lenti per il copywriting straordinariamente potenti
CategoriesCopywriting

Creare contenuti per un blog può essere un po’ come prendere una pinata e sperare che tu lo colpisca. 

Non esiste una strategia per l’effettiva scrittura dei contenuti, di per sé. Stai solo sperando ciecamente che se colpisci abbastanza forte e veloce, colpirai l’oro (o i dolci, per così dire). 

Ma i marchi che lo fanno corrono un grosso rischio di perdere del tutto la pinata. E atterrando nel cespuglio spinoso proprio accanto ad esso, per non essere mai più visto. 

Il fatto è che i potenti contenuti del blog poggiano in gran parte sulle spalle di una potente copia. E la copia è un mix di scienza e arte che può essere analizzata per assicurarsi che sia il più forte possibile da ogni angolazione. 

Spesso, i marchi possono diventare eccessivamente tecnici e perdere tutti gli elementi d’oro che rendono un ottimo post sul blog così prezioso, leggibile e in definitiva riconoscibile.

E il testo poco brillante del blog è semplicemente un vero peccato. 

Ecco perché ho sviluppato una metodologia unica – Le 13 lenti – che analizza la copia e il contenuto del blog passandolo attraverso 13 lenti d’ingrandimento e aiutandoti a valutare come creare contenuti performanti. 

Che non perde un trucco. E rendi la copia in ogni fase della tua canalizzazione il più potente possibile.

Molto a fuoco, si potrebbe dire.

Questa parte è fondamentale anche per la realizzazione siti web e commerce

QUAL È L’ESSENZIALE DELLE 13 LENTI SU COME CREARE CONTENUTI OTTIMALE POTENTE?

Il concetto è che puoi utilizzare le 13 lenti per guardare qualsiasi copia o contenuto e analizzarne la potenziale efficacia. 

Questo crea una copia basata sulla strategia che ottimizza i contenuti da ogni angolazione. 

La copia è un mix magistrale di marketing completo, psicologia delle vendite, creatività e migliori pratiche di scrittura. E per non dimenticare i numerosi algoritmi e le esigenze delle varie piattaforme. 

Con le 13 Lenti, ogni singola area viene considerata ai fini della tua copia.

In questo caso, ti guiderò attraverso l’utilizzo delle 13 lenti per creare un post sul blog killer. Questo processo assicurerà che ogni post del blog che crei sia ottimizzato per la massima potenza possibile.

Un post sul blog di un supereroe, se vuoi.

Iniziamo. 

1. LA LENTE DEL PESCI ORO

I tuoi clienti hanno la capacità di attenzione del pesce rosso. 

Lo so, è duro ma vero. 

Spesso i marchi commettono l’errore di blaterare con paragrafi enormi e pesanti che perdono il loro pubblico dopo un paio di frasi. O anche a prima vista. 

Quando stai analizzando un post di un blog (o stai per scriverne uno), considera queste domande: 

  • I paragrafi sono brevi e sfalsati? Non più di tre o quattro frasi per paragrafo è la regola da seguire. 
  • Le frasi sono corte e dolci? Idealmente un pensiero per frase per ridurre al minimo le divagazioni. E mescolalo. Così.
  • Il contenuto è facile da scorrere e scansionare con sottotitoli e/o elenchi puntati? 

Dovresti essere in grado di rispondere con un grosso SI a queste tre domande. 

Ecco un brillante esempio dal blog di Freshcaller . 

PERCHÉ IL LORO CONTENUTO LO INCHIUDA
  • C’è un pensiero chiaro per frase, che impedisce al lettore di essere sopraffatto da pensieri saltellanti e testo grosso.
  • C’è un flusso naturale e facile da seguire, che si concentra su paragrafi di una frase brevi e dolci.
  • È FACILE DA LEGGERE: nessuna parola complicata o linguaggio esibizionista che costringe il lettore a consultare un dizionario.

Ricorda, hai circa 6 secondi per attirare la loro attenzione. E tienilo. Quindi mantienilo agitato. 

E parlando di mantenere il loro interesse…

2. LA LENTE DELL’INTRIGO

La curiosità potrebbe aver ucciso il gatto. Ma ha potenziato il white paper. 

Creare intrighi è essenziale per attirare il tuo lettore e mantenere il suo interesse suscitato. 

Un titolo forte dovrebbe colpire queste note di intrigo: 

  • Usa The Curiosity Gap – o inaspettato – nel titolo? 
  • Crea anticipazione fin dall’inizio con la narrazione o i cliffhanger?
  • Include statistiche intriganti specifiche? 

Ecco come è fatto, come dimostrato da questo titolo del white paper di Pardot : 

PERCHE’ E’ UN TITOLO INTRIGANTE
  • Il titolo pone la domanda: com’è una storia d’amore? Crea intrighi perché è unico e avvincente.

E COME LA PAGINA DI DESTINAZIONE CI AGGANCIA ANCORA DI PIÙ

Dai un’occhiata alla pagina di destinazione e a come ci coinvolge con una combinazione di statistiche e narrazione.

3. L’OBIETTIVO CONTESTO

I lettori del tuo blog non sono tutti allo stesso livello di consapevolezza. O raffinatezza.

Quindi dovrai considerare il contesto. 

Nella parte superiore della canalizzazione, ad esempio, i tuoi potenziali clienti potrebbero essere solo consapevoli del problema. E quindi è necessario essere istruiti sulle soluzioni disponibili a quel problema. 

Non saranno pronti ad ascoltare i tuoi servizi o prodotti che cantano e ballano… ancora. 

Hanno bisogno di nutrimento. 

Nessuno vuole essere proposto al primo appuntamento. 

Quindi fatti queste domande:

  • In quale fase di consapevolezza è probabile che si trovi il mio lettore? (Il tuo post sul blog dovrebbe vendere il passaggio successivo nella canalizzazione e non cercare di saltarli giù di troppi passaggi).
  • Quanto è probabile che sappiano già sull’argomento? (Il loro livello di sofisticatezza influenzerà se usi un linguaggio tecnico o semplice)

Qualunque sia la risposta, il contenuto sarà raramente commerciale e probabilmente avrà bisogno di un po’ di questo…

4. LA LENTE DI VALORE

I tuoi lettori devono ottenere il vero valore dai tuoi contenuti. 

Molto probabilmente stanno leggendo per essere istruiti sul problema che stanno affrontando e cercano una soluzione. 

Ma il web è pieno di post di blog squallidi che graffiano a malapena la superficie dell’argomento. E questo semplicemente non taglierà la senape se vuoi competere.

Quindi, devi pensare oggettivamente: 

  • Il contenuto dà un valore reale e tangibile al lettore? 
  • La lanugine non necessaria viene eliminata? 
  • Ci siamo collegati ad altre preziose risorse ogni volta che il tuo lettore potrebbe aver bisogno di ulteriori chiarimenti o suggerimenti?

Ecco la cosa: hai mai visto un post sul blog di un marchio che è la notizia della propria azienda? (Eek). 

Sentire parlare della promozione di Andy a vicepresidente delle vendite NON aggiunge valore alla vita del lettore. 

Invece, devi capire cosa fa funzionare il tuo lettore. Cosa renderà la loro vita migliore e come creare un articolo da quello. 

Il modo migliore per creare un post di valore sul blog? Conosci il tuo pubblico con conversazioni reali. 

Ecco un pratico articolo di Get Spokal per dimostrare come creare contenuti in base ai punti deboli dei tuoi clienti. 

E una volta che l’hai capito, è tempo di guardare…

5. L’OBIETTIVO ESTERNO-IN

Il punto principale da considerare qui è: il contenuto è creato su intuizioni, non su ipotesi? 

Chiedilo a te stesso: 

  • Utilizzi i dati di Voice of Customer? Si tratta di vere e proprie parole o frasi utilizzate dai clienti (possono essere raccolte dalle interviste agli acquirenti o anche semplicemente navigando sui social).
  • Abbiamo fatto una ricerca per parole chiave per capire cosa stanno cercando i potenziali clienti? Se sai cosa stanno digitando su Google, sei un vincitore in termini di ideazione dei contenuti.

In altre parole…

Non basare i tuoi contenuti solo su ciò che pensi possa risuonare (“pensiero dentro e fuori”). Basarli, attraverso la ricerca, su ciò che i potenziali clienti stanno effettivamente cercando (“pensare fuori dall’interno”).

I risultati parleranno da soli.

Da considerare per la realizzazione siti web gallarate

6. LA LENTE SCINTILLANTE CREATIVA

I contenuti possono utilizzare tutte le formule e le tecniche del mondo, con risultati decenti. Ma se manca quella scintilla creativa, la copia attirerà solo il tuo lettore finora.

Una sana iniezione di creatività è la chiave per creare contenuti accattivanti e che attirino l’attenzione. 

Dai un’occhiata a questa introduzione dal blog della mia agenzia. 

7. LA VERA LENTE PER PARLARE

No, non sto dicendo che le tue storie debbano essere tutte reali. Ma i tuoi contenuti devono essere facilmente riconoscibili. 

Le persone rispondono agli umani. E indipendentemente dal tuo marchio, tecnico o meno, devi comunicare con il tuo pubblico in un linguaggio chiaro e facilmente riconoscibile. 

Considera questi punti: 

  • Stai parlando direttamente al lettore con le parole ‘tu’ e ‘tuo’?
  • Stai ponendo domande al lettore e mantenendolo colloquiale? 
  • Stai alla larga da cliché e gergo? 
  • Il flusso sembra che qualcuno stia parlando? 

Dai un’occhiata a questo post del blog estratto da Mailchimp . 

Cosa noti qui? 

  • Esatto, non c’è gergo 
  • Parlano direttamente al lettore, usando la parola “tu”
  • Non usano un linguaggio eccessivamente complesso 

Ecco la cartina di tornasole: pensa al tono dei tuoi contenuti: parleresti con il tuo amico in un pub del genere? 

Se la risposta è “no”, potrebbe essere necessario renderlo più riconoscibile. 

Puoi avere maggiori informazioni sull’argomento contattando web agency milano

8. LA LENTE DELLA GERARCHIA

Il flusso del contenuto del tuo modulo più lungo deve avere un senso e non saltare dappertutto.

È necessario verificare se la struttura del post del blog è chiara e se ha senso . 

Tipicamente ciò comporterà: 

  • Un’intestazione potente –>
  • Un’introduzione avvincente –>
  • Sottotitoli basati sul valore che approfondiscono la risoluzione dei problemi (con esempi!) –>
  • Una sezione di conclusione che punteggia piacevolmente l’articolo. 

Un altro punto importante da raggiungere è la corrispondenza delle aspettative. In sostanza, il 10% più ricco del contenuto deve corrispondere a ciò che il lettore si aspettava di leggere. 

(Guarda il tuo clickbait qui, per favore.)

Ecco una struttura di post di blog in 9 parti che ti darà molti più spunti di riflessione (scritta davvero da te).

Il prossimo è importante…

9. LA LENTE DEL MARCHIO

I tuoi contenuti devono essere in linea con il tuo marchio. 

Davvero non vuoi parlare improvvisamente con un tono di voce diverso, di argomenti che non hanno nulla a che fare con… te .

I due punti più importanti da ricordare sono:

  • Stai usando il giusto tipo di inglese? (ortografie, modi di dire, riferimenti). 
  • Il tono di voce è in linea con le linee guida del tuo marchio? Vale a dire, ti stai attenendo a cose da fare e da non fare chiaramente definite su come il tuo marchio dovrebbe parlare e agire. 

Se non lo fai, corri il rischio di avere contenuti extra diluiti. 

Come la zucca eccessivamente acquosa (che i miei amici britannici conosceranno). E nessuno lo vuole. 

Ecco un pratico articolo di CoSchedule per fare i conti con le linee guida vocali del marchio. AKA il Santo Graal della creazione di contenuti di marca.

Questo argomento non va trascurato durante la creazione siti web milano

10. LA LENTE DEL CERVELLO PRIMALE

In poche parole: c’è una parte primaria del tuo cervello che agisce d’istinto. 

Senza che tu abbia nemmeno il tempo di pensarci. 

Funziona più velocemente della parte razionale più recente evoluta del tuo cervello. Quindi può essere una cosa potente a cui attingere.

Ecco come: 

  • Gioca su emozioni potenti come amore, nostalgia, rimpianto ecc 
  • Usa parole sensoriali come “puzza”, “amaro” e “setoso” 
  • Usa parole onomatopeiche come ‘bang’, ‘pop’ e ‘szzle’ 
  • Usa l’istinto più primordiale di tutti: la paura (ad esempio avvertendo i lettori di cosa andrà storto se non seguono i tuoi consigli)

Tutte queste tecniche letterarie daranno vita ai tuoi contenuti, rendendoli irresistibili facendo appello alla parte primaria del cervello. 

Il tuo lettore non può fare a meno di reagire. 

Ecco la “paura” in azione di Brafton: 

consulente seo

Ma devi ricordarlo

11. LA LENTE A ZIG ZAG

Il tuo contenuto è unico? 

O è lo stesso articolo comune che può essere trovato altrove tramite una rapida ricerca su Google? 

Il tuo blog deve distinguersi dagli altri nel tuo settore, è così semplice. 

Rimugina su queste domande: 

  • L’angolo, l’approccio o la prospettiva sono unici?
  • Il tono di voce è diverso da quello di altri blog e contenuti del blocco?
  • Hai le tue immagini con il tuo marchio unico o solo foto stock standard?

Avrai bisogno di fare la tua due diligence qui se vuoi che sia fatto correttamente. E con questo intendo un’analisi approfondita del post sul blog della concorrenza . 

E idealmente, come parte di una strategia in piena regola su come creare contenuti. 

Trovare i tuoi fattori di differenziazione è un approccio in più fasi che fa un GRANDE tuffo nella tua concorrenza e dove si trova il tuo posto per brillare. 

Ma per stuzzicare l’appetito, ecco 5 modi per differenziare il tuo blog .

12. LA LENTE SEO

Oh si. Quella che spesso viene considerata una bestia complessa, la SEO è una parte importante per far salire di livello i tuoi contenuti. 

Vuoi che anche Google si innamori dei tuoi contenuti 

Quindi, mentre scrivere un articolo veramente orientato al valore è sorprendente per la SEO, ci sono ovviamente bit e bob di parole chiave che devi considerare: 

  • La parola chiave focus è utilizzata nel titolo? 
  • Le parole chiave primarie e secondarie vengono utilizzate nel contenuto in modo naturale? (Ricevi le parole chiave – ritirati!)
  • La frase chiave esatta è nell’intestazione H1? 
  • Le immagini hanno descrizioni alternative collegate alla parola chiave primaria (ma non la stessa)?

Per una comprensione molto più approfondita di come SEO i tuoi post del blog, ecco 10 suggerimenti per aumentare la SEO dei tuoi post del blog .

E per ultimo, ma non meno importante…

13. LA LENTE D’AZIONE

I tuoi contenuti devono ispirare l’azione. 

È fantastico, se il tuo lettore riceve consigli utili e ti considera un’autorità… ma è ancora meglio se gli viene chiesto di agire in seguito. 

Considera questo: 

  • Esiste un invito all’azione (CTA) forte e pertinente? 
  • Li stai spostando alla fase successiva della canalizzazione? 

Diamo un’occhiata a questo post del blog estratto da Hubspot:

creazione siti e commerce

Win-win, giusto? 

Quindi è tutto in poche parole: come utilizzare la metodologia delle 13 lenti per analizzare il “potere di copia” di un post di un blog.

Ma…

E SE VUOI QUANTIFICARE COME CREI I TUOI CONTENUTI? 

È un’ottima domanda. E fortunatamente, ho una risposta altrettanto buona. 

Puoi effettivamente utilizzare questa metodologia come un sistema quantificabile di garanzia della qualità (QAing) per la tua tranquillità. 

Così:

Bud Helisson su Unsplash

Come creare domande frequenti sui contenuti

Come si creano buoni contenuti?

La creazione di buoni contenuti implica la comprensione del tuo pubblico e di ciò che stanno cercando. È anche importante essere consapevoli delle ultime tendenze nel tuo settore in modo da poter produrre contenuti tempestivi e pertinenti. Tuttavia, rimanere aggiornati semplicemente non è sufficiente. I tuoi contenuti devono anche essere ben scritti, accurati e informativi. Se sei in grado di fare tutto questo, allora sei sulla buona strada per creare buoni contenuti. Naturalmente, vale anche la pena notare che un buon contenuto non è statico.

Come posso avviare un creatore di contenuti?

Diventare un creatore di contenuti è un ottimo modo per condividere la tua passione con il mondo. Ecco alcuni suggerimenti per iniziare il tuo percorso di creazione di contenuti:

1. Definisci la tua nicchia. Cosa ti appassiona?
2. Trova la tua voce. Sii autentico, sii te stesso.
3. Investi in attrezzature di qualità.
4. Crea un programma e attieniti ad esso.
5. Interagisci con il tuo pubblico.

Come si creano esempi di contenuti?

Ecco alcuni suggerimenti su come creare contenuti:

1. Fai un brainstorming e organizza i tuoi pensieri su un argomento particolare.
2. Prova la scrittura gratuita o la mappatura mentale.
3. Una volta che hai un’idea generale di ciò che vuoi dire, inizia a organizzare i tuoi pensieri in uno schema.
4. Da lì, puoi iniziare a scrivere il tuo esempio di contenuto.
5. Assicurati di includere una conclusione che leghi tutto insieme.

Qual è un esempio di contenuto?

Qualsiasi forma di informazione scritta, visiva o audio creata o pubblicata può essere considerata contenuto. Ciò include tutto, dai post e articoli del blog ai podcast e ai video. In sostanza, il contenuto è tutto ciò che aiuta a informare, educare o intrattenere un pubblico. Quando si tratta di creare contenuti, le opzioni sono davvero illimitate. Tutto dipende dalle esigenze e dalle preferenze del pubblico che stai cercando di raggiungere. Tutti i contenuti di successo sono ben realizzati e offrono qualcosa di valore al lettore, allo spettatore o all’ascoltatore.

Da considerare per la realizzazione siti web busto arsizio

Quali contenuti posso creare?

Ecco alcuni suggerimenti per i tipi di contenuto che puoi creare:

1. Articoli didattici o video su un argomento che ti appassiona
2. Un elenco di suggerimenti o risorse utili su un argomento particolare
3. Uno sguardo dietro le quinte il tuo processo creativo o settore
4. Un colloquio con qualcuno di interessante o influente nel tuo campo
5. Una recensione di un prodotto, libro o film relativo al tuo lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.