quanto costa aprire un blog
CategoriesBlog

Sia che tu voglia diventare un influencer attraverso un blog o lanciare un blog per la tua attività, spesso mi viene chiesto: quanto costa avviare un blog?

Potresti essere sorpreso di sentire questo, ma puoi avviare un blog gratuitamente attraverso diverse piattaforme di blogging. Finché non ti dispiace scrivere tu stesso e pubblicare immagini di cui hai i diritti, come le foto che hai scattato con la tua fotocamera, non c’è motivo per cui devi mai pagare un centesimo rosso per avviare un blog. Ci sono molti servizi online che ospiteranno i tuoi contenuti gratuitamente, quindi non dovresti nemmeno preoccuparti di pagare il conto per lo spazio del server o un piano di hosting completo.

Detto questo, molte persone non sono esattamente innamorate di fare tutto questo su base personale. Poche persone hanno molto tempo da dedicare a qualcosa che non è direttamente correlato alla gestione dell’attività in cui sono già coinvolte. Alcuni potrebbero non sentirsi a proprio agio nello scrivere materiale e pubblicarlo senza ricevere assistenza professionale per farlo. Considerando che ogni giorno vengono pubblicati quasi 6 milioni di post sul blog , vorrai sicuramente assicurarti che i tuoi siano il più puliti possibile per aiutarli a distinguersi. Ciò potrebbe significare che dovrai assumere alcuni professionisti per aiutarti, sia modificando i tuoi contenuti sia valutando e lavorando per migliorare i punteggi di Google Analytics.

Fortunatamente, non devi spendere una fortuna per far funzionare un blog. Anche se hai pianificato di fare tutto in modo professionale, non c’è motivo per cui non puoi far decollare le tue idee per meno di poche centinaia di dollari spesi nel corso di un anno. Prima di iniziare, tuttavia, potresti voler esaminare i modi per ridurre i costi che potresti sostenere durante il tuo viaggio nel blog.

Gestire i costi associati alla gestione di un blog

WordPress alimenta il 43% dei siti Web del mondo, quindi ti consiglio di iniziare il tuo blog con WordPress, che gestisce anche questo blog. Ora diamo un’occhiata ai vari costi che dovrai sostenere durante lo sviluppo del tuo blog.

Nome del dominio

Un nome di dominio è anche chiamato l’indirizzo del sito che stai cercando di sviluppare. Un nome di dominio “.com” o “.net” viene solitamente fornito solo con la versione premium di una piattaforma di hosting. Per risparmiare sui costi, puoi utilizzare un nome di dominio che ha un tag aggiuntivo alla fine. Ad esempio, se il nome del tuo sito è “John Doe”, anziché avere un sito chiamato “www.johndoe.com”, potresti avere un sito chiamato “www.johndoe.wordpress.com”. Per alcuni, l’aggiunta dell’host del sito sembra poco professionale o infantile e scelgono di pagare la tariffa richiesta per un nome di dominio personalizzato. Altri preferiscono risparmiare i soldi che verrebbero spesi per il nome di dominio e conservare il tag “.wordpress” o “.blogspot”. 

 

Hosting di siti web

A meno che tu non preveda di utilizzare un servizio gratuito per ospitare il tuo materiale, dovrai calcolare i costi complessivi di hosting del tuo sito Web e capire quanto del tuo budget potenziale verranno consumati. Il settore dell’hosting condiviso è attualmente scambiato in una sorta di mercato competitivo, quindi è sicuramente un buon momento per acquistare. Ci sono una serie di offerte che possono ridurre i costi di hosting a meno di circa $ 36-60 all’anno.

Detto questo, dovresti comunque esaminare altri tipi di servizi prima di prendere una decisione definitiva. I prezzi di rinnovo presso i provider di hosting freemium tendono ad essere i più costosi. Un certo numero di siti che non sono gestiti da servizi veramente gratuiti offriranno agli utenti due o tre anni gratuitamente. Tuttavia, una volta che arriva il momento di pagare finalmente per un altro anno, normalmente addebiteranno molto di più rispetto alla media del mercato. A quel punto, potresti aver già firmato un contratto virtuale che richiede di continuare a pagare per un certo periodo di tempo prima di poter uscire. Se hai intenzione di optare per un host gratuito, assicurati di scegliere qualcosa che sia effettivamente gratuito.

Indipendentemente dal tipo di servizio con cui lavori, assicurati di eseguire backup regolarmente, perché le interruzioni possono far aumentare i tuoi costi complessivi. In generale, i costi di web hosting dovrebbero essere tra le ultime preoccupazioni quando si gestisce un blog. La maggior parte delle persone finisce per spendere molto di più per la creazione e la cura dei contenuti di quanto non faccia mai per il servizio di hosting stesso.

Tuttavia, se l’azienda con cui lavori fallisce, il tuo blog potrebbe finire improvvisamente per svanire. Dovresti ricreare tutto quel contenuto che hai perso nel processo se non avessi i backup, che possono costare migliaia di dollari e distruggere i contenuti del blog, i moduli di contatto e in modo efficace un blog di successo. Tenere una copia aggiuntiva su un’unità locale è gratuito e ci sono molti servizi di archiviazione cloud gratuiti o a basso costo che ti aiuteranno a ottenere la massima tranquillità. A volte, potresti prendere in considerazione piani forniti con una serie di strumenti di blogging gratuiti. Alcuni di questi sono solo passaggi per cercare di attirare altri clienti, ma di tanto in tanto potresti trovarne uno che può aiutarti a ridurre i costi eliminando la necessità di acquistare qualche altro software. Presta particolare attenzione ai piani di hosting forniti con una sorta di strumento pubblicitario, poiché dovrai comunque acquistarli in seguito.

Tema WordPress

Un tema del blog è essenzialmente la decorazione del blog in questione. Un tema in genere comprende i colori utilizzati, i caratteri utilizzati, il layout della pagina e la struttura del sito nel suo insieme. I temi premium possono variare da pochi dollari a centinaia di dollari, a seconda del livello di personalizzazione coinvolto e della persona utilizzata per creare il tema. 

I temi di WordPress variano considerevolmente in termini di portata e persino di dove li trovi. Lo stesso sito WordPress offre molti temi (sia gratuiti che a pagamento), ma puoi anche pagare uno sviluppatore web o un grafico per creare un tema completamente unico utilizzato per massimizzare i tuoi sforzi di branding e creare una persona distinta. 

Plugin WordPress

Il termine “plugin” è usato per descrivere un pezzo di software che viene aggiunto a un sito per migliorarne le capacità. Può essere utilizzato per descrivere un numero davvero illimitato di applicazioni che possono migliorare una serie di funzionalità del tuo sito. Alcuni plug-in potenziano l’analisi di Google e ti consentono di monitorare in modo più approfondito i tuoi sforzi di blogging. Altri migliorano l’aspetto del tuo sito e ti consentono di inserire collegamenti a cose come un elenco di e-mail o un profilo di social media utilizzando icone specializzate. Sebbene i plug-in non siano necessariamente essenziali per essere un blogger di successo, forniscono molte più opzioni di personalizzazione rispetto ai siti che non utilizzano plug-in. 

Fortunatamente, sono disponibili molti plug-in gratuiti progettati per migliorare l’esperienza dei visitatori del tuo sito o per migliorare la tua esperienza sul tuo sito. Questi spesso vengono forniti con una guida passo passo per guidare gli utenti attraverso come usarli e come sfruttare le funzionalità aggiuntive fornite aggiungendo plug-in al tuo sito. 

I plug-in di WordPress possono essere trovati sul sito WordPress stesso durante la configurazione del sito e possono essere trovati altrove su Internet, inclusi i canali dei social media, dove le aziende pubblicizzano i loro prodotti. Questi prodotti digitali possono abbellire molto il tuo sito e distinguerti dai tuoi colleghi. 

Una volta che hai risolto questi problemi e hai l’infrastruttura tecnica per il tuo blog, puoi quindi passare all’aspetto del blog effettivo del tuo sito. Ovviamente, potresti scrivere i tuoi post sul blog usando il tuo tempo, ma come si suol dire, il tempo è denaro, quindi potresti voler iniziare a considerare la possibilità di assumere creatori di contenuti per far funzionare il tuo blog.

Da considerare per la realizzazione siti web busto arsizio

Il costo della scrittura freelance nel 2022

A causa del fatto che più persone lavorano da casa in questi giorni, ci sono buone probabilità che tu possa ottenere un prezzo più competitivo oggi rispetto a quello che potresti avere tre o quattro anni fa. Tuttavia, c’è anche un gran numero di servizi online senza scrupoli che vendono contenuti che vengono palesemente presi da qualche parte o ricavati da materiale esistente utilizzando un programma per computer.

Probabilmente hai iniziato a leggere un post sul blog, solo per scoprire che il contenuto stesso era incoerente. In molti casi, ciò è direttamente correlato alla combinazione di questi due metodi di produzione senza scrupoli. Il vecchio adagio sull’ottenere ciò per cui si paga non è mai così vero come nel mondo del content marketing.

Oltre a trovare qualcuno in grado di scrivere contenuti decenti, vorrai anche cercare una persona o un’organizzazione in grado di produrne una buona parte. Le aziende che sono in grado di aumentare il traffico del blog spesso bloggano 4 volte a settimana e per ottenere un posizionamento più elevato nei motori di ricerca, si consiglia che ogni post contenga tra 1.140 e 1.285 parole ( fonte ). Anche se non vuoi creare spam, vuoi assicurarti di pubblicare qualcosa di nuovo abbastanza frequentemente da attirare l’attenzione dei potenziali lettori e dei motori di ricerca. A seconda del tipo di blogstai correndo, potresti voler provare la tecnologia dei social media automatizzata per attirare lettori aggiuntivi. Anche se non vuoi fare affidamento su questo tipo di software per scrivere effettivamente qualcosa, puoi usarlo per attirare persone e migliorare i tuoi punteggi di Google Analytics. Soprattutto, questo tipo di tecnologia in genere non dovrebbe aumentare affatto la bolletta operativa.

La soluzione migliore è lavorare con un’organizzazione che stipula contratti con scrittori e fotografi freelance per fornire contenuti. Questi gruppi sono stati talvolta chiamati content mill, ma in realtà ti danno più che sufficiente margine di manovra per specificare esattamente quale tipo di scrittore preferisci. Normalmente addebitano un costo per parola di circa $ 0,02- $ 0,05 per gli articoli, quindi puoi aspettarti di pagare circa $ 20-50 per 1.000 parole di materiale ben scritto. È un vero affare se si considera quante persone un singolo post del blog può portare nel tuo marchio.

A seconda dell’aspetto del tuo programma, molto probabilmente vorrai integrarlo con i tuoi post. Ogni articolo che scrivi è uno in più di quello che non devi ordinare, il che può portare a un risparmio abbastanza consistente nel lungo periodo. Coloro che hanno bisogno di acquistare immagini d’archivio o fotografie su base abbastanza regolare potranno anche risparmiare denaro se sono in grado di fornire alcune proprie illustrazioni. Se gestisci qualsiasi tipo di sito di e-commerce, molto probabilmente puoi utilizzare le immagini dei prodotti per alcuni articoli.

Costi di marketing per promuovere il tuo blog

Discuteremo di monetizzare il tuo blog più avanti, ma supponendo che il tuo blog sia la tua attività, dovresti iniziare a promuovere effettivamente il tuo blog in modo che più persone lo visitino e alla fine ne guadagnerai di più. Con questo in mente, ecco alcuni costi aggiuntivi per avviare un blog che devi calcolare nei tuoi calcoli.

Servizio di email marketing

Dalle società di email marketing ai software di email marketing, un servizio di email marketing può aiutarti a sviluppare contenuti accattivanti e un pubblico coerente per creare un elenco e-mail sostanziale utilizzato per fornire informazioni sul dominio del tuo blog, sul tuo marchio e sulla tua azienda. Un servizio di email marketing può essere coinvolto o meno come desideri. Alcuni di questi servizi, ad esempio, forniscono poco più delle ossa con cui creare contenuti per i tuoi abbonati e-mail. Altri sono molto più completi nelle loro offerte e forniscono non solo una piattaforma da cui creare campagne di email marketing, ma anche strumenti di analisi, suggerimenti sui contenuti e un team di persone preparate ad aiutarti a sviluppare e realizzare le tue campagne di email marketing. 

Sebbene questo solido insieme di servizi abbia un costo aggiuntivo, alcuni blogger ritengono che l’aumento del traffico del blog e dei visitatori del blog valga la pena sostenere qualsiasi spesa aggiuntiva. Dopotutto, costruire un blog da zero non è un’impresa facile e molti blogger hanno bisogno di tutto l’aiuto possibile. 

Da valutare anche per la creazione siti e commerce

Strumenti per i social media

Gli strumenti dei social media per i blogger sono in gran parte progettati per aumentare il traffico del blog e automatizzare la pubblicazione sui social media per ridurre il carico di lavoro sulle spalle di un blogger emergente. Automatizzare i post sui social media non è certamente una cattiva idea; i social media sono essenziali quando si crea e si promuove un blog e pubblicare regolarmente su una piattaforma di social media può consumare rapidamente una grande quantità di tempo ed energia. Creare (o pagare per far creare a qualcun altro) contenuti sui social media richiede tempo e può essere un enorme vantaggio avere tutti quei contenuti preparati e pronti per essere pubblicati ogni settimana, piuttosto che dover saltare sul tuo computer o telefono ogni giorno per pubblicare i tuoi contenuti su tutti i tuoi canali social. 

Strumenti SEO

Gli strumenti SEO sono estremamente utili durante la creazione e la pubblicazione dei contenuti del tuo blog. Gli strumenti SEO possono essere utilizzati in vari modi, incluso lo sviluppo di idee per i post del blog, la determinazione delle migliori parole chiave da targetizzare quando inizi a scrivere e l’apprendimento come attrarre al meglio la tua nicchia di blog. Se il tuo blog è uno strumento supplementare utilizzato per promuovere i tuoi corsi online, o la tua attività di blogging è utilizzata principalmente per indirizzare i blogger principianti alla tua attività di progettazione grafica, gli strumenti SEO ti aiuteranno a sviluppare post e pagine che ottimizzeranno in modo più efficace la portata e l’aiuto del tuo blog raggiungi i tuoi obiettivi di blog. 

Gli strumenti SEO possono fare la differenza tra il successo del blog e il fallimento del blog, perché raccolgono informazioni su come commercializzare al meglio il tuo materiale e aumentano le probabilità che tu compaia nei risultati di ricerca di Google. Dai blogger per hobby a un’attività di blogging, gli strumenti SEO possono essere assolutamente vitali per trovare successo nella tua specifica nicchia di blogging. 

Quanto costa avviare un riassunto del blog

Sulla base di quanto sopra, ecco un esempio di quanto vuoi investire per creare, lanciare, gestire e promuovere con successo il tuo blog. Nota che questi costi di blogging sono numeri medi e potresti essere in grado di trovare offerte speciali o finire per spendere di più, ma questo dovrebbe darti un’idea per aiutarti a gestire le tue aspettative.

  • Nome di dominio: da $ 10 a $ 15 (annualmente)
  • Hosting di siti Web: da $ 5 a $ 25 (mensile)
  • Tema WordPress: gratuito fino a $ 100 (annualmente)
  • Plugin WordPress: gratuiti fino a $ 200 (annualmente)
  • Scrittura di blog: gratuita fino a $ 500 (mensile, dipende da quanto esternalizzi)
  • Email Marketing: gratuito fino a $ 200 (mensile, a seconda delle dimensioni dell’elenco)
  • Strumenti per i social media: gratuiti fino a $ 100 (mensile)
  • Strumenti SEO: gratuiti fino a $ 100 (mensile)

Osservando quanto sopra, puoi vedere che la gestione di un blog può effettivamente costare quasi nulla, ma poi ci vorrà molto del tuo tempo e potresti non essere in grado di promuoverlo così come se avessi usato alcuni dei tipi di strumenti che ho consigliato.

Ora che hai una gestione relativamente buona del tipo di costi di blog che potresti considerare, dovresti essere in grado di capire cosa potrebbe essere necessario per mitigarli. Sono disponibili diverse opzioni per qualsiasi proprietario di sito che lo desideri e potresti anche essere abbastanza fortunato da ottenere un piccolo profitto nel tempo senza investire tutto quel profitto in strumenti di blogging.

Questo argomento è molto sfruttato dal consulente seo

Monetizzare il tuo blog per ridurre i costi

Ti consigliamo di iniziare a monetizzare il tuo blog il prima possibile, il che ti consentirà di recuperare rapidamente i costi iniziali.

Prodotti e servizi

Il modo più rapido per monetizzare il tuo blog è se fa già parte di un sito Web integrato che vende i tuoi prodotti e servizi. In tal caso, vorrai sicuramente utilizzare il tuo blog come un modo per attirare clienti nella tua attività principale. Assicurati di fornire molte informazioni utili ai tuoi lettori e alla fine inizierai a generare più vendite che mai.

Chiedi donazioni

Se non hai prodotti o servizi da commercializzare, non aver paura di chiedere donazioni, ma ricorda che ci sono degli svantaggi nel raccogliere fondi in questo modo. Se stai fornendo contenuti utili per i tuoi lettori, potresti essere in grado di utilizzare un plug-in per le donazioni online per recuperare parte dei costi di fornitura di questi contenuti. Tieni presente che ci sono commissioni associate all’utilizzo di questi servizi, che normalmente usciranno dai soldi che i tuoi follower stanno donando.

Visualizza annunci online

Può essere difficile attrarre donatori, il che può causare difficoltà a coloro che hanno bisogno di recuperare rapidamente l’investimento iniziale. Se è così, allora la tua prossima scommessa migliore è la pubblicità. Coloro che intendono intraprendere questa strada vorranno potenzialmente lavorare con più di un’organizzazione per aumentare le proprie possibilità di essere pagati.

Naturalmente, vorrai assicurarti di stipulare accordi con i principali, come Google. Tuttavia, fai attenzione ai singoli inserzionisti e ad altre istituzioni più piccole che ti pagheranno direttamente. Coloro che gestiscono blog popolari sono spesso in grado di vendere spazi pubblicitari direttamente a coloro che forniscono servizi in settori che potrebbero interessare i loro lettori.

Allo stesso tempo, vorrai sfruttare il potere delle tue connessioni sui social media per raccogliere denaro. Ad esempio, puoi collegare il tuo blog alla campagna di marketing su Twitter della tua azienda per attirare denaro pubblicitario da più canali.

Questo argomento non va trascurato durante la creazione siti web milano

Marketing di affiliazione

Infine, il marketing di affiliazione è un altro tipo di pubblicità che può attirare entrate in modo efficace se fatto bene. I link di affiliazione consentono ai tuoi lettori di acquistare articoli da aziende con cui hai collaborato e ricevi una piccola quantità del costo totale. 

Anche se gestire un blog in questo modo può sicuramente essere una sfida, ne vale sicuramente la pena una volta che inizi a guadagnare davvero. Non aver paura dei costi associati all’avvio di un blog perché se fai le cose per bene, puoi recuperarli facilmente ed essere sulla buona strada per trarre profitto in pochissimo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.