da zero, diventa un affiliato o apri una sede in franchising.

40. Proprietario dell’asilo nido

L’assistenza all’infanzia continua ad essere molto richiesta. Mentre le tate e le azioni di tata sono popolari in questo momento, è difficile trovare un buon asilo nido. Soddisfa un bisogno nel tuo quartiere aprendo il tuo. E, come sempre, assicurati di rispettare i requisiti di zonizzazione, autorizzazione, assicurazione e ispezione della tua città e dello stato.

41. Proprietario dell’agenzia di boutique

Qual è la tua specialità? Che si tratti di marketing, social media o PR, potrebbe essere il momento di avviare la tua agenzia. Molte altre piccole imprese hanno bisogno di questo tipo di aiuto, ma non hanno le risorse o il volume per richiedere una posizione a tempo pieno.

Prendi in considerazione la creazione di un piccolo team e impara da altri imprenditori che hanno avviato con successo le proprie agenzie, come Duane Brown di Take Some Risk .

42. Proprietario di una caffetteria

Trasforma la tua dipendenza dalla caffeina in qualcosa di un po’ più redditizio. L’apertura di un franchising o l’acquisto di un negozio esistente sono punti di ingresso a basso rischio per il gioco del caffè, ma di solito richiedono un po’ più di denaro in anticipo. Avviare un negozio da zero richiede un po’ più di pianificazione e molto più lavoro, ma massimizza anche il tuo potenziale di guadagno in futuro.

43. Società di traslochi

Un camion, attrezzature per traslochi, manodopera e i permessi e l’assicurazione corretti sono gli elementi costitutivi per avviare la tua azienda di traslochi . Prima di acquistare la tua prima flotta di camion, tuttavia, inizia in piccolo con un furgone per traslochi e mantieni bassi i costi.

Ti sembra ancora un investimento iniziale eccessivo? Considera di offrire solo servizi di imballaggio, che hanno una barriera finanziaria molto più bassa all’ingresso.

Potresti anche adottare un approccio di nicchia al settore, come ha fatto Astro International, offrendo servizi di trasloco internazionale.

esempio di idea di piccola impresa: trasloco

Fonte immagine

44. Home staging

Se hai un talento per l’interior design, un servizio di staging potrebbe fungere da sfogo creativo e vocazione professionale. Puoi costruire un portafoglio con un piccolo investimento iniziale allestendo le case utilizzando gli arredi e le decorazioni esistenti del proprietario. La maggior parte degli stager alla fine costruisce un inventario di mobili man mano che si affermano e si collegano in rete con gli agenti immobiliari della zona.

45. Dog Walker, Groomer o Trainer

La licenza e l’assicurazione saranno i due fattori più importanti nell’apertura di un’attività di dog walking, toelettatura o addestramento, ma i tuoi colleghi canini compenseranno sicuramente la burocrazia iniziale. Per testare le acque prima di tuffarti, prendi in considerazione l’idea di portare a spasso i cani attraverso aziende come Rover. Pronto per eseguire il tuo spettacolo? Considera un franchising come Dogtopia .

46. ​​Vendi prodotti da forno per la casa

I biscotti con gocce di cioccolato fatti in magazzino e acquistati in negozio non saranno mai paragonabili a un lotto fatto con amore a casa di qualcuno. I dessert semplici possono essere facilmente cotti e confezionati per essere venduti in occasione di eventi locali o nel tuo quartiere. Usa etichette personalizzate e guarda come si sparge la voce sui tuoi prodotti! 

47. Truccatore

Molte persone preferiscono farsi truccare da un professionista perché potrebbero non avere i prodotti adeguati o solo le competenze. Può essere per un’occasione speciale, un servizio fotografico, un video o un altro evento. Essere in grado di creare una varietà di look diversi renderà la tua attività più attraente per più clienti.

48. Organizzatore professionale

Molte persone lottano con il disordine o la disorganizzazione nelle loro case e uffici. Può essere una grande impresa creare sistemi e abitudini che creeranno un’organizzazione continua. Prendi un sacco di contenitori e un’etichettatrice e inizia!

Meg Golightly, fondatrice di Gosimplified, ha trasformato questa piccola idea imprenditoriale in una carriera di successo.

esempio di idea di piccola impresa: organizzatore professionale

Fonte immagine

Idee per la casa d’affari

Queste idee per affari da casa ti offrono alcune opzioni di business in più che si basano a casa o online.

1. Codifica

Frontend, backend e ogni tipo di codice intermedio, questa abilità non richiede alcuna interazione di persona con i tuoi clienti. Ma un’abilità che vorrai trasferire dal mondo di persona per questo tipo di attività è l’ascolto attivo. Può essere facile isolarsi durante la creazione di un prodotto, ma lo sviluppo di una connessione con il cliente è importante tanto quanto lo sviluppo del codice per il proprio sito web.

Se tieni il cliente al primo posto quando non puoi essere presente fisicamente, puoi assicurarti di soddisfare le sue esigenze di sviluppo con il tuo lavoro di programmazione.

2. Proprietario del distributore automatico

Dal 2015, il tasso di crescita delle attività di distributori automatici è aumentato dell’1,4%. Anche se le restrizioni sul distanziamento sociale sono ancora in vigore, questa attività può ancora essere redditizia se scegli le posizioni giuste. L’alto traffico è fondamentale: luoghi come ospedali, scuole e centri comunitari sono luoghi intelligenti in cui iniziare a posizionare le macchine per generare entrate sufficienti per coprire i costi e realizzare un profitto.

esempio di idea di piccola impresa: proprietario di un distributore automaticoFonte immagine

3. Gestore dei social media

Hai un talento per i social media? In qualità di social media manager, puoi usare le tue abilità per gestire gli account dei social media per aziende e anche singole persone. Il marketing degli influencer è diventato più comune e molti influencer si affidano ad agenzie di marketing o dipendenti per aiutarli a gestire i loro canali social.

4. Impiegato inserimento dati

Molte aziende cercano addetti all’immissione dei dati per aiutarli a inserire informazioni nei loro sistemi informatici e fogli di calcolo. Se hai buone capacità informatiche e di battitura, questo potrebbe essere l’attività che fa per te.

5. Editor audio o video

A partire da marzo 2021, ci sono 1,75 milioni di podcast disponibili per gli ascoltatori. Per questo motivo, i marchi si rivolgono a contenuti audio e video per connettersi con i consumatori. Il problema è che molti non hanno il tempo di investire nella produzione di questi contenuti o non hanno le competenze per farlo. Gli editor audio e video sono richiesti quando si tratta di produrre contenuti di qualità per un pubblico affamato.

6. Artista voce fuori campo

Parlando di podcast e video, molti creatori di contenuti riconoscono il valore e il livello di professionalità che un grande talento vocale può portare a un progetto. Ci sono concerti là fuori per intro/outro di podcast, narrazione per video esplicativi o persino lavoro vocale per audiolibri. Scopri come iniziare senza alcuna esperienza da Kat Theo di seguito:

7. Pet sitter

Hai una passione per gli animali domestici? Considera di diventare un pet sitter. Mentre i proprietari dell’animale sono in vacanza, ospita il loro animale domestico a casa tua o visita la loro casa. Unisciti a un servizio di pet sitting come Wag per iniziare.

esempio di idea per piccole imprese: pet sitter

Fonte immagine

8. Ospite delle vacanze

Hai mai utilizzato un servizio di home sharing invece di un hotel? Potresti guadagnarti da vivere ospitando visitatori a casa tua o affittando una stanza. Prendi in considerazione l’idea di diventare un host con aziende come Airbnb .

La tua testa è già piena di idee per piccole imprese? Dopo tutto quel brainstorming, avrai bisogno di un piano pratico per iniziare con la tua nuova piccola impresa.

9. Venditore di caramelle

Se sei cresciuto in un quartiere affiatato del sud, probabilmente conosci la ” Candy Lady “. Questa attività da casa può essere avviata da chiunque sia degno di fiducia nella comunità. Oltre a vendere gli snack più popolari, un venditore di caramelle può fornire al quartiere frutta fresca e prodotti che potrebbero essere più difficili da trovare se vivi in ​​un deserto alimentare.

10. Avvia un blog

Se c’è un argomento in cui hai un forte interesse, allora c’è anche un pubblico là fuori con un forte interesse. Un blog può essere utilizzato per costruire una comunità online il cui coinvolgimento può essere monetizzato. Il marketing di affiliazione , i contenuti sponsorizzati e il co-marketing sono alcuni modi per fare soldi una volta che il tuo blog ha sviluppato un seguito.

11. Insegna lezioni online

Il tutoraggio viene spesso svolto di persona e con un cliente alla volta. L’insegnamento a distanza di un corso online offre maggiore flessibilità perché puoi insegnare a più studenti da casa. L’inglese è una materia comune per le lezioni online a causa di quante persone vogliono impararlo. Ma tutto ciò che hai padronanza potrebbe essere tradotto in una classe virtuale.

12. Vendi merci in piccoli lotti

L’utilizzo di ingredienti biologici e completamente naturali è più costoso, ma ne vale la pena. Ci sono molti prodotti che puoi imparare a fare a casa senza conservanti, prodotti chimici o tossine. Candele, saponi, shampoo e creme idratanti sono alcuni esempi di prodotti che puoi creare e personalizzare con profumi personalizzati. Prova a iniziare a fare il sapone con questa guida completa per principianti alla produzione di sapone:

 

 

1. Identifica la tua idea di piccola impresa.

Sia che tu scelga un’opzione dall’elenco sopra o che abbia un’altra idea nella manica, è importante avere l’esperienza, la formazione o le capacità necessarie per avere successo. Vuoi gestire un asilo nido ma non hai mai nemmeno visitato un asilo nido di successo? Trascorri del tempo conducendo ricerche per scoprire se questa è davvero la soluzione giusta per la tua esperienza, i tuoi interessi e il tuo pubblico di destinazione.

2. Inizia come attività secondaria o hobby.

Riesci a far decollare la tua attività come qualcosa che fai la sera o nei fine settimana (ovvero un lavoro secondario)? Ciò ti consente di commettere alcuni errori, testare il mercato e capire se la tua idea ha gambe prima di lasciare il tuo lavoro dalle nove alle cinque e perdere il tuo reddito primario.

3. Decidi il tuo software.

Hai un sacco di cose nel piatto al primo avvio. Ma un passaggio fondamentale (e spesso dimenticato dagli imprenditori alle prime armi) è decidere il software che può aiutarti a essere più efficiente man mano che la tua attività cresce.

Ogni azienda è diversa, ma quasi tutte le aziende possono utilizzare il software per aiutare con analisi, gestione dei progetti, contabilità, contabilità, e-mail marketing e altre attività quotidiane di base.

Uno degli strumenti software più importanti che ogni piccola impresa dovrebbe utilizzare è una piattaforma CRM all-in-one gratuita per tenere traccia di importanti informazioni sui clienti in un database centrale. Aiuterà ad allineare il tuo team e ad assicurarti di rimanere organizzato man mano che la tua attività cresce.

4. Crea un piano aziendale.

Nessun piano aziendale? Nessuna attività. In particolare, se la tua idea di piccola impresa richiede investitori, dovrai redigere un piano aziendale per fornire una panoramica del tuo posizionamento sul mercato, delle tue proiezioni finanziarie e dei tuoi vantaggi competitivi unici.

Il tuo business plan dovrebbe includere i seguenti elementi:

  • Riepilogo esecutivo : una panoramica di alto livello della tua azienda e del posizionamento sul mercato.
  • Modello di business — Descrivi cosa fa la tua attività, a chi serve la tua attività e come è strutturata la tua attività. Dovresti includere una descrizione di quali prodotti e servizi offri e in che modo soddisfano le esigenze dei tuoi clienti.
  • Condizione di mercato — Un riepilogo delle informazioni pertinenti sui concorrenti. Determina i punti di forza e di debolezza dei tuoi concorrenti più vicini.
  • Prodotti e servizi — Utilizza questa sezione per descrivere in dettaglio i tuoi prodotti e servizi e delineare ciò che differenzia il tuo prodotto dagli altri sul mercato.
  • Operazioni e gestione : delinea la struttura organizzativa, i ruoli chiave e le responsabilità della tua azienda.
  • Strategia di marketing e vendita — Questa sezione dovrebbe descrivere come commercializzerai e venderai il tuo prodotto. Includi informazioni sul tuo cliente ideale, su come prevedi di posizionare la tua offerta e sulla tua strategia di vendita.
  • Piano finanziario : crea uno schema dettagliato dei dati finanziari della tua azienda. Includi i tuoi costi di avviamento, le tue produzioni finanziarie iniziali e come prevedi di generare finanziamenti.
  • Appendice : una volta completati i pezzi di cui sopra, termina il documento con un’appendice che riepiloga il tuo piano aziendale.

Hai un sacco di cose nel piatto al primo avvio. Ma un passaggio fondamentale (e spesso dimenticato dagli imprenditori alle prime armi) è decidere il software che può aiutarti a essere più efficiente man mano che la tua attività cresce.

Ogni azienda è diversa, ma quasi tutte le aziende possono utilizzare il software per aiutare con analisi, gestione dei progetti, contabilità, contabilità, e-mail marketing e altre attività quotidiane di base.

Uno degli strumenti software più importanti che ogni piccola impresa dovrebbe utilizzare è una piattaforma CRM all-in-one gratuita per tenere traccia di importanti informazioni sui clienti in un database centrale. Aiuterà ad allineare il tuo team e ad assicurarti di rimanere organizzato man mano che la tua attività cresce.

5. Decidi se sarai una LLC o una ditta individuale.

Due strutture legali comuni per le piccole imprese sono le società a responsabilità limitata (LLC) e le imprese individuali.

Una LLC è una struttura aziendale più complessa di una ditta individuale e può includere individui, società e altre LLC come membri. Inoltre, le LLC non sono soggette a un livello di tassazione separato e offrono protezione della responsabilità dell’imprenditore e vantaggi fiscali. Le LLC sono formate stato per stato.

Le ditte individuali sono aziende possedute e gestite da una persona e non sono identificate come entità separata dal proprietario dal governo. Mentre una ditta individuale è la struttura aziendale più semplice, i proprietari individuali sono personalmente responsabili della loro attività.

Oltre a una LLC o a una ditta individuale, ci sono alcune altre opzioni da considerare.

Sean Flannigan, Content Manager di Sendle , afferma: “Mentre molte piccole imprese potrebbero essere meglio servite scegliendo una LLC o una ditta individuale, ci sono alcune altre opzioni”.

“Le partnership sono ottime per le aziende gestite da più individui. Si avvicina maggiormente a una ditta individuale in quanto gli individui si assumono la responsabilità aziendale e pagano le tasse a livello personale”.

Aggiunge: “Per evitare completamente la responsabilità personale, le piccole imprese potrebbero scegliere di incorporarsi come società, società S o società B Corp. S evitare la tassazione delle società, mentre le B Corps devono soddisfare una soglia per il beneficio pubblico e la responsabilità”.

Inoltre, Flannigan afferma: “Ci sono tantissime ottime ragioni per diventare una B Corp oltre a fare buoni affari. Detto questo, molte piccole imprese che non mirano a una crescita super rapida scelgono di andare con una LLC per mantenere le cose semplici proteggendo i proprietari da troppe responsabilità”.

Scopri di più sulla scelta della struttura giusta per la tua attività da Small Business Administration.

6. Creare un conto bancario aziendale.

Una volta che hai un’attività legalmente costituita e ti è stato rilasciato un numero di identificazione del datore di lavoro (EIN), apri un conto bancario specifico per la tua attività. Avere un conto bancario aziendale è essenziale per mantenere separate le tue finanze personali e aziendali, il che può aiutarti a ottenere un’immagine accurata del flusso di cassa e della salute finanziaria della tua azienda.

Inoltre, mantenere separate le tue finanze personali e aziendali semplifica la contabilità e la preparazione delle tasse.

Molte banche offrono assegni aziendali e conti di risparmio. I conti correnti aziendali in genere non hanno un limite al numero di transazioni che possono aver luogo ed emettono una carta di debito che può essere utilizzata per effettuare acquisti aziendali. Tuttavia, questi conti correnti non maturano interessi.

I conti di risparmio aziendali in genere guadagnano interessi nel tempo, ma hanno un numero limitato di transazioni che possono verificarsi ogni mese. Quando sei appena agli inizi, cerca un conto bancario aziendale che non abbia un requisito di saldo minimo in modo da non essere penalizzato per avere fondi bassi mentre lavori per costruire la tua attività.

7. Determina se la tua idea imprenditoriale funziona bene da casa.

Chiediti se la tua idea imprenditoriale funzionerà bene da casa. Alcune aziende semplicemente non sono adatte per essere basate da casa. Se vuoi gestire un centro di accoglienza per cani ma vivi in ​​un appartamento senza cortile, potresti prendere in considerazione un’attività di dog walking.

8. Crea un ufficio.

Se la tua idea imprenditoriale è adatta per essere gestita da casa, è comunque importante disporre di uno spazio di lavoro designato. Anche se un ufficio a casa potrebbe non essere possibile, considera di mettere da parte un angolo nel tuo soggiorno o di mettere una scrivania nella tua camera da letto per uno spazio che ti ispiri e crei le condizioni per il successo.

Hai bisogno di uno spazio più professionale? Se svolgi un lavoro rivolto al cliente che richiede di essere in videochiamate, nessuno vuole vedere i tuoi fogli spiegazzati in background. Dai un’occhiata agli spazi di coworking locali per gli abbonamenti che ti consentono di accedere a sale conferenze, spazio sulla scrivania e altro ancora.

9. Mettiti al lavoro!

Hai lavorato sodo e ho buone notizie: diventerà sempre più difficile. Ma la maggior parte degli imprenditori sarà d’accordo sul fatto che il guadagno di essere il capo di te stesso, fare le tue ore e lavorare su progetti che ti appassionano pagherà dividendi per il resto della tua vita.

Brainstorming per la tua prossima impresa in piccole imprese

La scelta di una piccola idea imprenditoriale su cui lavorare è una decisione personale. Il denaro è importante, ma avrai bisogno di più motivazione per andare avanti. Rimbalza le idee sui tuoi amici e familiari finché non raggiungi l’idea perfetta che funziona per il tuo programma, soddisfa la passione della tua vita e ha un senso finanziario. Non aver paura di chiedere aiuto durante questo processo e ricorda di divertirti un po’ mentre lavori.

Nota dell’editore: questo post è stato originariamente pubblicato nell’agosto 2020 ed è stato aggiornato per completezza.

CategoriesInstagram Social Media

Quando è il momento migliore per pubblicare su Instagram nel 2021

Quando è il momento migliore per pubblicare su Instagram nel 2021? [Documento informativo]

post di marketing durante i tempi di coinvolgimento di instagram ottimali

Per creare un seguito considerevole su Instagram, devi creare contenuti accattivanti che il tuo pubblico desidera davvero. Ma se non pubblichi i tuoi contenuti al momento giusto, la maggior parte di loro non li vedrà mai. Quindi, come fai a capire il tempo di post ottimale per il tuo pubblico specifico? Il modo migliore per trovare un tempo di pubblicazione ideale è testare i tempi dei tuoi post per vedere quale tempo di pubblicazione genera il maggior coinvolgimento del pubblico.

Se ti mancano le risorse o il tempo per condurre i tuoi test, Sprout Social , una piattaforma di gestione dei social media con oltre 20.000 clienti, ti aiuta. Nel 2020, il loro team ha analizzato i dati dei clienti per vedere a che ora e in quale giorno i loro post sui social media hanno generato il maggior coinvolgimento. Ecco cosa hanno trovato.

Nuovi dati: rapporto sul coinvolgimento di Instagram [versione 2021]

Global Instagram Engagement

Se il 2020 ci ha insegnato qualcosa, è che i nostri mondi sono più interconnessi che mai su scala globale. Le nostre strategie sui social media devono riflettere questo nuovo stile di vita affinché le nostre aziende raggiungano i loro obiettivi.

Il grafico seguente mostra il coinvolgimento globale su Instagram in base all’ora del giorno e al giorno della settimana. Nota: l’ora è in CDT. Ciò significa che non pubblicheresti alle 11:00 per ogni fuso orario individualmente: 11:00 CDT funziona perfettamente in tutti i post pubblicati per un pubblico globale.

Hai bisogno di una visuale per elaborare strategie? Dai un’occhiata a questo grafico Sprout Social che mostra gli hotspot di coinvolgimento globale di Instagram.

Grafico del coinvolgimento globale su Instagram di Sprout Social

Fonte immagine

Sprout Social ha approfondito ancora di più i momenti migliori per pubblicare su Instagram, inclusi i momenti migliori per il coinvolgimento dei post. Abbiamo riassunto i risultati chiave del loro rapporto in un breve cheatsheet a cui puoi fare riferimento in seguito.

 

 

Il momento migliore per pubblicare su Instagram

 

Il giorno della settimana in cui pubblichi può modificare la quantità di coinvolgimento che ottieni durante lo stesso periodo.

Come mai? Pensa alle piccole differenze nel tuo umore e nella tua routine quotidiana – quelle che potresti non realizzare di avere – e in che modo influenzano il tuo comportamento. Lo stesso vale per tutti coloro che seguono il tuo account Instagram.

Per quanto non ci piaccia ammetterlo, molti di noi controllano i nostri social media come prima cosa al mattino per recuperare il ritardo della sera prima. Quindi, è il momento per una pergamena per la pausa pranzo. Infine, diamo un’ultima occhiata a cosa fanno i nostri amici e le nostre marche preferite prima di andare a letto. È logico che le ore di coinvolgimento più pesanti siano in linea con il modo in cui il nostro pubblico vive la propria vita.

Ecco un altro sguardo ai momenti migliori per pubblicare su Instagram ogni giorno e alcuni approfondimenti aggiuntivi da Sprout Social :

Il momento migliore per pubblicare su Instagram ogni giorno

  • Lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 11:00 alle 12:00 CDT – Considera che la maggior parte dei tuoi follower sta facendo una pausa pranzo in questo periodo e sarà più probabile che scruti Instagram per aggiornarti sulle ultime dai loro amici, marchi preferiti, e influencer. Durante questi periodi di tempo, condividi contenuti con cui è facile interagire e condividere.
  • Martedì, dalle 11:00 alle 14:00 CDT – Simile a quanto sopra, le pause pranzo sono comuni in questi orari. Tuttavia, il periodo di tempo più lungo può essere un’opportunità adatta per condividere contenuti di lunga durata come i video di IG TV o persino andare in diretta su Instagram.
  • Giovedì, 11:00 CDT – Per queste pause pranzo più brevi del giovedì, prova a pubblicare storie di Instagram con incentivi al coinvolgimento come sondaggi, domande e quiz per ottenere risposte rapide che gli utenti torneranno a leggere in seguito.

Quando pianifichi i post per Instagram, le stesse ore potrebbero non funzionare per ogni giorno. Considera sia il giorno della settimana che il settore in cui ti trovi (di quest’ultimo parleremo tra un minuto).

Suggerimento: pubblica su Instagram tra le 7:00 e le 10:30 CDT dal lunedì al venerdì. In questo modo otterrai il coinvolgimento più coerente perché i tuoi contenuti avranno il tempo di raccogliere visualizzazioni e condivisioni che portano alle ore di picco del coinvolgimento intorno alle 11:00 CDT.

Il momento migliore per pubblicare su Instagram per settore

I dati generali sopra riportati sulla tempistica ottimale dei post sono un ottimo punto di partenza per far crescere un pubblico di Instagram coinvolto. Ma se vuoi essere più granulare, ecco i momenti migliori per pubblicare su Instagram se la tua organizzazione opera nei settori della tecnologia, della ristorazione, dell’istruzione, della sanità e del non profit, secondo la ricerca di Sprout Social.

I periodi migliori per pubblicare su Instagram per le aziende tecnologiche

 

  • Orario migliore: lunedì 10:00 – 22:00 CDT
  • Coinvolgimento più coerente: dal lunedì al venerdì, dalle 8:00 alle 18:00 CDT
  • Giorno migliore: lunedì
  • Giorno peggiore: domenica

Gli orari migliori per pubblicare su Instagram per i ristoranti

 

  • Orario migliore: lunedì 9:00 – 13:00
  • Impegno più consistente: lunedì 9:00 – 13:00
  • Giorno migliore: lunedì
  • Giorno peggiore: sabato

I periodi migliori per pubblicare su Instagram per le organizzazioni educative

 

  • Orari migliori: venerdì 4:00 – 5:00, giovedì 14:00 CDT
  • Coinvolgimento più coerente: venerdì 04:00 – 13:00 CDT
  • Giorno migliore: venerdì
  • Giorno peggiore: domenica

I periodi migliori per pubblicare su Instagram per le aziende sanitarie

 

  • Orario migliore: martedì 8:00 – 12:00, 17:00 – 20:00
  • Impegno più coerente: domenica, 8:00 – 9:00 CDT
  • Giorno migliore: lunedì, martedì
  • Giorno peggiore: sabato

I periodi migliori per pubblicare su Instagram per le organizzazioni senza scopo di lucro

 

  • Orario migliore: mercoledì 10:00 – 18:00 CDT
  • Coinvolgimento più coerente: dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 20:00 CDT
  • Giorno migliore: mercoledì
  • Giorno peggiore: domenica

Aumenta il coinvolgimento di Instagram nel tuo programma

Il coinvolgimento organico di Instagram e un programma di pubblicazione programmato vanno di pari passo. Ogni settore ha picchi e valli naturali di coinvolgimento durante il giorno, il che significa che la tua strategia Instagram dovrebbe fluire con loro. Usa queste infografiche per pianificare il tuo calendario sui social media per il prossimo trimestre e osservare il tuo tasso di coinvolgimento salire.

Nota dell’editore: questo post è stato originariamente pubblicato nel febbraio 2021 ed è stato aggiornato per completezza.

VBMarketing è una web agency a Milano specializzata nella realizzazione siti web professionali per aziende e professionisti.

Se il tuo sito sta avendo problemi ad avere contatti interessanti potresti valutare un nostro consulente SEO Milano.

 

 

 

 

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.