SEO internazionale
CategoriesSEO

Pensa globale. Un negozio online sta sprecando gran parte del suo potenziale se il suo proprietario si concentra solo sul locale. Soddisfare il mercato internazionale è un’opportunità sia per diversificare che per aumentare i ricavi. La SEO internazionale è la chiave per sbloccare questo potenziale globale.

Ogni singolo giorno, il tuo prodotto può essere ricercato da milioni di acquirenti in tutto il mondo. Ma avranno un compito difficile identificarti se non hai preso in considerazione la SEO internazionale. I suggerimenti SEO standard sono innumerevoli. La SEO internazionale è un po’ più specializzata.

Cosa intendiamo per SEO internazionale? Sta pensando a come l’area geografica fa la differenza per il comportamento di ricerca dell’utente e trova modi per lavorare con questo. Può comportare l’utilizzo di una varietà di innovazioni, come AMP e SEO , che possono davvero avvantaggiarti di conseguenza.

Questa parte è ottima anche per la realizzazione di siti web professionali

Iniziare

Puoi testare l’acqua provando qualcosa di abbastanza semplice. Mantieni l’impostazione dell’URL esistente ma abilita altre valute e affrancatura internazionale. Indipendentemente dal fatto che la tua azienda sia basata su SaaS o meno, questo valuterà l’appeal internazionale della tua azienda e del tuo prodotto.

Tuttavia, va solo così lontano: non soddisfa la tendenza degli utenti a cercare nella propria lingua. E anche se è una lingua condivisa con te, useranno termini diversi e avranno gusti diversi.

Quindi, non è a tenuta stagna, ma potrebbe servire a mettere in luce l’attrattiva del tuo prodotto oltre i tuoi confini nazionali. Se, dati gli avvertimenti di cui sopra, identifichi la domanda, immagina quanto le cose diventeranno più interessanti quando applichi un SEO internazionale di qualità.

Diamo un’occhiata alle opzioni a tua disposizione.

Un negozio per venderli tutti

Questo è l’approccio più elementare. Un negozio, utilizzando una lingua per vendere tutti i tuoi prodotti in tutto il mondo. Combinalo con un convertitore di valuta JavaScript e sei pronto per accendere la scena della vendita al dettaglio internazionale.

Beh, tipo. Ciò che manca è la finezza. E un’idea sulla variazione del comportamento in base a dove si trova l’utente. In primo luogo, in termini di lingua che usano. Gli amanti dei pantaloni alla ricerca di pantaloni su un sito del Regno Unito riceveranno qualcosa che forse non si aspettavano.

In secondo luogo, in termini di gusti dell’utente in fatto di articoli, che varieranno enormemente da regione a regione. Troverai più facile soddisfare questo problema se hai una sorta di organizzazione concomitante che rifletta le variazioni regionali avendo un negozio per ogni regione.

In terzo luogo, non sarai in grado di ottenere il vantaggio di marketing, ad esempio, dell’abbigliamento stagionale, quando la stagione in cui ti trovi dipende dalla parte del globo in cui ti trovi.

Quindi, ha molto più senso diversificare la tua base di vendita.

Più negozi

Una breve parola sui costi. La cosa bella di avere più negozi è che non ci sono praticamente costi aggiuntivi, giusto? Tutti i negozi sono, dopo tutto, praticamente copie dell’originale, solo con un po’ di armeggiare per renderli appropriati alla regione. Quindi, nessuna grande spesa. Grande!

In realtà, non va affatto bene. È un malinteso comune. La risorsa necessaria per mantenere un negozio separato pertinente al paese di destinazione e aggiornato è considerevole. Inoltre, tutte le piccole attività amministrative che cresceranno solo con ogni nuovo negozio, attività come la gestione dei resi , ad esempio.

E non c’è modo di sfuggire a tutti i nuovi contenuti che dovrai generare e dovrà essere buono per garantire un posizionamento decente. Mentre siamo in argomento, non dimenticare altri modi per migliorare la classifica. Strumenti come Google snippet possono aiutare, ad esempio.

In generale, è necessario consentire un raddoppio delle risorse per ogni raddoppio dei numeri di negozio. Puoi farlo con meno, ma di solito si vede.

Quindi, hai pensato al costo e sei pronto a spendere quello che serve. Vediamo le diverse opzioni strutturali a tua disposizione.

Potresti valutare di contattare la nostra agenzia web per esporci ulteriori domande

Dominio di primo livello univoco (ccTLD)

Fonte immagine

Questo approccio utilizza un dominio completamente separato con un’appendice del codice paese, ad esempio .fr per la Francia, .es per la Spagna e così via. Questo è un buon approccio per un’azienda con un forte marchio internazionale.

Ci sono diversi vantaggi in questo metodo. Fornisce ai motori di ricerca istruzioni molto chiare su dove è diretto questo sito. Consente inoltre una buona flessibilità quando si tratta di applicare strategie di marketing SEO locali .

Un altro vantaggio interessante è che alcune nazionalità degli utenti favoriranno i siti a cui è stato aggiunto il loro codice paese. Gli utenti francesi, ad esempio, sono noti per mostrare la tendenza a fare clic su un sito con un ccTLD .fr piuttosto che su siti .com.

Gli svantaggi includono maggiori costi in termini di tempo e denaro: dovrai mantenere un certo numero di siti, ognuno con la propria strategia SEO.

Sottodominio

Ciò comporta un dominio di terzo livello separato. Il contenuto è contenuto nel dominio di primo livello .com generico, ma il codice per il paese è impostato a livello di sottodominio. Quindi, mentre avresti greatstore.com per le tue attività globali o statunitensi, avresti de.greatstore.com per le tue attività incentrate sulla Germania.

Un uso migliore di un sottodominio, tuttavia, è quando stai prendendo di mira una lingua piuttosto che un paese. Ad esempio, una volta che inizi a pensare sulla falsariga del tedesco piuttosto che della Germania, ottieni l’Austria, parti della Svizzera e ovunque si parli tedesco.

Fonte immagine

Se un sottodominio viene creato per un sito di alto livello, trarrà profitto dall’essere rapidamente indicizzato di conseguenza. In secondo luogo, come parte del sottodominio, è possibile utilizzare una parola chiave che sarà utile nell’ottimizzazione della ricerca oltre ad essere utile per attività promozionali, tramite, ad esempio, qualche ingegnoso email marketing.

Gli svantaggi includono il fatto che i motori di ricerca li vedono come siti Web separati, il che può influire negativamente sul loro posizionamento. Anche i sottodomini possono fornire ai motori di ricerca segnali di targeting più deboli rispetto a ccTLD.

Sottodirectory

Dopo che la creazione del contenuto è avvenuta, devi sapere dove metterlo in modo che sia organizzato e chiaro. Una buona soluzione è usare una sottodirectory. Questo è forse il metodo più semplice quando si tratta di organizzare le informazioni sul tuo sito web. Per l’utente, incontrano un segnale molto chiaro. Ad esempio, un paese è indicato come greatstore.com/de.

Ci sono diversi vantaggi nell’usare le sottodirectory. Le sottodirectory danno segnali più forti dei sottodomini. Ma non è quasi tutto.

L’azienda può concentrarsi su un unico sito Web che elimina la possibilità di conflitti involontari. A volte, i sottodomini di una determinata azienda possono presentare contenuti in conflitto, soprattutto se non è stato applicato un aggiornamento a tutti i sottodomini.

In parole povere, è più facile mantenere un sistema di sottodirectory rispetto a un intero gruppo di sottodomini o ccTLD.

In termini di ranking, se utilizzi qualcosa come Google Analytics, i tuoi dati di posizione verranno uniti per l’intero sito Web, anziché per molti domini. Questo semplifica in qualche modo il monitoraggio. Più o meno allo stesso modo in cui può fare un buon rapporto SEO.

Lo svantaggio principale delle sottodirectory è che danno segnali più deboli rispetto ai ccTLD. Inoltre, c’è un aumento del numero di pagine all’interno dell’URL, che farà diminuire le classifiche di alcune pagine. Infine, la portata delle strategie locali è leggermente ridotta.

Le sottodirectory sono un approccio estremamente popolare per le multinazionali. Sono relativamente facili da configurare e la struttura sfrutta al massimo il ranking del dominio. Sono anche molto intuitivi: gli utenti hanno familiarità con la struttura delle sottocartelle poiché sembra che sia stata utilizzata da sempre. Come l’anchor text , ad esempio, è un punto fermo.

Dominio di primo livello generico (gTLD) con parametri

È come l’opzione della sottodirectory, ma il paese viene evidenziato utilizzando il targeting per parametro. Ad esempio, greatstore.com?lang=de-de. Questo è più facile da mantenere rispetto a ccTLD, ma fare affidamento sui parametri non è la soluzione più elegante. Potrebbe essere necessaria una revisione costante per garantire che il processo rimanga operativo. In breve, è un po’ disordinato.

Nuovo dominio

Come suggerisce il nome, ciò comporta la creazione di un nuovo dominio. Quindi, nell’esempio di greatstore.com, la sua incarnazione tedesca sarà qualcosa di completamente diverso. Come tollerladen.com. (Questo in tedesco significa grande negozio. Ma probabilmente lo sapevi.)

I vantaggi sono chiari. I motori di ricerca ricevono segnali chiari. Il posizionamento nei motori di ricerca localizzati offre vantaggi. Le strategie locali sono facili da implementare.

Il principale svantaggio è il costo della creazione del nuovo sito, soprattutto in termini di garantire un alto profilo per esso. Stai effettivamente iniziando da zero.

Se non riesci a stabilire immediatamente un legame solido e presente con il tuo marchio affermato nella mente dell’utente, allora sei nella fase uno in termini di sicurezza di un punto d’appoggio sul mercato. Hai tutti i problemi associati all’avvio.

Ma forse anche uno o due dei vantaggi. Il tuo profilo sarà brillante e nuovo, dopo tutto. Quindi non soffermiamoci sugli aspetti negativi. Forse un CMO frazionario può aiutarti a rimetterti in carreggiata.

Allora, quale?

La scelta che deciderai di utilizzare dipenderà probabilmente da quanta centralizzazione del controllo vorresti, poiché alcuni approcci implicano che un grado di autorità sia diviso tra diversi output per diversi territori.

A volte, un approccio più centralizzato trarrà il massimo dalla base di conoscenze che hai accumulato. Ma poi ci possono essere vantaggi dall’introduzione di nuove conoscenze.

Se stai ancora lottando per prendere una decisione, un buon consiglio è controllare cosa stanno facendo i concorrenti affermati in un territorio e trarne ispirazione. Farebbero lo stesso con te.

Un altro consiglio è questo: qualunque cosa tu faccia, non prendere di mira i continenti nel loro insieme. È scortese e non redditizio. L’Europa ha 24 lingue ufficiali e oltre 200 non ufficiali. Pensi che un sito europeo avrà la possibilità di raggiungere la maggior parte di questi relatori? Non una possibilità.

Da considerare in particolare se si intende procedere alla creazione ecommerce

A proposito di lingua…

Cos’è l’Hreflang?

In parole povere, hreflang è qualcosa che devi sapere. È un sistema che dice a Google che sono disponibili diverse versioni di una pagina. Le annotazioni vengono applicate in modo che per un determinato paese o mercato linguistico venga visualizzata una pagina nella lingua pertinente. Senza hreflang, Google farà fatica a classificare un negozio nella regione appropriata.

Puoi implementarli in diversi modi, ad esempio tramite l’intestazione HTML dell’intestazione HTTP. Sono costituiti da un codice lingua seguito da un codice paese, ad esempio en-us. Sembra semplice, ma ci sono molte insidie.

Prendi i giapponesi in Giappone, per esempio. Non jp-jp ma in realtà jp-ja. E lo svedese in Svezia è sv-se (la lingua si chiama Svenska in svedese). E l’inglese nel Regno Unito? it-gb. Per fortuna, ci sono strumenti generatori di hreflang là fuori per aiutarti, quindi dai un’occhiata.

Queste tecniche sono molto utilizzate presso la nostra agenzia seo milano

I backlink sono uno dei primi tre fattori di ranking di Google. OK, ci sono altri modi per influenzare il ranking, alcuni legittimi, altri meno, come le tecniche di SEO per contenuti duplicati . Ma i backlink sono un’ottima area da sfruttare. Quindi, devi sapere come proteggerli. Un approccio è quello di migliorare al massimo i tuoi contenuti diventando una risorsa di riferimento. Il contenuto conta.

Puoi dare un’occhiata ai tuoi concorrenti e utilizzare uno strumento di analisi dei backlink per vedere chi si sta collegando a loro, quindi sviluppare una strategia di contenuto mirata a corteggiare i link a modo tuo.  

Oppure puoi utilizzare uno strumento di monitoraggio del marchio per trovare menzioni del tuo prodotto, quindi avvicinarti all’autore del sito per affrontare le possibilità di collegamento.

Non dimenticare anche il valore dei link interni. Un utente su una parte del tuo sito può essere indirizzato ad altri domini o sottodirectory, con tutto il potenziale valore aggiunto ivi contenuto.   

Infine, ricorda di incoraggiare opportuni collegamenti internazionali. Ad esempio, se hai ricevuto attenzione da un sito Web portoghese, devi incoraggiarlo a collegarsi all’incarnazione portoghese del tuo sito. Ovvio, ma a volte trascurato.

Cosa evitare nella SEO internazionale

Ecco alcuni esempi di non pensare all’area geografica. A volte è fastidioso come avere la valuta sbagliata applicata a un prodotto. O i ricercatori di un determinato paese presi di mira quando il fornitore non può effettivamente trasportare il prodotto in quel paese.

A volte, è il caso del proprietario di un sito che si concentra su un particolare motore di ricerca che in realtà non funziona bene in una particolare parte del mondo. Ad esempio, con oltre 40.000 ricerche al secondo, Google potrebbe essere il leader del mercato internazionale, ma in Cina è un no.

quota di mercato internazionale dei motori di ricerca SEO in Cina
Fonte immagine

E parlando di motori di ricerca, l’ultima cosa da evitare è lanciarti nel marketing con loro senza prima dare un’occhiata al grande SEO e agli strumenti dei motori di ricerca disponibili là fuori.

Conclusione sulla SEO internazionale

La SEO internazionale ha le sue sfide, sia dal punto di vista tecnico che linguistico. Ma è un’area che può dare enormi ricompense.

Ancora più importante, non vedere la SEO internazionale come un punto di riferimento. Perché abbia successo, ha bisogno di una manutenzione costante in modo che le tendenze internazionali non ti sfuggano.

C’è un mondo di opportunità là fuori: vai a prenderlo!

Hero Photo della NASA su Unsplash

Web agency legnano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.