i KPI di email marketing
CategoriesMarketing

Diciamo che vuoi lanciare una campagna di email marketing. 

Dopotutto, l’e-mail è, senza dubbio, un’essenza integrale del marketing digitale.

Il 31% dei marketer B2B ritiene che l’email marketing sia la migliore strategia per coltivare i lead.

Il 59% afferma che l’email marketing produce il ROI più elevato.

Tenendo presente questo, a seconda di ciò che vuoi ottenere, devi impostare obiettivi realistici e misurabili per impostare la tua campagna. 

Devi anche sapere quale strategia di email marketing funziona con il tuo pubblico e cosa no.

In questo blog, discutiamo i migliori KPI di email marketing che devi monitorare per analizzare il tuo percorso e-mail!

Ma prima, discutiamo le basi!

Cosa sono i KPI?

I KPI sono obiettivi misurabili che aiutano i marchi a visualizzare le proprie prestazioni. Queste metriche possono essere vari elementi di una campagna, come

Le persone aprono le tue email? Stanno facendo clic sui tuoi collegamenti? O le tue e-mail vengono semplicemente contrassegnate come spam e vanno direttamente nel cestino?

Il monitoraggio delle tendenze nei tuoi dati ti aiuterà a capire se la tua campagna è veramente efficace. 

Come puoi guidare la strategia di email marketing con Analytics

Per ottenere il massimo dal tuo email marketing, avrai bisogno di KPI pratici e di facile comprensione da monitorare. La maggior parte degli esperti di marketing non ha tempo per passare le giornate a riversare i dati delle e-mail nei fogli di calcolo.

Molti esperti di marketing si concentrano su metriche di posta elettronica fondamentali come il numero di iscritti, le aperture e la percentuale di clic.  

Ma per avere davvero successo e comprendere l’analisi di livello profondo è necessario fare un tuffo nel mondo dell’analisi.

Il tuo vero obiettivo della strategia di email marketing dovrebbe riguardare la costruzione di relazioni a lungo termine con i tuoi lettori, il mantenimento di una sana lista di email, l’ottimizzazione e le tendenze di coinvolgimento. 

Concentrarsi sulle metriche che contano può aiutarti a costruire una relazione autentica con i clienti, massimizzare i ritorni sull’investimento della tua campagna e-mail. Questo ti aiuterà a risparmiare tempo ed energia inviando le informazioni più pertinenti e personalizzate ai tuoi iscritti più coinvolti. (= cancellazioni minime, tasso di fidelizzazione più alto!)

Come faccio a sapere quali KPI di email marketing monitorare?

A seconda del settore a cui appartieni e quali sono gli obiettivi delle tue campagne di email marketing, le tue metriche e la percentuale di benchmarking differiranno.

È fondamentale decidere questi obiettivi prima di sviluppare una campagna di email marketing.

È meglio avvicinarsi all’analisi dell’email marketing con un approccio personalizzato. Costruisci una solida base per la campagna. Sviluppa relazioni con i tuoi utenti. Fornisci valore. 

Iniziando, puoi misurare le metriche principali come percentuale di apertura, percentuale di clic e tasso di conversione.

Nel tempo, puoi aggiungere altri KPI di email marketing che meglio si adattano alla tua strategia. 

Se il tuo obiettivo è attirare più persone sul tuo sito Web o lettori del blog o utilizzare i tuoi strumenti gratuiti, il tasso di crescita dell’elenco di iscritti sarà il KPI ottimale da monitorare.

Proprio come vuoi ampliare la tua lista di e-mail con nuovi iscritti, vuoi anche tenere traccia delle persone a cui non interessano le tue e-mail. Questo concetto è chiamato ” Graymail . 

Anche se tecnicamente non è spam, è molto vicino a quello. Danneggia la consegna delle e-mail complessive.

Inizierai a vedere le tendenze con le tue campagne di email marketing. Con questi risultati, puoi analizzare quale campagna è stata più efficace con un determinato pubblico di destinazione.

I KPI di email marketing che devi conoscere e monitorare

Ora esploriamo 9 KPI di email marketing di cui devi tenere traccia in modo approfondito. Vale sicuramente la pena leggerli, quindi allaccia le cinture! 😉

  1. Frequenza di rimbalzo
  2. Tasso di consegna e-mail
  3. Tasso di apertura
  4. Tasso di apertura unico
  5. Percentuale di clic
  6. Tasso di conversione
  7. Tasso di crescita dell’elenco
  8. ROI complessivo 
  9. Tasso di cancellazione

1. Frequenza di rimbalzo

Le tue email arrivano anche alla casella di posta del tuo cliente? Questa metrica misura la percentuale di email che sono state recapitate correttamente alla posta in arrivo dell’utente.

Possono verificarsi due diversi tipi di rimbalzi:

  • I soft bounce derivano da errori temporanei che si verificano in indirizzi e-mail validi, come un problema con un server o una casella di posta completa. 
  • Gli hard bounce, d’altra parte, sono permanenti e derivano da indirizzi e-mail non validi o errati.

Dopo la diagnosi di una consegna non riuscita, verrà rispedito al mittente .

Una frequenza di rimbalzo elevata può indicare che il tuo elenco di iscritti ha indirizzi email vecchi o falsi. Questo di solito accade se le persone non ripuliscono o non acquistano la loro lista. 

Questo argomento non è assolutamente da trascurare rispetto alla creazione di siti internet milano

Come calcolare la frequenza di rimbalzo:

Come calcolare la frequenza di rimbalzo

Puoi puntare a una frequenza di rimbalzo di circa < 2%. Anche se la frequenza di rimbalzo potrebbe non essere direttamente correlata ai tuoi obiettivi, assicurati che non ci sia 

2. Tasso di consegna dell’e-mail

Questa metrica viene utilizzata anche per indicare la consegna alla posta in arrivo del destinatario simile alla frequenza di rimbalzo.

Laddove la frequenza di rimbalzo si concentra sulle e-mail rifiutate, la velocità di consegna misura le e-mail riuscite che sono arrivate nella tua casella di posta.

Se hai dubbi sull’argomento non esitare a contattare la nostra agenzia marketing milano per ulteriori argomenti

Come calcolare il tasso di consegna delle e-mail:

Come calcolare il tasso di consegna delle e-mail

3. Tasso di apertura

Questa metrica si riferisce al numero di destinatari e-mail che hanno aperto l’e-mail che hai inviato. 

Questo dipende da quanto è intrigante la tua linea dell’oggetto e da ciò che la tua azienda e il tuo marchio hanno da offrire.

Nota: se questa metrica è bassa, è necessario rivalutare le righe dell’oggetto e l’elenco di posta elettronica. 

(Nota: dovresti puntare a un tasso di apertura di almeno il 20%!)

Quindi, come puoi migliorare le linee dell’oggetto?

  • Catturano la tua attenzione?
  • Usa gli emoji! 😁
  • Mantienilo breve e dolce.
  • Fai in modo che vogliano saperne di più…

Come calcolare il tasso di apertura:

Parliamo di come puoi calcolare questo tasso:

Come calcolare il tasso di apertura delle email

4. Tasso di apertura unico

Il tuo tasso di apertura unico calcola le persone uniche che hanno aperto la tua email.

In che cosa differisce da un normale tasso di apertura? 

Se uno dei tuoi clienti aprisse la stessa email due volte, verrà conteggiata come “una” apertura unica, ma due aperture totali. 

Questa metrica può fare riferimento all’orario di apertura. Se l’utente è tornato indietro e ha aperto di nuovo l’e-mail, ciò potrebbe indicare che l’orario di apertura originale non era l’ideale. O forse, i tuoi contenuti erano così interessanti che non ne hanno mai avuto abbastanza! 😉

Come calcolare il tasso di apertura unico:

Come calcolare il tasso di apertura delle email univoche

5. Tasso di clic

Questa metrica tiene traccia della percentuale di utenti che hanno fatto clic su uno o più collegamenti nell’e-mail inviata.

Questo è di solito l’obiettivo più importante per gli e-mail marketing. Per convincere le persone a fare clic su ciò che stai promuovendo. Che sia un’infografica , un post sul blog o un video recenti. 

Finché la tua percentuale di clic è elevata, ciò dimostra che i tuoi iscritti sono interessati a conoscere i contenuti che stai fornendo.

Cerca di mantenere la percentuale di clic sopra il 4%.

Potresti valutare di contattare la nostra agenzia web per esporci ulteriori domande

Come calcolare la percentuale di clic:

Come calcolare la percentuale di clic

6. Tasso di conversione

Il tasso di conversione indica il numero di iscritti che hanno fatto clic sul collegamento dell’e-mail e hanno intrapreso l’azione desiderata.

L’azione desiderata potrebbe essere qualsiasi cosa, dal download di un ebook, all’iscrizione a un podcast o alla registrazione per una sessione di formazione dal vivo.

Poiché il tasso di conversione è direttamente collegato all’invito all’azione, questa metrica è particolarmente essenziale per determinare se stai raggiungendo i tuoi obiettivi.

Se hai un basso tasso di conversione, potrebbe significare che la tua canalizzazione di email marketing è inefficiente. Se è alto, significa che va tutto bene! Le persone amano leggere i tuoi contenuti, sono interessate a ciò che il tuo marchio ha da dire!

Una cosa interessante da notare qui: il ROI medio della campagna di email marketing è di circa il 124% . Che è molto, molto più alto dei social!

Come calcolare il tasso di conversione:

Come calcolare il tasso di conversione

7. Tasso di crescita dell’elenco

Questa metrica si riferisce alla velocità con cui cresce la tua lista di email. Con questo, puoi analizzare la velocità con cui stai espandendo il tuo pubblico e aumentando la tua copertura. 

Questa parte è ottima anche per la realizzazione di siti web professionali

Come calcolare il tasso di crescita dell’elenco:

Come calcolare il tasso di crescita delle liste

8. Tasso di cancellazione

Questa metrica misura la percentuale di destinatari che hanno annullato l’iscrizione dopo aver ricevuto la tua email.

È un’arma a doppio taglio. 

Mentre alcuni esperti di marketing sostengono che nemmeno questa è considerata una bandiera rossa. Con i clienti che rifiutano le tue e-mail, puoi scegliere di concentrarti su quelli che rimangono indietro. La tua lista potrebbe anche essere pulita da sola!

D’altra parte, ti chiedi anche se hai fatto qualcosa di sbagliato.

Se il tuo tasso di cancellazione è inferiore allo 0,2%, è perfettamente normale. Assicurati solo che non superi lo 0,5%!

Nota: questa metrica potrebbe non essere nemmeno un’immagine accurata dello stato di salute del tuo marchio poiché molti utenti potrebbero non eseguire nemmeno il processo di annullamento dell’iscrizione.

Come calcolare il tasso di annullamento dell’iscrizione:

Come calcolare il tasso di annullamento dell'iscrizione

9. ROI complessivo dell’email marketing

Questa metrica è misurata dalle entrate totali divise per la spesa totale. 

Questa metrica ti mostra se i tuoi sforzi di marketing aggiungono valore all’azienda

Come calcolare il ROI complessivo dell’email marketing:

Come calcolare il ROI complessivo dell'email marketing

Con quale frequenza posso valutare i KPI di email marketing?

Ricorda, la parte più importante dell’analisi è la valutazione delle metriche. E ogni KPI è unico nel suo caso.

Ecco un suggerimento per la frequenza con cui puoi misurare i KPI di email marketing di cui ho discusso sopra: 

Frequenzametrico
QuotidianoFrequenza di apertura, Frequenza di rimbalzo
settimanalmentePercentuale di clic, tasso di annullamento dell’iscrizione, tasso di conversione
MensileEntrate per cliente, controlli del punteggio di spam

Ora che abbiamo esaminato in modo approfondito i KPI di email marketing, probabilmente ti starai chiedendo:

Come migliorare i tuoi KPI di email marketing?

Uno dei modi più importanti per farlo è ricordare che:

Le tue e-mail devono sempre essere accattivanti

I consumatori desiderano e-mail personali, pertinenti e preziose nella loro casella di posta. Se soddisfi queste aspettative, puoi creare un pubblico devoto, sano (e redditizio) che risponde bene al tuo marketing. 

Se invii una “esplosione” e-mail di bassa qualità e irrilevante a tutta la tua lista e-mail, è probabile che vengano disattivate ed eliminino il tuo messaggio, contrassegnandolo come spam. Ciò danneggerà direttamente l’identità del tuo marchio. Di conseguenza, ti ritroverai con un elenco malsano di abbonati disimpegnati.

Il monitoraggio delle informazioni sulla “salute” del tuo pubblico ti offre una visione olistica del rendimento delle tue campagne e-mail. L’interazione, d’altra parte, è inestimabile.

Dovrei sottolineare che avere un’analisi elevata non significa che dovresti concentrarti sulla quantità piuttosto che sulla qualità. I marketer orientati ai risultati si concentrano sulla crescita di abbonati coinvolti e di alta qualità. 

La buona notizia è che il monitoraggio delle email è ora più facile che mai grazie a Google Analytics. 

Da considerare in particolare se si intende procedere alla creazione ecommerce

Come interagire al meglio con i tuoi abbonati e-mail!

  • Righe dell’oggetto : mentre scorriamo le nostre liste di e-mail costantemente allagate, selezioniamo attentamente quelle che apriamo in base alle righe dell’oggetto che leggiamo a prima vista. Puoi sperimentare vari stili come istruttivo, personale, intelligente, istruzioni e così via.
  • Segmentazione : segmenta il tuo pubblico di destinazione per campagne di email marketing mirate. Le condizioni che puoi mantenere possono essere correlate alla cronologia degli acquisti o ai dati demografici. Automatizza le campagne di email marketing dopo l’identificazione dei punti di contatto del percorso del cliente. Puoi anche consentire agli abbonati di scegliere il tipo di contenuto che desiderano ricevere da te.
  • Contenuti di qualità : invia e-mail che convertono. Ciò significa condividere contenuti preziosi e pertinenti che il tuo pubblico di destinazione adorerà. Definisci il tuo obiettivo, delinea una tabella di marcia strategica, crea una storia e scegli un invito all’azione appropriato.
  • Personalizzazione : Personalizza. Secondo un sondaggio, il 74% degli esperti di marketing ritiene che la personalizzazione mirata aumenti il ​​coinvolgimento dei clienti. Rendi personali le tue email. Come se stessi solo parlando con loro. 
  • Cadenza coerente e ragionevole: mantenere la frequenza ottimale delle e-mail. Se invii troppe email, finirai nella cartella spam. Se ti siedi completamente e ti rilassi per alcune settimane, i tuoi potenziali contatti si dimenticheranno di te! Inizia con una frequenza che puoi mantenere e rendere giustizia al suo contenuto!
  • Mobile First : ricorda di ottimizzare la tua email per i dispositivi mobili. Oltre il 60% delle aperture di posta elettronica avviene su un dispositivo mobile. Questo numero aumenta solo al diminuire dell’età del tuo pubblico!
  • Ottimizza per più dispositivi : prova le tue e-mail su più dispositivi per assicurarti che siano ottimizzate!
  • Conservazione bidirezionale : lascia che i clienti forniscano il loro feedback.

Queste tecniche sono molto utilizzate presso la nostra agenzia seo milano

L’ultima parola sui KPI di email marketing

Ecco qua! I KPI più essenziali di cui devi tenere traccia per campagne di email marketing di successo e come migliorare i tuoi KPI di email marketing aumentando il coinvolgimento con il tuo elenco.

Comprendiamo che l’analisi delle e-mail è un campo importante! È molto da assorbire.

Per quanto importanti sembrino le metriche di email marketing, molti esperti di marketing rinunciano completamente a questo passaggio. A seconda dei tuoi obiettivi aziendali, devi essere in grado di misurare il tuo rendimento rispetto agli obiettivi aziendali desiderati. Esplora questi cambiamenti nella tua strategia di analisi dell’email marketing ogni mese.

Ricorda, ogni squadra e azienda è diversa, quindi fai tutto ciò che funziona per la tua squadra!

Fammi sapere cosa ne pensi di questo articolo e quali metriche utilizzi per misurare le tue campagne di email marketing. 

Biografia dell’autore

Mariyum Noor è una content marketer appassionata di imparare cose nuove! Scrive post di blog basati sulla ricerca per piattaforme SaaS che cercano modi migliori per deliziare e coinvolgere i propri lettori.

Foto dell’eroe di Adeolu Eletu su Unsplash

Web agency gallarate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.