tasso di conversione dell'email marketing
CategoriesMarketing

Per la maggior parte delle persone, consumatori e professionisti del marketing, l’email marketing è una parte della vita quotidiana. Per i consumatori, è uno dei modi migliori per tenersi in contatto con i loro rivenditori preferiti o altre aziende. E per gli esperti di marketing, l’e-mail è un ottimo modo per raggiungere costantemente le persone interessate a un marchio. Tuttavia, nel nostro mondo, qualsiasi cosa valga la pena fare deve avere un ritorno sull’investimento positivo. In alcuni casi, ovviamente, la fedeltà al marchio e altre misure meno tangibili vengono utilizzate per il ROI dell’email marketing.

Tuttavia, per molti marchi, lo scopo principale dell’email marketing è generare vendite. Anche se si tratta di un obiettivo di vendita indiretto, questo è sempre al primo posto nelle nostre menti. Con questo in mente, tuttavia, come esprimiamo l’efficacia del nostro marketing via e-mail nella creazione di vendite? Nella maggior parte dei casi, è il tasso di conversione. Comprendere il tasso di conversione dell’email marketing e come migliorarlo è l’obiettivo di questo articolo.

Che cos’è e come calcolare il tasso di conversione dell’email marketing

La definizione di un tasso di conversione di email marketing è semplice: la percentuale di email inviate che danno luogo all’azione desiderata. Ma da qui, puoi definire una conversione in diversi modi. I siti di e-commerce di solito tengono traccia di aperture, click-through e acquisti. Tuttavia, per un’organizzazione no profit, è probabile che il tasso di apertura sia molto più importante. Le persone leggeranno spesso diverse newsletter, ad esempio, prima di contribuire.

Indipendentemente dalla metrica che scegli di monitorare come conversione, tuttavia, l’equazione è la stessa: dividi il numero di risultati desiderati per il numero di e-mail ricevute. Quindi, moltiplica il risultato per 100. Il risultato è espresso in percentuale.

Qual è un buon tasso di conversione dell’email marketing?

Naturalmente, una cosa è conoscere il tuo tasso di conversione dell’email marketing e un’altra è capire cosa rende buono uno. Tuttavia, non esiste un unico numero che descriva il successo per tutti. L’azione desiderata influisce su un tasso desiderabile, così come il settore e il tipo di e-mail. Inoltre, tieni presente che questi numeri sono medie. Puoi comunque determinare l’efficacia relativa confrontando i tuoi numeri tra categorie e nel tempo.

Tassi di apertura e di click-through di email marketing per settore

Innanzitutto, dovresti sapere che il tasso di conversione dell’email marketing varia in base al settore. Secondo un sondaggio, il tasso medio di apertura delle e-mail in tutti i settori era di poco superiore al 21%. Tuttavia, questo rappresenta una variazione significativa tra i migliori e gli ultimi risultati. Nella fascia bassa, le e-mail relative agli integratori vitaminici hanno avuto solo un tasso di apertura del 15%, mentre le agenzie governative arrivano a poco meno del 28%. Altri risultati migliori includevano religione e hobby, entrambi superiori al 25%.

Per quanto riguarda le percentuali di clic, i ristoranti hanno ottenuto il punteggio più basso all’1,3% e nella fascia alta gli hobby al 5%. La media tra i settori è risultata essere del 2,6%.

Un sondaggio simile di Get Response ha rilevato un tasso di apertura complessivo del 22%. Il loro miglior rendimento è stata una categoria generica di “non profit”, con un tasso di apertura di poco superiore al 30%. D’altra parte, le e-mail di “marketing su Internet” hanno avuto un tasso di apertura di circa il 15%. Anche le percentuali di clic hanno avuto un’oscillazione significativa. I viaggi sono stati i più bassi, con un tasso di conversione dell’1,6%, e la pubblicazione a 4,2, con una media del 2,1%.

Con questi numeri in mente, possiamo dire che un buon tasso di conversione dell’email marketing è qualcosa pari o superiore alla media. Naturalmente, battere la media con un margine significativo è sempre un grande obiettivo.

Tassi di apertura, click-through e conversione di email marketing per tipo di email

Naturalmente, anche all’interno di un settore, non tutte le email sono uguali. Alcuni tipi di email hanno un tasso di conversione di email marketing più elevato rispetto ad altri. Lo studio Mail Chimp sopra citato ha rilevato alcune tendenze interessanti in quest’area. Ad esempio, le e-mail con un tocco personale tendevano a vedere una percentuale di clic più elevata. Allo stesso modo, è più probabile che le righe dell’oggetto accattivanti o interessanti ottengano l’apertura dell’e-mail. E, infine, le e-mail con contenuti accattivanti avevano maggiori probabilità di ottenere la tariffa desiderata. Questi standard, ovviamente, variano a seconda del settore.

Se hai dubbi sull’argomento non esitare a contattare la nostra agenzia marketing milano per ulteriori argomenti

Come aumentare il tasso di conversione dell’email marketing

Ovviamente, indipendentemente dal tuo settore, ottenere un ottimo tasso di conversione dell’email marketing è tanto un’arte quanto una scienza. Dopotutto, quelle cose che attraggono un pubblico potrebbero essere inutili per un altro. Detto questo, fintanto che sei in sintonia con il tuo pubblico, ci sono diverse tecniche che puoi implementare per migliorare i tuoi numeri di marketing complessivi.

Potare la tua lista

È fantastico avere una grande lista di email, ma è necessario massimizzare l’efficacia di quella lista. Ciò significa rimuovere le persone che non sono interessate a ciò che hai da dire. Mettiti in contatto con coloro che sono stati inattivi per un po’ e chiedi se sono ancora interessati. In caso contrario, rimuoverli dall’elenco. Ricorda, questa non è necessariamente una cosa negativa: un marchio di abbigliamento per bambini, ad esempio, può e dovrebbe “perdere” un cliente quando tutti i bambini di una famiglia passano alle taglie per adulti.

Fallo regolarmente per mantenere la tua lista a un livello di alta qualità. Sebbene l’email marketing abbia un elevato ritorno sull’investimento, l’invio di e-mail ha comunque un costo per e-mail modesto. Inoltre, queste persone che non trovano più i nostri contenuti pertinenti riducono automaticamente il tuo tasso di conversione, perché raramente, se non mai, aprono l’e-mail, tanto meno fanno qualsiasi altra cosa.

Segmenta la tua lista

Un’altra tecnica per aumentare il tasso di conversione dell’email marketing è la segmentazione degli elenchi. Secondo Marketing Insider Group , le campagne segmentate guadagnano il 760% in più di quelle non segmentate. Quando suddividi la tua mailing list in gruppi, puoi inviare a ciascuno solo i messaggi più rilevanti. Ciò significa, ad esempio, che se disponi di più linee di prodotti che si rivolgono a un diverso gruppo di clienti, stai solo commercializzando le linee giuste alle persone giuste.

Dovresti segmentare da quando le persone entrano nel tuo elenco, ma puoi sempre segmentare in base al loro comportamento digitale o chiedere loro le loro preferenze attraverso un sondaggio. La segmentazione in base al comportamento è una tecnica comune: se ti abboni alle e-mail tramite una farmacia o una catena di alimentari, ad esempio, spesso ti invieranno offerte in base alla cronologia degli acquisti. In alternativa, un’azienda di prodotti per la cura personale dovrebbe segmentare in base a tratti come la fase della vita o il tipo di pelle.

Questo argomento non è assolutamente da trascurare rispetto alla creazione di siti internet milano

Ottimizza la frequenza con cui invii le email

Non tutti vogliono ricevere le tue comunicazioni in ogni momento. Ad esempio, ci sono molte persone che non fanno acquisti in un posto molto spesso. O per le organizzazioni religiose, ci sono probabilmente date specifiche in cui è più probabile che le persone partecipino alle funzioni. Allo stesso tempo, alcuni membri della comunità vorranno partecipare ogni settimana.

A parte questi esempi, il principio generale è semplice. Aumenta la frequenza ai tuoi fan, diminuisci la frequenza a coloro che potrebbero preferire comunicazioni meno frequenti. Meglio ancora, lascia che i tuoi abbonati decidano con quale frequenza vogliono che li contatti offrendo loro questa opzione. Vedrai spesso gli e-mail marketer chiedere cosa vuole un cliente dalle e-mail nei moduli di attivazione e nelle e-mail i collegamenti per modificare la propria iscrizione.

Mobile First Design

Marketing Insider Group ha condotto uno studio che ha dimostrato che il design mobile è importante. Ad esempio, hanno scoperto che tra il 55 e il 60% delle e-mail viene aperto su uno smartphone o un tablet. Inoltre, il loro studio ha dimostrato che se un’e-mail non è ottimizzata per i dispositivi mobili, il 70% dei destinatari la cancellerà immediatamente. Questo è vero anche se l’e-mail stessa è ben progettata per la visualizzazione desktop o basata sul Web. Considerando quante persone usano i loro smartphone per la posta elettronica, questa probabilmente non è una statistica sorprendente.

Questo argomento è molto sfruttato dal consulente seo

Padroneggia le righe dell’oggetto

Un’altra intuizione dello studio Marketing Insider è che le linee tematiche sono importanti. In effetti, un enorme 47% degli utenti decide se aprire o meno un’e-mail in base alla riga dell’oggetto. Naturalmente, l’intento della tua email avrà un’influenza significativa sulla riga dell’oggetto. Ad esempio, se stai annunciando un evento o un’ora di riunione , probabilmente va bene se la riga dell’oggetto è asciutta. D’altra parte, un’e-mail che annuncia l’evento di una vendita dovrebbe attirare l’attenzione. I tuoi clienti ne ricevono molti ogni giorno, quindi sii convincente.

Personalizzare

Quasi tutte le organizzazioni (96%) concordano sul fatto che la personalizzazione delle e-mail migliora il tasso di conversione dell’email marketing. Ciò non sorprende se si considera che uno dei modi più antichi per ottenere una vendita è conoscere il proprio cliente per nome. Ha funzionato quando le città erano piccole ed è ancora efficace con le piccole imprese . Le e-mail personalizzate ne sono un’estensione.

Senso di urgenza / Scarsità / Esclusività

 Qualunque siano le informazioni che fornisci o la campagna che esegui, utilizza i concetti di urgenza o scarsità collaudati nel tempo per incoraggiare l’azione. Il modo in cui rendi l’opportunità esclusiva in qualche modo dipende dai tuoi obiettivi immediati ea lungo termine. Ad esempio, se la campagna è riservata esclusivamente agli abbonati e-mail, ciò potrebbe creare un ambiente in cui i lettori attenderanno con impazienza, apriranno e convertiranno le tue future e-mail. Ciò è particolarmente vero con le e-mail informative, come le newsletter.

D’altra parte, un sito di e-commerce in genere vuole vendere qualcosa in un periodo relativamente breve. A tal fine, le e-mail parleranno di una promozione. Questi possono essere sconti, regali con l’acquisto e spedizione gratuita, ad esempio. Qui, vuoi assicurarti che le persone capiscano che l’offerta non sarà disponibile a lungo. 

Il tuo invito all’azione DEVE essere attraente e fornire VALORE

Questo è ovvio. Uno sconto del 10% potrebbe essere ENORME per te, ma non necessariamente per un potenziale acquirente. Tra le altre cose, un’offerta interessante o di valore dipende dai tuoi margini di profitto, dalla quantità di concorrenza e dalla domanda di tali prodotti. Quando si tratta di qualcosa come una percentuale di sconto o un’offerta simile, essere competitivi con altri marchi è importante.

Ci sono, tuttavia, situazioni in cui la tua CTA non fornisce qualcosa di valore monetario. Ad esempio, un’organizzazione no profit che offre una newsletter offre il valore di informare i sostenitori delle ultime attività. Qui, è più che parlare di ciò che conta per il collegio elettorale di un’organizzazione. Piuttosto, è la comodità aggiuntiva di quelle persone che non hanno bisogno di rintracciare le informazioni. Molte persone impegnate non lo faranno.

Da valutare anche per la creazione siti e commerce

Usa una pagina di destinazione attraente e dedicata

Consenti al potenziale cliente di trarre vantaggio dalla tua offerta attraverso una pagina di destinazione attraente e dedicata. Questa può essere una semplice pagina di abbonamento, ad esempio con una newsletter aziendale o senza scopo di lucro. Oppure, possono essere maggiori dettagli sull’offerta speciale che un’azienda sta offrendo ai clienti. La pagina dovrebbe essere adattata all’accordo specifico o ad un’altra azione desiderata, piuttosto che a qualcosa di generico.

C’è di più in questo, però, oltre alla semplice coerenza. Non vuoi che le persone arrivino alla pagina di destinazione, quindi ti chiedi se sono nel posto sbagliato. Ciò comporterebbe spesso che le persone se ne vadano prima che tu ottenga il risultato desiderato. Per questo motivo, un’ottima pagina di destinazione è una chiave per migliorare il tasso di conversione dell’email marketing.

Prendi l’abitudine dei test A/B

È impossibile fare tutto bene la prima volta, quindi prendi l’abitudine di testare sempre a/b gli elementi di cui sopra per ottimizzare il tasso di conversione dell’email marketing. Per i nostri scopi, questa è la pratica di testare due contenuti alternativi per vedere quale funziona meglio. Quindi, potresti avere due versioni di un’e-mail che verranno inviate allo stesso segmento della tua lista di e-mail. Quindi, tieni traccia di quale versione funziona meglio. 

Una volta ottenute le informazioni grezze dal test a/b, puoi trarre conclusioni su ciò che è più efficace. Ad esempio, potrebbe essere che un gruppo di acquirenti preferisca un regalo con l’acquisto a uno sconto generale. Infine, tieni presente che alcuni client di posta elettronica consentono un certo grado di test a/b senza effettivamente inviare le e-mail.

Migliorare il tasso di conversione dell’email marketing non è necessariamente così difficile come pensi. Come per molte altre cose nel marketing, ottenere risultati è più un’arte che una scienza. Tuttavia, conoscere i numeri da battere ti aiuta a fissare obiettivi realistici. Infine, seguire i suggerimenti di email marketing in questo articolo ti aiuterà a raggiungere il successo.

Web agency gallarate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

web agency milano

Scrivici su Whatsapp

+39 347/5271956

info@vbmarketing.it

Le nostre sedi:

Milano – Legnano (MI)
Gallarate (VA)

Copyright © 2021 editech. All Rights Reserved.