la checklist di SEO di base
CategoriesSEO

Non importa quanto sia piccolo il tuo sito web, la SEO è davvero importante. Dopotutto, se le persone non riescono a trovare il tuo sito web, non attirerai nuovi potenziali clienti. Per questo motivo, molte persone desiderano una guida alle migliori pratiche. Ci sono molte liste di controllo SEO là fuori, ma alcune sono per la SEO locale, altre sono per la SEO internazionale, mentre altre sono per la SEO per l’e-commerce.

Che ne dici di una checklist SEO di base che copra la maggior parte dei siti nella maggior parte delle condizioni senza entrare troppo nei dettagli assicurandosi che i must have siano coperti? Questo è lo scopo di questa checklist SEO. In questa checklist ti presenterò anche alcuni strumenti che ti consiglio che renderanno il tuo lavoro SEO ancora più semplice! Iniziamo!

Lista di controllo SEO tecnica del sito web

Queste sono le cose che dovresti avere in atto per assicurarti che qualsiasi contenuto che pubblichi sul tuo sito abbia maggiori possibilità di successo. Questi sono uno e fatto, quindi sono specialmente per i nuovi siti ma un promemoria per tutti noi!

Lista di controllo SEO tecnica del sito web

1. Registrati su Google Search Console

Qui registrerai il tuo sito web con Google. Per farlo, accedi a Google Search Console e accedi al tuo account Google. Da lì, darai a Google tutto ciò di cui ha bisogno per iniziare. Nel tempo, potrai inviare mappe del sito ed eseguire altre attività di manutenzione sulla console.

2. Registrati su Bing Webmaster Tools

Nel caso non lo sapessi, Bing è un importante motore di ricerca gestito da Microsoft. Con Bing Webmaster Tools, ottieni un’ampia varietà di strumenti per i proprietari di siti che ti aiutano a essere indicizzato su Bing. Inoltre, hanno SEO e altre funzioni per aiutare il tuo sito a crescere. Per registrarti, accedi a Bing Webmaster Tools e accedi al tuo account Microsoft.

3. Crea e invia una Sitemap XML a Google e Bing

Dopo aver registrato il tuo sito web, il passaggio successivo dell’elenco di controllo SEO consiste nel creare una mappa del sito XML. Questo dice ai motori di ricerca quali URL hai sul tuo sito web, in modo che possano essere indicizzati più velocemente. L’indicizzazione è ciò che fa classificare il tuo sito sui motori di ricerca. Se sei un utente di WordPress, usa il plugin Yoast SEO per farlo generare automaticamente per te.

4. Google Analytics

Google Analytics è uno strumento gratuito fornito da Google che ogni webmaster dovrebbe aver installato sul proprio sito web. GA ti offre un sacco di dati su qualsiasi cosa e tutto ciò che vorresti sapere sui visitatori del tuo sito Web e su come interagiscono con il tuo sito. Successivamente, utilizzerai Google Analytics come strumento strategico per pianificare la strategia SEO e altre attività di manutenzione.

5. Velocità del sito

Un importante fattore di ranking a cui non tutti pensano è la velocità del sito. Se il tuo sito funziona lentamente, i motori di ricerca lo penalizzano. Per questo motivo, dovresti assicurarti che il tuo sito funzioni rapidamente. Usa Google Page Speed ​​Insights per trovare modi per velocizzare il tuo sito.

6. Mobile First Design

Un altro importante fattore di ranking è la qualità dell’esperienza di navigazione mobile del tuo sito. Assicurati di formattare il tuo sito web in modo che abbia un bell’aspetto e sia facile da navigare, anche sui browser mobili. Google sta chiaramente spingendo l’indicizzazione Mobile-First e saresti intelligente ad allineare il tuo sito Web a questa tendenza per mantenere o aumentare il posizionamento nei motori di ricerca.

7. SEO per WordPress

Nessuna checklist SEO sarebbe completa senza includere uno strumento integrato. Per questo, consiglio il sopra menzionato Yoast SEO Plugin . Yoast fornisce importanti suggerimenti e trucchi SEO on-page.

8. SEO esterno

Oltre all’architettura del sito e alla SEO on page, c’è la SEO off page. Questo è il processo per scoprire quanto stanno andando i tuoi concorrenti, controllare i backlink e lavorare sulla competitività dei social media. Per questo, consiglio Serpstat e mostrerò come utilizzare questo strumento per altri aspetti di questa checklist SEO e includerò schermate dal loro strumento nelle sezioni pertinenti di seguito.

Lista di controllo SEO per la ricerca di parole chiave

Una volta che il tuo sito web è impostato, dovresti pianificare i tuoi contenuti. Dopo tutto questa è una checklist SEO, quindi TUTTI i tuoi contenuti sul tuo sito web dovrebbero essere focalizzati sull’ottimizzazione dei motori di ricerca. Ciò è particolarmente vero per la scrittura di post di blog per aiutarti a ottenere un traffico enorme da parole chiave non di marca. Per ottenere questo traffico, devi pianificare attentamente la tua strategia per le parole chiave.

Lista di controllo SEO per la ricerca di parole chiave

9. Trova le parole chiave rilevanti per la tua attività

Dopo aver impostato il tuo sito web, il passaggio successivo della tua checklist SEO è la ricerca di parole chiave. Esistono diversi modi per trovare le parole chiave. Il primo posto dove guardare è in realtà. Per altre opzioni, dai un’occhiata al mio post sugli strumenti SEO, che aiuterà anche con altre parti di questa lista di controllo.

10. Conferma i volumi di ricerca per le parole chiave

Trovare solo parole chiave non è sufficiente per ottimizzare il tuo SEO. Questo perché alcune parole chiave sono più popolari di altre. Queste differenze possono essere dovute alla pertinenza, alla consapevolezza di un problema o ad altri fattori. Ecco un esempio di una ricerca per parola chiave eseguita all’interno di Serpstat che mostra i volumi di ricerca per variazione della parola chiave.

esempio di una ricerca di parole chiave eseguita all'interno di Serpstat

11. Conferma l’intento di ricerca per le parole chiave

In poche parole, l’intento di ricerca indica ciò che qualcuno vuole sapere quando cerca determinate parole chiave. Ti aiuta anche a capire perché lo cercano. Quindi, ad esempio, qualcuno potrebbe cercare “suggerimenti per l’addestramento in casa dei cuccioli” perché stanno ricevendo un nuovo cucciolo e vogliono sapere come frenare gli “incidenti”. Oppure potrebbero voler aiutare qualcun altro che ha un cucciolo, con le stesse informazioni in mente. Ciò rappresenta due intenti di ricerca separati.

Il modo migliore per confermare l’intento di ricerca per la tua parola chiave è semplicemente su Google e vedere cosa serve Google nei risultati di ricerca. Google è un’azienda intelligente che ha capito cosa cercano le persone quando inseriscono una parola chiave, quindi se i risultati per una parola chiave che vuoi scegliere come target non sono rilevanti per il prodotto o servizio della tua azienda, passa alla parola chiave successiva, perché è probabile che non ti classificherai per questo con il tuo punto di vista, e anche se lo farai potrebbe non rimanere in prima pagina a lungo.

12. Assicurati di controllare la difficoltà competitiva delle tue parole chiave

Allo stesso modo, parte della checklist SEO di tutti dovrebbe essere scoprire quanto sia competitiva ogni parola chiave. Quindi, una parola chiave probabilmente non sarà molto competitiva se ci sono poche pagine web ad essa dedicate. D’altra parte, qualcosa di cui tutti stanno scrivendo avrà una maggiore difficoltà competitiva. In molti casi, è intelligente mirare alle parole chiave correlate “più facili” fino a quando non si costruisce una maggiore autorità di dominio in relazione alla concorrenza.

Potresti valutare di contattare la nostra agenzia web per esporci ulteriori domande

Verifica la difficoltà competitiva delle tue parole chiave all'interno di Serpstat

Lista di controllo SEO per i contenuti on-page

Ora che hai impostato la tua strategia per le parole chiave, sei pronto per iniziare la creazione del contenuto effettivo utilizzando la tua parola chiave di destinazione per creare contenuti ottimizzati per la SEO. La SEO è fondamentale qui come lo è nelle sezioni precedenti di questa checklist, quindi ecco le cose principali da controllare da questa checklist SEO mentre crei i contenuti.

Lista di controllo SEO per i contenuti on-page

13. Includi la parola chiave target nelle parti più rilevanti del tuo sito web.

In particolare, assicurati di includerlo nel titolo SEO, nel SEO, nella descrizione, nel titolo H1, in alcuni dei tuoi sottotitoli e nel primo paragrafo. Mettere qui la tua parola chiave rende più facile per i motori di ricerca vederla. Inoltre, il posizionamento precedente segnala l’importanza di quella parola chiave in generale.

14. Mantieni il tuo URL breve e includi la parola chiave di destinazione

Se il tuo URL è troppo lungo, è più difficile per le persone condividerlo online. Sebbene Twitter abbia un abbreviatore di URL, non tutti i canali di distribuzione dei contenuti lo fanno. Inoltre, inserire la parola chiave di destinazione nel tuo URL ne evidenzia l’importanza, sia per il motore di ricerca che per le persone che vedono l’URL. In questo modo, la tua pagina è più facile da trovare e più facile da ricordare.

15. Ottimizza le tue immagini per la velocità

Ricorda, se il tuo sito web si carica lentamente, danneggia automaticamente il tuo SEO. A Google e Bing non piacciono i siti lenti e, peggio, le persone tendono a lasciare i siti che non si caricano velocemente. Quando le persone se ne vanno, contribuisce alla frequenza di rimbalzo e riduce le tue classifiche SEO.

16. Includi i tag Alt su tutte le immagini

Un alt tag è il testo posizionato dietro le tue immagini. Il testo descrive la tua immagine ed è utile per la SEO perché è qualcosa che i motori di ricerca possono indicizzare. Inoltre, i tag alt forniscono una descrizione che gli screen reader per non vedenti possono rilevare e che apparirà se l’immagine non viene caricata.

Nessuna lista di controllo SEO sarebbe completa senza discutere dell’autorità di dominio. I siti con autorità di dominio elevata sono quelli che i motori di ricerca hanno identificato come una destinazione importante per le informazioni su un argomento. Se ti colleghi a questi siti autorevoli, aiuterai a migliorare la tua autorità di dominio affermandoti come esperto. A sua volta, questo migliora la tua posizione sulle SERP.

Questa parte è ottima anche per la realizzazione di siti web professionali

Un altro passaggio essenziale per massimizzare le prestazioni SEO è il collegamento interno. Questa pratica incoraggia i lettori a controllare altre pagine, il che offre loro maggiori opportunità di vedere ciò che il tuo sito ha da offrire. Soprattutto per i siti di e-commerce e di blog professionali, avere clienti che si soffermano sul tuo sito Web nel suo insieme aumenta notevolmente l’efficacia complessiva. E i link rafforzano il tuo SEO in generale. Se sei su WordPress, dai un’occhiata a LinkWhisper per aiutarti a farlo in modo efficace.

19. Sfrutta l’ottimizzazione semantica del contenuto con il clustering di parole chiave

Il clustering delle parole chiave è il processo di suddivisione delle parole chiave in categorie. Ad esempio, una categoria sul mio sito è correlata alla SEO, mentre un’altra riguarda il marketing dei contenuti. Dai un’occhiata a questo post di Serpstat per una spiegazione definitiva: come raggruppare automaticamente le parole chiave con lo strumento di “clustering” di Serpstat .  

Sfrutta l'ottimizzazione semantica dei contenuti con il clustering di parole chiave

20. Includere elementi visivi per aumentare il tempo di permanenza

Includi elementi visivi per aumentare il tempo di permanenza

Vedi cosa ho appena fatto qui?

In poche parole, il tempo di permanenza è la quantità di tempo che i tuoi visitatori trascorrono sulle tue pagine web. C’è anche un tempo di sosta per l’intero sito, per visitatore. Entrambe queste metriche aiutano i motori di ricerca a determinare quanto sia prezioso il tuo sito per le persone interessate alla tua nicchia. Aggiungendo elementi visivi, rendi il sito un luogo piacevole dove rilassarsi e quindi aumentare il tempo di permanenza. Inoltre, le immagini sono un’altra opportunità per aggiungere informazioni sulle parole chiave SEO.

21. Aggiungi il markup dello schema ove possibile

Cos’è il markup dello schema? È un sistema che molti dei principali motori di ricerca hanno sviluppato per i proprietari di siti per mostrare loro perché il loro contenuto è importante. Il markup lo fa aiutando il motore di ricerca a comprendere correttamente il sito e quindi a catalogare le informazioni in modo più accurato. Quindi, se le parole chiave sono gli strumenti di categoria di alto livello, i markup dello schema aiutano il motore di ricerca a scavare più a fondo.

Un metodo comune che la maggior parte dei post del blog può utilizzare è lo schema delle domande frequenti , che vedrai in fondo a molti dei miei post sul blog sotto forma di domande frequenti.

Da considerare in particolare se si intende procedere alla creazione ecommerce

Checklist SEO post-pubblicazione

Solo perché hai premuto il pulsante “pubblica” non significa che hai finito con la SEO! Al fine di acquisire più traffico organico dai motori di ricerca, assicurati di continuare a mantenere il tuo sito Web e costruire sui tuoi contenuti esistenti e indirizzare più collegamenti ad esso seguendo questo elenco di controllo SEO post-pubblicazione.

Checklist SEO post-pubblicazione

22. Tieni d’occhio le classifiche dei motori di ricerca di Google

Se i tuoi sforzi SEO hanno successo, dovresti iniziare a classificarti per le parole chiave mirate per cui hai creato i contenuti. Tienili d’occhio e monitora se ci sono grandi cambiamenti, che potrebbero indicare tendenze nelle intenzioni di ricerca, concorrenti o qualcos’altro che potrebbe richiedere la tua attenzione.

23. Ottimizza i CTR di Google

Quando si tratta della checklist SEO, è necessario basarsi su quei ranking favorevoli che inizi a ricevere e aiutarli a mantenerli. Un modo per farlo è utilizzare il test A/B per aumentare il CTR su Google. Ad esempio, puoi utilizzare uno strumento come ClickFlow per fare esattamente questo e aumentare le tue possibilità di successo. Quando le persone fanno clic sui risultati dei motori di ricerca per visualizzare la tua pagina, aiuta ad aumentare ancora di più il tuo ranking SERP.

24. Ripubblica contenuto obsoleto

Non tutti i contenuti sono sempreverdi , anche se ti impegni a renderli pertinenti per un periodo di tempo. Ad esempio, i contenuti sui grandi incontri di persona non sono stati così importanti negli ultimi due anni. Le persone che pubblicano su questi a volte avevano bisogno di aggiornare il loro contenuto. Per fare questo, vorrai dire cose che le persone vogliono sapere, dato il cambiamento delle circostanze o i cambiamenti nelle discussioni.

Queste tecniche sono molto utilizzate presso la nostra agenzia seo milano

25. Elimina regolarmente i contenuti irrilevanti

Una parte importante di qualsiasi checklist SEO è sapere quando portare qualcosa offline. Quando un contenuto diventa così obsoleto da essere irrilevante, è il momento di rimuoverlo dal tuo sito. Cioè, se non puoi aggiornarlo. Eliminando i contenuti di minor valore, puoi mantenere le persone interessate al tuo sito e, nel tempo, mantenere più facilmente la tua posizione SERP.

26. Tieni d’occhio gli errori di scansione di Google Search Console

Anche le macchine intelligenti commettono errori. In Google Search Console , puoi vedere quando e dove Google ha eseguito la scansione del tuo sito per indicizzarlo. E allo stesso tempo, vedrai dove sono stati commessi problemi tecnici ed errori, come l’incomprensione del tuo materiale. Da qui, puoi inviare le correzioni a Google secondo necessità.

Un’altra minaccia per le ottime classifiche SERP sono i collegamenti interrotti. Nel tempo, i proprietari dei siti rimuovono e spostano le pagine. Quando ciò accade, puoi finire con un collegamento interrotto. I motori di ricerca penalizzano il tuo sito per averne troppi, quindi rimuovere o correggere i collegamenti è importante. Inoltre, la maggior parte delle persone trova frustrante quando si imbattono in collegamenti interrotti. Prendi molti di loro e le persone smetteranno di venire.

Usa la funzionalità di audit SEO di strumenti SEO come Serpstat per trovare collegamenti interrotti e reindirizzarli se necessario.

correggere i collegamenti interrotti

28. Guest Post per creare backlink

Una cosa che mi piace dell’essere un blogger è che posso pubblicare post sui blog di altre persone. Questo è divertente, ma aiuta anche entrambi con il nostro SEO attraverso i backlink. Il mio pubblico controlla l’altro sito e viceversa, quindi la pubblicazione degli ospiti è un’idea intelligente a tutto tondo per la SEO.

Un altro ottimo modo per ottenere backlink è apparire sui podcast. Ho un podcast che gestisco , ma mi vedrai anche unirmi ai podcast di altre persone come ospite. Allo stesso modo, a volte ho ospiti nel mio podcast Your Digital Marketing Coach e normalmente mi collegherò al loro sito Web nelle note del mio programma come cortesia per loro e per aiutare il mio pubblico.

Più puoi convincere altri siti Web e creatori a collegarsi a te, meglio è, a patto che tu non stia cercando di apparire sui podcast SOLO per ottenere un backlink. Dovresti sempre servire per primo e i backlink seguiranno naturalmente.

L’ultimo elemento della nostra checklist SEO riguarda anche i backlink. HARO sta per “Help a Reporter Out” ed è un luogo in cui giornalisti e altri media chiedono fonti per i contenuti che vogliono creare. Potresti essere intervistato al telefono o richiesto di inviare un preventivo e spesso queste citazioni aggiungeranno anche un collegamento al tuo sito Web quando pubblicate come attribuzione. HARO è un ottimo modo per farsi trovare, mostrare la propria esperienza e creare backlink al proprio sito web.

Non importa come lo tagli, la SEO è un duro lavoro. Ciò è particolarmente vero poiché il livello di concorrenza su Internet è aumentato esponenzialmente negli ultimi anni. Inoltre, ci sono più strumenti che mai che possono essere utilizzati per aumentare il posizionamento nei motori di ricerca. Fortunatamente, seguendo i passaggi di questa checklist SEO, hai una possibilità di combattere contro la concorrenza.

Foto dell’eroe di Glenn Carstens-Peters su Unsplash

Questo è un post che è stato ispirato e supportato da uno dei miei partner di marketing. Tutte le opinioni e le esperienze scritte sopra sono mie al 100%.

Web agency legnano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.